Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Come liberarsi dei tarocchi

tarocchi carte liberarsi bruciare negatività

  • Per cortesia connettiti per rispondere
50 risposte a questa discussione

#1 charl8

charl8

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 3 messaggi

Inviato 12 ottobre 2016 - 03:49

Ciao a tutti,
sono nuova del forum e mi sono iscritta perché ho bisogno di un consiglio.
Fino a 8-9 anni fa ero piuttosto vicina all'ambito esoterico, soprattutto per quanto riguarda la lettura dei tarocchi, finché non sono accadute cose spiacevoli, che mi hanno anche spaventata. Vi spiego tutto.

Nel 2007 sono andata a trovare una mia amica nelle Marche. Già dalla prima notte cominciarono a succedere cose strane. Mentre dormivo si accese la TV e io "sognai" un groviglio di capelli biondi immersi in acqua e sentì che c'era un uomo nella stanza. Da quella sera cominciammo a dormire tutti insieme in una stanza per la paura. Un nostro amico trovò qualche giorno dopo nella stanza liberata da un suo vecchio coinquilino una scatola di latta con dei tarocchi all'interno, apparentemente nuovi o poco usati. Sapevamo poco o niente di questo tizio, se non che era piuttosto "particolare" e che aveva portato via con sè tutto, tranne quella scatola, riposta in fondo all'armadio. Questo amico portò le carte da noi e me le regalò. So di essere stata incosciente, ma le ho accettate ed usate senza pensarci due volte. Mi sentivo attratta da quelle carte e tutto ciò che leggevo aveva un senso.

In quella casa continuavano ad accadere avvenimenti strani, tipo rumori notturni, incubi, sensazioni, voci. Ad un certo punto ci viene la geniale idea di usare le carte e la meditazione per metterci in contatto con questa "entità" e lì ci siamo spaventati ancora di più, perché sembrava davvero che riuscisse a comunicare con noi. Non scendo nei dettagli, ma ogni lettura era quasi identica, come se davvero ci fosse una storia da raccontare.

Dopo un mese tornai a casa e portai con me le carte. Le ho usate più volte qui in casa, finché ho deciso di chiudere definitivamente con tutto. Da quel periodo mi sono sentita sempre peggio, sono successe tante cose negative in famiglia (lutti, malattie, litigi) e ho iniziato ad avere seri problemi di ansia.

Ho chiuso con tutto quanto, carte, meditazione, sogni. Mi sono imposta di non ricevere più nulla, per non crollare di nuovo nella paura che questo mondo mi scatena. Gli arcani maggiori (gli unici che utilizzavo) li ho messi in un sacchetto e tutte le altre chiuse nella scatola di latta. Non le ho più toccate, così come tutte le altre cose riguardanti questo ambito. In realtà evito anche di aprire quel cassetto. L'anno scorso ho iniziato a temere che magari quelle carte di dubbia provenienza, usate anche per comunicare con questa "entità" avessero raccolto energie negative, ma non mi sono mai soffermata più di tanto su come disfarmene. Rispetto a quel periodo non ho più problemi di insonnia, panico notturno, terrore di stare da sola in casa. Soprattutto da quando ho i miei gatti. Credo davvero che mi proteggano in qualche modo, ma il problema è che da luglio stanno accadendo troppe cose spiacevoli proprio a loro, una dietro l'altra, anche accavallandosi.

So che le cose potrebbero non essere collegate in alcun modo, ma il mio pensiero va sempre a quelle carte tenute lì dentro. Vorrei sapere se sia il caso di liberarmene, come, e se possano aver "liberato" qualcosa di negativo. Ho letto su internet qualcosa, ma ci sono troppi pareri contrastanti. Alcuni sconsigliano di bruciarle, perché potrebbero disperdere negatività. Altri invece dicono di sotterrarle, altri ancora di gettarle in un corso di acqua dolce.

Spero che possiate aiutarmi a trovare una soluzione definitiva.


  • BleatmestBora piace questo



#2 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2036 messaggi

Inviato 12 ottobre 2016 - 07:17

Premetto che non sono una scettica ma temo tu sia solo vittima della paura e dell'ansia, da quel che capisco sei un tipo suggestionabile o sbaglio?
Soffermati un attimo e pensa: lutti, malattie, litigi avvengono in tutte le famiglie a prescindere che si faccia uso o meno di carte a scopo divinatorio. Sono del parere che chi voglia approcciarsi a queste pratiche, debba avere nervi saldi e sicurezza.
La paura va a braccetto con la suggestione purtroppo e si alimentano l'un l'altro. E quando sei loro preda, il rischio che si corre e' proprio questo: credere paranoicamente che tutto ti remi contro
  • arjanedda piace questo

#3 Guest_iaionzi_*

Guest_iaionzi_*
  • Ospiti

Inviato 12 ottobre 2016 - 08:57

se me li regali li accetto :)



#4 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 12 ottobre 2016 - 09:27

Si la penso anche io come Antonella però dobbiamo metterci anche nei panni di chi ha scritto il post. Non importa se la causa sia esclusivamente dell'autosuggestione oppure solo in parte, perché le carte potrebbero benissimo aver giocato il loro ruolo. É evidente che se uno non ci crede non dà energia a certe cose e dunque l'esperienza simbolica in questione non potrebbe trovare terreno fertile per manifestarsi. Tuttavia così è stato e dunque indipentemente se sia autosuggestione o no non importa ma se il tuo scopo é davvero non pensarci vuol dire che devi completare l'esperienza in modo pulito. Non bruciarle assolutamente, non regalarle a nessuno senza prima aver raccontato la tua esperienza ( inconsciamente ti faresti tornare il male indietro). Sotterrale o reagale a qualcuno che le accetta di buon grado nonostante la tua esperienza ( se lo fa é perché ha conoscenza e potere personale e dunque non gli può succedere niente o è scettico ), ma sopratutto non pensarci più così smetti di autolimentare la vicenda e scompare per forza dalla tua vita. Se ti può aiutare brucia un po' di salva bianca o spargi dello zolfo in casa, e metti simboli di protezione.

#5 Braveheart84rm

Braveheart84rm

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 212 messaggi

Inviato 12 ottobre 2016 - 11:17

i tarocchi sono uno dei tanti mezzi di comunicazione utilizzati dalle entità demoniache. Credo che tu ora sia consapevole. 

 

Sbarazzatene senza pensarci troppo.


  • Galaxy e Patooo piace questo

#6 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 03:24

Andiamo bene!
Se si crede in entità demoniache, se si temono, qualsiasi, evento negativo viene associato ad esse, si caricano di pensieri negativi e le povere carte diventano strumento del male.
Ma siamo noi che ci facciamo del male cercando e trovando significati occulti e maligni in qualsiasi oggetto.
Serve forse pensare che la vita è bella e vale la pena di pensare positivo. Gite in campagna osignanti.
Attività manuali come disegno, o lavoretti creativi.
E si, le carte le puoi riciclare con la carta o con la plastica.
O puoi regalarle a qualcuno che le apprezzerà per quel che sono: carte colorate, carine.
Lao tzu dice che la divinazione è solo un fiore esteriore...
E l'inizio della stupidità!

#7 Guest_00000001_*

Guest_00000001_*
  • Ospiti

Inviato 13 ottobre 2016 - 05:52

Buttarle nell'immondizia scatenerebbe l'apertura di un varco multidimensionale in cui entità blasfeme metteranno piede nella nostra realtà invadendo tutto il globo.

 

Meglio lasciarle dove sono fino alla fine dei tempi  :asdsi:



#8 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 06:33

Ma se pensi che siano il male: attento perché ha già invaso il pianeta.
Non solo perché circolano miliardi di carte ma soprattutto,circola indisturbata la superstizione!
L'evoluzione può attendere!
  • UffaLaMuffa piace questo

#9 franzisca90

franzisca90

    Utente Junior

  • Utenti
  • 285 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 06:33

Lascia perdere con l'occulto, ti suggestioni troppo. Io non ho mai avuto i tuoi problemi, cerca di purificare l'ambiente e le carte.

#10 charl8

charl8

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 3 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 07:23

Grazie a tutti per le risposte. Si, sono un tipo suggestionabile, adesso. Non lo ero anni fa, magari per l'incoscienza legata all'età.

Le carte le ho riposte nel cassetto per talmente tanto tempo che ormai non ci facevo più caso e avevo anche quasi rimosso tutto ciò che è legato a loro e a quel viaggio.

Non ho mai pensato alle carte come alla causa di tutto ciò che è successo, ma nell'ultimo periodo mi si è come accesa una lampadina. Troppe cose negative, tutte insieme, sono difficili da sostenere ed è molto difficile credere che accadano, vivendo con la paura di ciò che accadrà ancora e ancora e ancora.

 

Se mi può far stare meglio liberarmi delle carte e di tutto ciò che è legato a quel periodo? Penso di si. Sento di aver bisogno di respirare aria pulita e in casa non ce n'è mai stata. Da sempre si avverte un'aria cupa, pesante, carica di tristezza, rabbia e delusione (sicuramente alimentata da noi stessi). Probabilmente, come diceva RedRose777, sbarazzarmene e purificare la casa potrebbe aiutarmi "mentalmente" a non pensarci più, smettendo di alimentare qualunque cosa sia, autosuggestione o meno.

 

Mi rendo conto che a differenza di molti altri post, il mio è un caso particolare, perché risale ad un passato con cui non voglio più avere nulla a che fare. Sono già arrivata alla conclusione di lasciar perdere questo ambito, perché suggestionabile e perché non voglio "scherzare con il fuoco". Diciamo che quello che cerco è una soluzione quanto più definitiva possibile per sentirmi meglio, a cose fatte.



#11 Guest_00000001_*

Guest_00000001_*
  • Ospiti

Inviato 13 ottobre 2016 - 07:48

A parte gli scherzi, vai tranquilla, sono solo carte, sei tu che gli dai questa importanza e l'energia ti ritorna in quella maniera. Puoi farci quello che vuoi, tanto se non cambia il tuo stato mentale è lo stesso.



#12 Braveheart84rm

Braveheart84rm

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 212 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 12:34

Andiamo bene!
Se si crede in entità demoniache, se si temono, qualsiasi, evento negativo viene associato ad esse, si caricano di pensieri negativi e le povere carte diventano strumento del male.
Ma siamo noi che ci facciamo del male cercando e trovando significati occulti e maligni in qualsiasi oggetto.
Serve forse pensare che la vita è bella e vale la pena di pensare positivo. Gite in campagna osignanti.
Attività manuali come disegno, o lavoretti creativi.
E si, le carte le puoi riciclare con la carta o con la plastica.
O puoi regalarle a qualcuno che le apprezzerà per quel che sono: carte colorate, carine.
Lao tzu dice che la divinazione è solo un fiore esteriore...
E l'inizio della stupidità!

 

molte persone le hanno usate in buona fede senza associarle a entità demoniache. Nonostante ciò, hanno avuto problemi. 

meglio le attività da te elencate.


  • Patooo piace questo

#13 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2922 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 05:47

Molto brevemente, io penso che i problemi di cui parli siano problemi comuni all'intero genere umano, vero che alcuni sembrano averne molti più, qualcuno lo chiama karma e io sono uno di quelli, qualcuno caso, altri sfortuna e qualcuno si sente perseguitato... Ma tutti hanno una cosa in comune, la colpa è sempre di qualcosa o qualcun'altro, a volte c'è del vero ma la negatività come tutte le cose è attratta dal simile, si raccoglie ciò che si semina, in cuor tuo credi davvero che tutto venga da un mazzo di tarocchi? Non parlo ovviamente di lutti o cose tanto comuni e neanche dei mali dei gatti, ma proprio della negatività che senti o sentite. Non è una provocazione ma uno spunto di riflessione e magari sbaglio e le cose stanno come dici te. Francemente non nego a priori che sia possibile che quel mazzo di tarocchi abbia della negatività ma ho seri dubbi... Puoi sotterrarli se vuoi il consiglio "esoterico" si dice che la terra attiri e trattenga la negatività ma la cosa più importante è capire che molte cose non le potrai cambiare ma molte altre si, che ci piaccia o no noi siamo i primi fautori del nostro destino e i manipolatori del nostro karma. Ma ripeto, se davvero il tipo misterioso di cui parli ha impregnato di negatività quei tarocchi basterà sotterrarli.
Ora se mi è concessa una domanda a Bravehart e senza polemica ma per pura curiosità, in che senso i tarocchi sono usati dai demoni? Intendi tutti i tarocchi, la divinazione tramite i tarocchi sarebbe demoniaca "di suo"? Inutile dire che per me è delirante ma posso sapere da quale fonte viene questa notizia? Non è il mio mezzo divinatorio preferito ma l'ho usato io e conosco molti che li usano e non vedo nessun perseguitato né ho mai sentito nulla di simile, anzi la loro funzione era decisamente utile trovo che ai demoni siano molto più utili paranoie come questa... Ripeto, non è un attacco personale o una polemica ma la cosa mi suona tanto strana quanto nuova, tipo quei vecchi preti bigotti che vedono il diavolo dappertutto, ad esempio non riescono a togliersi la voglia di andare con una donna e la colpa è del diavolo, sentono di medium e per loro è il diavolo, sentono parlare di divinazione e per loro è il diavolo, sentono parlare di vecchi dei o vecchie religioni e per loro è il diavolo, insomma diavolo diventa semplicemente una bella parola per descrivere cio che non conoscono, non capiscono, non accettano affatto per i più disparati motivi o ancora che non riescono a controllare...
  • UffaLaMuffa, arjanedda, Anthony Van De Boer e un altro piace questo

6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#14 Braveheart84rm

Braveheart84rm

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 212 messaggi

Inviato 13 ottobre 2016 - 07:52

tranquillo/a Cthulu, non mi offendo.

per chi come me crede in Dio, i tarocchi non sono un mezzo usato dalla divinità per comunicare con l'uomo. Quindi se non si tratta di Dio, di cosa si tratta? Inoltre  ia sorellla li faceva e anche lei pensava che non ci fosse nulla di male, come del resto la maggiorparte degli operatori che agisce in buona fede (salvo ciarlatani stile Wanna Marchi): eppure alla fine ha deciso di smettere per varie questioni. 

 

Ovvio che se tu hai una visione diversa, non sarò io a convincerti del contrario. Prevedere il futuro non  una facoltà umana, quindi è ovvio che si tratta di una prerogativa sovrumana, e credo che su questo siamo d'accordo.


  • Cthulhu piace questo

#15 Guest_cimena_*

Guest_cimena_*
  • Ospiti

Inviato 14 ottobre 2016 - 07:12

La questione è: queste energie, se non vengono da Dio, da qualche parte arrivano.

 

Che poi trovo anche francamente inutile stare a farne un'occasione per impartire una lezione di morale atea.

La ragazza parte da presupposti completamente differenti.

E perfino un ateo non può negare che la mente umana possa proiettare su un dato oggetto la negatività, attribuendola alla sua presenza.

se anche fosse solo un problema di rappresentazione mentale di una carica negativa, che viene attribuita alle carte, non è sufficiente affermare "oh ma sono tutte sciocchezze, queste cose non succedono davvero" per riuscire a scardinare il meccanismo mentale che si è impostato. Dirlo serve solo a farsi belli e più fighi agli occhi di chi la pensa come noi e ci elargirà i mi piace.

Ma il problema della ragazza non è stabilire se voi siate più intelligenti -o no- della media dei cosidetti believers, il suo problema rimane la percezione di avere in casa una fonte di energia negativa.

Come estirpare alla radice questa sensazione? Con la stessa logica di attribuzione di significato, a me pare chiaro.

Perchè se ti crei un problema, allora devi cercare di risolverlo con lo stesso linguaggio col quale te lo sei creato.

E allora bisogna capire entro quali sistemi di attribuzioni si muove la vita psichica della ragazza e quali valori spirituali riconosce.

Io per me stessa potrei dirti che il sistema più efficace è quello della preghiera, attraverso la quale puoi ispirarti alla rimozione degli influssi negativi che percepisci.

E questo dovrebbe pacificarti ed offrirti uno scudo di protezione. Ma la accompagnerei anche con il rigetto dell'oggetto in questione, compiendo un gesto di presa di distanza che è simbolico ma soprattutto fisico, e così come simbolicamente l'acqua scorre e fa scorrere e lava via perfino i peccati, l'ideale sarebbe affidare queste carte ad un fiume che le sommerga di flutti allontanandole dal tuo destino.

Ma sia chiaro: una volta eliminata la causa attributiva e pacificata la tua anima pregando, non pensare che i problemi della vita non se ne presenteranno mai più, lo scopo è allontanare dalla tua mente quel meccanismo di attribuzione di influssi negativi alle carte, e riacquistare una prospettiva di tua serenità interiore.


  • Braveheart84rm piace questo

#16 charl8

charl8

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 3 messaggi

Inviato 14 ottobre 2016 - 07:24

Rispondo a Cimena in particolare, ma anche un po' a tutti gli utenti che mi stanno gentilmente consigliando. Come ho scritto nel mio commento precedente, forse mi aiuterebbe liberarmi dell'oggetto fisico per impostare la mia mente su un'altra modalità di pensiero, più positiva. Il punto è che spiritualmente mi sento davvero vuota. Mi dispiace tantissimo di questa cosa, perché mi rendo conto che abbiamo bisogno di credere ed affidarci a qualcosa di superiore, anche solo per sentirci meglio. Purtroppo io non riesco. In altre parole, credo solo a tutto ciò che può fornirmi delle spiegazioni razionali e scientifiche, ma al tempo stesso sono consapevole del fatto che ci sono cose che semplicemente esistono, avvengono e non possono essere spiegate. In più, sono accadute tante cose nel mio passato per le quali non può esistere alcuna spegazione, che non nego affatto. E' un contrasto continuo.

Il punto è che non sento nulla di più rispetto a quello che c'è ed è tangibile. La preghiera non mi aiuta, perché non saprei "chi" o "cosa" pregare, non credendo a qualcosa di superiore. Credo che siamo energia e che l'energia circonda e muove il mondo.



#17 Guest_cimena_*

Guest_cimena_*
  • Ospiti

Inviato 14 ottobre 2016 - 07:50

Rispondo a Cimena in particolare, ma anche un po' a tutti gli utenti che mi stanno gentilmente consigliando. Come ho scritto nel mio commento precedente, forse mi aiuterebbe liberarmi dell'oggetto fisico per impostare la mia mente su un'altra modalità di pensiero, più positiva. Il punto è che spiritualmente mi sento davvero vuota. Mi dispiace tantissimo di questa cosa, perché mi rendo conto che abbiamo bisogno di credere ed affidarci a qualcosa di superiore, anche solo per sentirci meglio. Purtroppo io non riesco. In altre parole, credo solo a tutto ciò che può fornirmi delle spiegazioni razionali e scientifiche, ma al tempo stesso sono consapevole del fatto che ci sono cose che semplicemente esistono, avvengono e non possono essere spiegate. In più, sono accadute tante cose nel mio passato per le quali non può esistere alcuna spegazione, che non nego affatto. E' un contrasto continuo.

Il punto è che non sento nulla di più rispetto a quello che c'è ed è tangibile. La preghiera non mi aiuta, perché non saprei "chi" o "cosa" pregare, non credendo a qualcosa di superiore. Credo che siamo energia e che l'energia circonda e muove il mondo.

Ti capisco. Ma se il vuoto che provi non puoi riempirlo a comando il consiglio che ho provato a darti rappresentava una carezza pacificante al tuo spirito. Ora, e' un vero peccato perchè ho la certezza matematica mettendoci anche solo una briciola di speranza che possa aiutarti, la preghiera ti avrebbe aiutato, e molto, per le ragioni e le spiegazioni che vuoi.

Nella tua oscillazione tra razionalità ed impossibilità di negare fatti irrazionali, puoi trovare sicuramente una mediazione nel gesto psicomagico del lanciare nel fiume, perchè la mente è uno strumento potente.

Per il resto noi siamo immersi in un campo energetico nel quale lanciamo dei semi e le piantine germogliano, così avviene fuori e così avviene dentro di noi, io lo chiamo Dio_Amore_Gesù. L'unica cosa sulla quale siamo d'accordo è che queste influenze negative che senti non gli appartengono.



#18 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 14 ottobre 2016 - 09:29

I tarocchi sono uno strumento di presa di coscienza e di responsabilizzazione. Come si fa a credere che il diavolo si annidi dentro,non la pratica del leggere i tarocchi, ma proprio il mazzo fisico? In tal caso si tratterebbe di un talismano caricato negativamente da qualcuno che si intenda di magia nera, e non c'entrerebbe nulla la pratica divinatoria in sé.

 

Poi sono d'accordo con chi dice che la divinazione ha un che di "diabolico", ma non tanto perché l'atto sprigioni esalazioni sulfuree e liberi i mali del vaso di Pandora, ma semplicemente perché sottrae potere al soggetto (il consultante) trasferendolo su avvenimenti esterni, che spesso neanche si verificano secondo predizione. 


  • Cthulhu, Persian e hiranya piace questo

"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#19 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2922 messaggi

Inviato 14 ottobre 2016 - 11:31

tranquillo/a Cthulu, non mi offendo.

per chi come me crede in Dio, i tarocchi non sono un mezzo usato dalla divinità per comunicare con l'uomo. Quindi se non si tratta di Dio, di cosa si tratta? Inoltre  ia sorellla li faceva e anche lei pensava che non ci fosse nulla di male, come del resto la maggiorparte degli operatori che agisce in buona fede (salvo ciarlatani stile Wanna Marchi): eppure alla fine ha deciso di smettere per varie questioni. 

 

Ovvio che se tu hai una visione diversa, non sarò io a convincerti del contrario. Prevedere il futuro non  una facoltà umana, quindi è ovvio che si tratta di una prerogativa sovrumana, e credo che su questo siamo d'accordo.

Mi fa piacere che non la prendi sul personale e fai benissimo ovviamente ma vorrei capire la fonte o cmq dove hai sentito questa cosa, anche io credo in Dio e penso che lo avrai capito dai miei interventi (critico la visione distorta di un certo Cristianesimo non certo IL Cristianesimo) ma davvero mai in tutte le tradizioni spirituali che conosco ho sentito una cosa simile, vorrei capire dove l'hai sentito qualcuno te lo avrà detto o da qualche parte lo avrai letto immagino, vorrei sapere solo questo...

Inoltre dici che non li usa Dio e sono d'accordo ma tra Dio e l'uomo e ben prima o più in alto di quei famosi demoni ci sono schiere intere, da come parli sembra che esistano solo Dio e  i demoni, con tutto il rispetto del mondo ma è assurdo mi sembra proprio una visione distorta!


6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#20 Guest_Anfiarao_*

Guest_Anfiarao_*
  • Ospiti

Inviato 15 ottobre 2016 - 02:54

Ciao a tutti,
sono nuova del forum e mi sono iscritta perché ho bisogno di un consiglio.
Fino a 8-9 anni fa ero piuttosto vicina all'ambito esoterico, soprattutto per quanto riguarda la lettura dei tarocchi, finché non sono accadute cose spiacevoli, che mi hanno anche spaventata. Vi spiego tutto.

Nel 2007 sono andata a trovare una mia amica nelle Marche. Già dalla prima notte cominciarono a succedere cose strane. Mentre dormivo si accese la TV e io "sognai" un groviglio di capelli biondi immersi in acqua e sentì che c'era un uomo nella stanza. Da quella sera cominciammo a dormire tutti insieme in una stanza per la paura. Un nostro amico trovò qualche giorno dopo nella stanza liberata da un suo vecchio coinquilino una scatola di latta con dei tarocchi all'interno, apparentemente nuovi o poco usati. Sapevamo poco o niente di questo tizio, se non che era piuttosto "particolare" e che aveva portato via con sè tutto, tranne quella scatola, riposta in fondo all'armadio. Questo amico portò le carte da noi e me le regalò. So di essere stata incosciente, ma le ho accettate ed usate senza pensarci due volte. Mi sentivo attratta da quelle carte e tutto ciò che leggevo aveva un senso.

In quella casa continuavano ad accadere avvenimenti strani, tipo rumori notturni, incubi, sensazioni, voci. Ad un certo punto ci viene la geniale idea di usare le carte e la meditazione per metterci in contatto con questa "entità" e lì ci siamo spaventati ancora di più, perché sembrava davvero che riuscisse a comunicare con noi. Non scendo nei dettagli, ma ogni lettura era quasi identica, come se davvero ci fosse una storia da raccontare.

Dopo un mese tornai a casa e portai con me le carte. Le ho usate più volte qui in casa, finché ho deciso di chiudere definitivamente con tutto. Da quel periodo mi sono sentita sempre peggio, sono successe tante cose negative in famiglia (lutti, malattie, litigi) e ho iniziato ad avere seri problemi di ansia.

Ho chiuso con tutto quanto, carte, meditazione, sogni. Mi sono imposta di non ricevere più nulla, per non crollare di nuovo nella paura che questo mondo mi scatena. Gli arcani maggiori (gli unici che utilizzavo) li ho messi in un sacchetto e tutte le altre chiuse nella scatola di latta. Non le ho più toccate, così come tutte le altre cose riguardanti questo ambito. In realtà evito anche di aprire quel cassetto. L'anno scorso ho iniziato a temere che magari quelle carte di dubbia provenienza, usate anche per comunicare con questa "entità" avessero raccolto energie negative, ma non mi sono mai soffermata più di tanto su come disfarmene. Rispetto a quel periodo non ho più problemi di insonnia, panico notturno, terrore di stare da sola in casa. Soprattutto da quando ho i miei gatti. Credo davvero che mi proteggano in qualche modo, ma il problema è che da luglio stanno accadendo troppe cose spiacevoli proprio a loro, una dietro l'altra, anche accavallandosi.

So che le cose potrebbero non essere collegate in alcun modo, ma il mio pensiero va sempre a quelle carte tenute lì dentro. Vorrei sapere se sia il caso di liberarmene, come, e se possano aver "liberato" qualcosa di negativo. Ho letto su internet qualcosa, ma ci sono troppi pareri contrastanti. Alcuni sconsigliano di bruciarle, perché potrebbero disperdere negatività. Altri invece dicono di sotterrarle, altri ancora di gettarle in un corso di acqua dolce.

Spero che possiate aiutarmi a trovare una soluzione definitiva.

 

Ho letto alcune risposte degli utenti, ma giusto alcune, e mi sono fermato, e va beh....Ti riporto quanto io so su l' argomento comunque, non che alcune mie deduzione derivate da mie personali esperienze. Dai tarocchi alle sibille o altro mazzo divinatorio, tieni conto che ogni carta ha in se uno spirito...quando maneggi un mazzo maneggi delle entità di diversa natura, sono come le persone , ce ne sono di tanti tipi ognuna con i suoi pregi e difetti eccedenti in diversa misura. Gli spiriti nelle carte vanno conosciuti, o meglio studiati, i loro ruoli e le loro personalità cambiano di mazzo in mazzo, ad esempio sibille e tarocchi hanno spiriti diversi ognuno con le proprie peculiarità, anche l' identica carta della morte  presente nei due mazzi hanno un significato diverso per mazzo. Io possiedo due mazzi di sibille, uno " generico", e uno di " conferma". L' ultimo, è il più potente, da risposte secche e precise e lo  uso per questioni pesanti ......quello " generico" per questioni meno pesanti...resta comunque che queste carte hanno delle " regole" da rispettare, e come le hanno le sibille le hanno i tarocchi. Ad esempio, i miei mazzi non vogliono tre domande: salute, soldi, morte. Mi è successo di rischiare con la seconda domanda delle tre...mi sono beccato una pressione suicida psicologica senza motivo apparente e per scrollarmela di dosso ce n' è voluto...questo te lo racconto perchè tu sia conscia dell' uso che hai fatto del mazzo di tarocchi adesso di chi fossero fossero.....Hai avuto queste carte in dono, ti dirò, spesso, nessun cartomante prende mazzi di altre persone...semplicemente sono impregnati dell' energia del precedente proprietario e non è cancellabile... In ultimo, queste carte per cosa le hai usate se posso? Io personalmente uso i miei mazzi raramente e solo per necessità.....anche perchè ogni lettura assorbe energia da colui che le consulta, controllare le letture non è un gioco di prestigio ne di diletto...senza contare che non bisogna mai dubitare di quanto gli spiriti in esse mostrano, potrebbero incattivirsi e iniziarti a dare responsi ambigui o menzogneri ( le sibille lo fanno se gli richiedi la stessa cosa perchè magari nella prima lettura non hai digerito quanto ti hanno mostrato). Come distruggere un mazzo di carte chiedi, inoltre...bruciarlo e disperderne le ceneri in un fiume...più di questo si muore. 







Anche taggato con tarocchi, carte, liberarsi, bruciare, negatività

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi