Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Come difendersi dai pianeti lenti?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
84 risposte a questa discussione

#61 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 03 ottobre 2016 - 02:41

Comunque in generale i transiti lenti hanno effetto da quando il pianeta si trova 4 gradi prima fino a 4 gradi dopo, considerando che per tutto il tempo della retrogradazione l'effetto continua a essere attivo anche se ci si allontana dal grado esatto. Oltretutto è impossibile vedere gli effetti concreti di un transito di nettuno o plutone, perché i cambiamenti che producono emergono fino a 10 anni dopo. Gli eventuali avvenimenti esterni possono essere scatenati dal transito di un pianeta veloce che va a toccare la configurazione su cui sta passando il pianeta lento.

Tipo, se hai nettuno di transito in pesci che oppone il sole natale in vergine, un transito di marte in uno dei segni mobili potrebbe far venir fuori qualcosa (di solito un evento che genera confusione, una litigata in cui non si capisci chi abbia ragione, o un attacco di ansia e malinconia, oppure andando sul concreto una rottura delle tubature). Un transito di mercurio potrebbe dare confusione, perdita di effetti personali, difficoltà a studiare o a mettere a fuoco le cose, casini con i mezzi di trasporto, ma anche semplicemente la comprensione intellettuale di un cambiamento che sta avvenendo dentro di sé (che poi sarebbe il vero scopo del transito di nettuno).

Io invece personalmente tengo conto di 2 gradi per plutone e Nettuno, 3 Urano e 4 Saturno. Però tengo a restringere il campo di mio anche nel tema natale i trigoni over 6 gradi non li considero. In più per esperienza posso confermare anche io il fatto che i transiti veloci ''attivino'' quelli lenti, sopratutto se sono in anello di sosta su punti caldi del tema ( es un Marte in anello di sosta su uno stellium in concomitanza a un opposizione di plutone a un qualche pianeta personale é micidiale ). Invece ti posso fare una domanda ? Cosa intendi per i cambiamenti che producono emergono fino a 10 anni dopo? Cioè cosa cambia in quei 2-3 anni di transito rispetto agli anni dopo? Negli anni di transito comprendi ciò che devi comprendere ( o con le buone o con le cattive) e gli anni dopo in un contesto più tranquillo si cristallizza il cambiamento?



#62 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 03 ottobre 2016 - 03:21

Dunque, prendiamo un transito di Plutone:

 

Plutone in avvicinamento su un punto importante del tema (pianeti personali, ascendente o il governatore del segno solare) lo cominci ad avvertire in modo vago, una sorta di minaccia invisibile o un senso di svuotamento interiore, come se sentissi l'odore di qualcosa che impudridisce all'interno di te, ma non sai cosa sia. Mano mano che passa sui gradi esatti qualcosa si muove, possono essere eventi esteriori (se proietti all'esterno il tuo lato ombra) oppure una depressione, un senso di morte. Cominci a renderti conto delle cose su cui non hai assolutamente potere (non hai potere sugli altri, non puoi farti amare da chi vuoi tu, non puoi cambiare il destino delle persone, non hai potere sulla morte e sulla fine delle cose, non puoi opporti ai cambiamenti ciclici della vita). Ora, se sei una persona molto analitica queste cose le comprendi prima, ma comunque l'opera di Plutone produce un cambiamento profondo che agisce al di sotto della coscienza ( Plutone è il dio invisibile). Il suo compito sarebbe quello di portare in superficie i tuoi lati nascosti che originano sempre da una lotta per la sopravvivenza. Per esempio, con un Plutone forte nel tema potresti aver falsato la tua identità o i tuoi valori o il tuo modo di pensare sin da quand'eri piccolissimo, pur di farti amare dai tuoi genitori; teniamo conto che a quell'età si è completamente dipendenti, per cui l'affetto dei genitori è una questione di vita o di morte. Poi con gli anni queste falsificazioni dell'identità si cristallizzano e ci si dimentica di cosa le ha innescate. Il transito di Plutone, con estrema lentezza, fa riemergere questi vissuti rimossi, ma parliamo pur sempre di modificare una struttura che si è fissata nel corso degli anni. Per cui anche diversi anni dopo il transito i cambiamenti continuano a venire elaborati. 

 

Certo negli anni del transito esatto si avverte uno smottamento del terreno più evidente, ma fin ora ho notato che molto dipende dalla persona e dal tema natale: i plutoniani sono avvezzi a queste cose, ma un leone che non abbia alcun aspetto di plutone ai pianeti veloci nel tema, avrà molta difficoltà a elaborare questi cambiamenti, per cui questi potrebbero rimanere al di sotto della coscienza per molti anni ancora.

 

Per quanto riguarda i gradi nel tema natale, io sono di un avviso opposto: sempre allargare, perché certi aspetti si sentono anche se larghi. Per esempio io ho il sole congiunto a saturno, congiunzione di 9 gradi, e ti assicuro che la sento eccome. Poi in generale, avere due pianeti in segni molto diversi, anche se non c'è l'aspetto, crea comunque un conflitto. Prendi ad esempio una persona con la luna in cancro e venere in ariete: può anche non avere l'aspetto nel tema, ma resta il fatto che il suo modo di amare è profondamente diverso rispetto al suo modo di elaborare le emozioni. Chiaramente con l'aspetto esatto la cosa si fa molto più netta.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#63 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 03 ottobre 2016 - 03:47

Dunque, prendiamo un transito di Plutone:

Plutone in avvicinamento su un punto importante del tema (pianeti personali, ascendente o il governatore del segno solare) lo cominci ad avvertire in modo vago, una sorta di minaccia invisibile o un senso di svuotamento interiore, come se sentissi l'odore di qualcosa che impudridisce all'interno di te, ma non sai cosa sia. Mano mano che passa sui gradi esatti qualcosa si muove, possono essere eventi esteriori (se proietti all'esterno il tuo lato ombra) oppure una depressione, un senso di morte. Cominci a renderti conto delle cose su cui non hai assolutamente potere (non hai potere sugli altri, non puoi farti amare da chi vuoi tu, non puoi cambiare il destino delle persone, non hai potere sulla morte e sulla fine delle cose, non puoi opporti ai cambiamenti ciclici della vita). Ora, se sei una persona molto analitica queste cose le comprendi prima, ma comunque l'opera di Plutone produce un cambiamento profondo che agisce al di sotto della coscienza ( Plutone è il dio invisibile). Il suo compito sarebbe quello di portare in superficie i tuoi lati nascosti che originano sempre da una lotta per la sopravvivenza. Per esempio, con un Plutone forte nel tema potresti aver falsato la tua identità o i tuoi valori o il tuo modo di pensare sin da quand'eri piccolissimo, pur di farti amare dai tuoi genitori; teniamo conto che a quell'età si è completamente dipendenti, per cui l'affetto dei genitori è una questione di vita o di morte. Poi con gli anni queste falsificazioni dell'identità si cristallizzano e ci si dimentica di cosa le ha innescate. Il transito di Plutone, con estrema lentezza, fa riemergere questi vissuti rimossi, ma parliamo pur sempre di modificare una struttura che si è fissata nel corso degli anni. Per cui anche diversi anni dopo il transito i cambiamenti continuano a venire elaborati.

Certo negli anni del transito esatto si avverte uno smottamento del terreno più evidente, ma fin ora ho notato che molto dipende dalla persona e dal tema natale: i plutoniani sono avvezzi a queste cose, ma un leone che non abbia alcun aspetto di plutone ai pianeti veloci nel tema, avrà molta difficoltà a elaborare questi cambiamenti, per cui questi potrebbero rimanere al di sotto della coscienza per molti anni ancora.

Per quanto riguarda i gradi nel tema natale, io sono di un avviso opposto: sempre allargare, perché certi aspetti si sentono anche se larghi. Per esempio io ho il sole congiunto a saturno, congiunzione di 9 gradi, e ti assicuro che la sento eccome. Poi in generale, avere due pianeti in segni molto diversi, anche se non c'è l'aspetto, crea comunque un conflitto. Prendi ad esempio una persona con la luna in cancro e venere in ariete: può anche non avere l'aspetto nel tema, ma resta il fatto che il suo modo di amare è profondamente diverso rispetto al suo modo di elaborare le emozioni. Chiaramente con l'aspetto esatto la cosa si fa molto più netta.


Grazie, ottima analisi!
Giusta l'ultima cosa sempre pensato anche io, però non ho mai conciliato questa mia idea per esempio nei i casi di una luna in cancro a 28 gradi e un Venere in ariete a 2 gradi, non vanno d'accordo nonostante il trigono ?

Per quanto riguarda Plutone capisco perfettamente cosa dici convivo con 3 trigoni stretti di un Plutone in scorpione a 27 gradi con 3 pianeti personali e Saturno, due sestili a Nettuno e Urano congiunti in capricorno, più una congiunzione larga con Giove. Solo Marte e la luna sono salve 😅😅

#64 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 03 ottobre 2016 - 04:03

Hahahaha ti capisco perfettamente! Io ho plutone in scorpione al MC, congiunto a mercurio e venere, trigono a marte e giove, sestile a luna e nettuno :D

 

L'esempio che fai tu è difficile in effetti, ed è una cosa su cui mi interrogo anche io. Per esempio io ho marte a 29 gradi dell'aquario trigono allo stellium in scorpione, ma i segni e gli elementi non vanno affatto d'accordo. Credo che molto dipenda dai pianeti coinvolti, venere e luna quando si legano riescono sempre a trovare, bene o male, un dialogo. Diverso è il rapporto di marte con la luna, che a mio parere è sempre problematico anche con il trigono.

 

Molti astrologi non sarebbero d'accordo, ma forse una spiegazione potrebbe essere che una luna a 28 gradi del cancro è già un po' leonizzata, mentre una venere a 2 gradi dell'ariete conserva ancora un velo di morbidezza pescina... ma non saprei.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#65 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 04 ottobre 2016 - 08:38

Comunque in generale i transiti lenti hanno effetto da quando il pianeta si trova 4 gradi prima fino a 4 gradi dopo, considerando che per tutto il tempo della retrogradazione l'effetto continua a essere attivo anche se ci si allontana dal grado esatto. Oltretutto è impossibile vedere gli effetti concreti di un transito di nettuno o plutone, perché i cambiamenti che producono emergono fino a 10 anni dopo. Gli eventuali avvenimenti esterni possono essere scatenati dal transito di un pianeta veloce che va a toccare la configurazione su cui sta passando il pianeta lento.

 

Tipo, se hai nettuno di transito in pesci che oppone il sole natale in vergine, un transito di marte in uno dei segni mobili potrebbe far venir fuori qualcosa (di solito un evento che genera confusione, una litigata in cui non si capisci chi abbia ragione, o un attacco di ansia e malinconia, oppure andando sul concreto una rottura delle tubature). Un transito di mercurio potrebbe dare confusione, perdita di effetti personali, difficoltà a studiare o a mettere a fuoco le cose, casini con i mezzi di trasporto, ma anche semplicemente la comprensione intellettuale di un cambiamento che sta avvenendo dentro di sé (che poi sarebbe il vero scopo del transito di nettuno).

 

Ora capisco perchè passo da un "malessere" all'altro sempre imputabile a nettuno!!!

Sul titolo del thread, non è che si pensi di sconfiggere l'influsso perchè è ovvio che quello rimane sempre ma, si intende di combattere il disturbo che dà. Uno può essere impassibile e subire ma, perchè non combattere con l'aiuto di erbe e altre medicine alternative dove si trovano varie teorie? Il semplice fatto di sapere la causa, grazie all'astrologia, dà già sollievo al disturbo/malessere che si sente, ma, se mi farebbe venire il mal di testa, non mi tengo il mal di testa, è ovvio che mi prendo un'aspirina...  nel thread cerco di andare più sulla radice del problema malessere anche accettando l'influsso ma almeno capire il perchè e come rimediarvi. Sui gradi, per esperienza personale sò che si fanno sentire prima e dopo la congiunzione ma, al grado preciso, ho notato che dà "il colpo di grazia". Passato il grado preciso, sò che deve solo passare e finire. Oggi ho marte in 1a opposto a nodo nord e, infatti, stamane, mi sento uno straccio per una notte disturbata e quindi non concludo nulla oggi, però, prima ho sentito il malessere e poi ho visto il pianeta negativo. Sò che già da domani mi sentirò meglio essendo un pianeta abbastanza veloce...  magari con l'aiuto di un pò di magnesio...! Se non prendessi l'aspirina come sopra citato o il magnesio, il malessere/influsso si dilunga di giorni, perchè non rimediarvi? Ecco il senso del 3D.

 

.........aggiungo che, oltre agli nflussi planetari, i malesseri, i disturbi vari, fisi e psichici, sono anche accentuati da stagioni e clima. Quasi come se fosse un'influsso astrologico della terra che si aggiunge a quelli nel cielo....



#66 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 04 ottobre 2016 - 01:06

Il fatto che tu abbia diversi disturbi fisici e psichici può essere appunto un indicatore del fatto che non accetti il cambiamento che i pianeti lenti ti propongono. Per il nostro ego il passaggio di un pianeta lento è vissuto come una tragedia, perché lo va a trasformare. Ma noi non siamo solo l'ego, siamo anche il Sé, l'anima, lo spirito, o come lo vuoi chiamare. E' lo spirito che ogni tanto svuota l'ego dai suoi contenuti obsoleti e lo riempie nuovamente di linfa vitale: in questo processo avvertiamo prima di tutto un senso di vuoto e poi, se ci abbandoniamo al cambiamento, vedremo nascere cose nuove in noi: gusti nuovi, obiettivi nuovi, una diversa lettura degli eventi, un diverso valore dato alle cose, ecc.

 

Credo che la tua sia un po' suggestione, però: marte sul nodo nord è un transito impercettibile, che puoi comprendere tutt'al più col senno di poi, quando scopri che in quel periodo hai fatto un'azione (marte) o hai avuto una reazione (sempre marte) che, affermando la tua volontà, ti ha avvicinato alla tua meta karmica. 

 

Tra l'altro nettuno di per sé non dovrebbe portare malessere, l'opposto: il problema di nettuno è semmai che anestetizza, impedisce di vedere quando una situazione è grave. E' un pianeta che ti trasporta in un altro mondo, fa l'effetto di una pasticca di ecstasy: può dare percezioni medianiche, comprensione empatica, ispirazione artistica, slancio devozionale e senso di appartenenza al tutto. Tutto questo implica una "dilatazione" dei tuoi confini, è come se non fossi più solo te stesso, ma diventassi improvvisamente mille altre cose e persone. Ovviamente se sei una persona iper-razionale, che ha bisogno di prevedere tutto e tenere le cose sotto controllo, o se sei timoroso e pretendi che i tuoi punti di riferimento non cambino mai, opporrai resistenza; è questo a produrre disturbi psicosomatici, angoscia e ansia, senso di vuoto, confusione e incapacità di focalizzarti su un obiettivo.

 

Il mio approccio ai transiti è un po' diverso dal tuo: ho studiato un po' di corrispondenze e ho visto che, quando si parla di pianeti lenti, quasi mai l'effetto corrisponde al grado preciso. Anche per quanto riguarda marte, ad esempio, ho avuto un incidente quando era già passato su un punto dolente del mio tema e la congiunzione si stava sciogliendo.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#67 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 04 ottobre 2016 - 07:21

Purtroppo, stò vivendo al momento tre situazioni nettuniane: malattia di mia madre anziana, poblemi di alcool da un'amico che stò cercando di aiutare e un malessere generalizzato da stress per seguire oltre a queste due persone anche una casa e conseguenti cartacce burocratiche. Sinceramente una benchè minima ansia non me la posso permettere tantomeno fermarmi per una visita medica generale (oltrettutto odio i medici...). Queste situazioni negative le sento da quando nettuno si è messo in opposizione al mio plutone di nascita e, come risolvo una situazione se ne presenta un'altra. Forse si, sono molto razionale ma, lo devo essere se non voglio che vada tutto a scatafascio. Forse una volta finita questa opposizione, nel momento di fermarmi mi arriveranno i tic se non peggio. La mia situazione nettuniana non è per anima, spirito o psiche ma tra dottori/medicine, una burocrazia fantascientifica con malesseri fisici generalizzati da stress e problemi esistenziali di una persona che lo porta a rifugiarsi nell'alcol. Ce ne sarebbero altri di casi nettuniani in questi giorni ma sinceramente cerco di non farmi coinvolgere vedendo che c'è un particolare nettuniano in ognuno di loro.

C'è nettuno che si è messo in opposizione al mio plutone di nascita, ho nettuno di nascita in 1a casa che forse mi dà energia da affrontare queste situazioni, opposto al mio nettuno di nascita ho il sole in 7a che manda a pincopallino le persone che mi circondano....   forse è una mia singolare situazione, non sò. Leggendo oggi che da un'opposizione, se si aggiungesse un'altra situazione di quadratura da altri pianeti si trasforma l'influsso negativo di nettuno...  questo ha avuto molto senso per me dato le molteplici situazioni che si stanno creando dal nulla....

La forza che traggo nell'affrontare queste situazioni sono proprio rimedi dettati da nettuno e i pianeti coinvolti. Stamane con uno strano malessere dovuto a un sonno disturbato, andando a cercare riscontro ho dedotto che con marte(la forza/volontà) in 1a (fisico) quadrato a nodo nord (realizzazione) in 8a (il sonno), fosse appropriato. Il passaggio è stato anche veloce dato che sempre oggi, a quest'ora di sera mi sento in forze grazie anche a vitamine e una vivinci. Forse a me nettuno stà influenzando diversamente, non psicologicamente ma, fisicamente e socialmente. Nettuno non è solo la psiche e la spiritualità ma anche fisicità, benessere e ambiente circostante.

Di solito sono io stesso una persona calma e spirituale ma da quando nettuno è opposto a plutone mi succede il contrario, stress e situazioni a dir poco allucinanti. Nessun vuoto interiore o confusione, nessun obbiettivo non focalizzato, anzi, non mi ascoltano....!!!   Credo che vedi questo nettuno solo dalla sua parte più spirituale, yang tralasciando la parte più fisica e yin.

Poi si, sono un incasellatore che mi aiuta ad avere un ordine spirituale e fisico che mi dona chiarezza mentale. Forse semplicemente la vediamo diversamente ma, io parlo per constatazioni ed esperienze di vita. Un libro ha concetti standar, una minima base ma poi ognuno di noi ha molteplici motivi per spiegare nettuno come lo vede e lo sente.

 

Sulle congiunzioni e gradi limitrofi, ti faccio un'esempio anch'io che, se vorrai potrai confrontare. Io prendo le effemeridi dal libro di Ciro Discepolo e, la seconda edizione(dal 2000 al 2050), rispetto alla prima (dal 1900 al 2010), ho notato che la seconda edizione devono essere sbagliati i calcoli di un giorno perchè, le persone a cui faccio l'oroscopo (un paio o tre aggratis) e anche a me, risultano che le congiunzioni agiscono il giorno prima. Sempre il giorno prima e, mi confermano che il tal giorno (precedente) di congiunzione il tal aspetto descritto grosso modo succede! Mentre con l'edizione vecchia, questo non succedeva, accadeva il fatto il giorno stesso fino al 2000. Io mi baso troppo sulle congiuzioni e ci lavoro da decenni. Quando ho cominciato con gli oroscopi, lasciavo anch'io un paio di settimane di azione ma, quando vedevo che succedeva sempre il giorno stesso o il giorno prima o dopo (per i pianeti lenti), ho smesso di guardare ai 7° consigliati negli oroscopi. Tra l'altro risulta più leggibile un cielo se limiti ad un grado l'influenza dei pianeti, i giorni sono più concisi agli aspetti più importanti.



#68 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 04 ottobre 2016 - 08:33

Hmm perdonami ma un'opposizione nettuno-plutone è difficilmente percepibile sul piano individuale. Considera che la stessa opposizione la stanno vivendo tutti quelli nati nei 5 anni intorno al tuo (minimo), per cui a meno che non sia implicato un pianeta personale dubito sia quell'opposizione il tuo problema. Semmai è il tuo sole nettunizzato e in settima casa, che ti porta a confondere i problemi degli altri con i tuoi. Il problema di un nettuno in prima casa opposto al sole è che manca il confine tra se stessi e gli altri. Aiutare un amico o una madre è sacrosanto, ma quando ti rendi conto che lo stress ti invade e alla fine quello che sta peggio sei tu, è arrivato il momento di mettere dei paletti. 

 

Nettuno non ha una parte yang, perché è un pianeta femminile (hai confuso yin con yang), e non ha un aspetto corporeo, perché simboleggia tutto ciò che è disincarnato. Non è questione di vedere un pianeta in un modo o in un altro, ma proprio di basi astrologiche. Le cose che ti succedono, a mio avviso, sono una proiezione del tuo lato nettuniano non accettato. Non è un caso che tu abbia un amico che si rifugia nell'alcool: quell'amico è una parte di te, è un tuo riflesso. Ti sei mai chiesto perché tu viva con tanta partecipazione la cosa? Al nettuniano è sempre necessario ricordare che non si può salvare nessuno, si può aiutare chi decide di volersi salvare da solo, che è ben diverso. E bisogna ricordare che se si assorbono i malesseri degli altri fino a farli propri, non si è di nessun aiuto, anzi, si diventa una zavorra. In questo senso fai bene a mantenere la razionalità, ma mi pare che il risultato sia un'esaurimento nervoso, che però dipende solo da te e come gestisci le cose, non da nettuno.

 

Comunque mi sa che mi sono lanciato in un'impresa senza speranza: eri un toro, se non ricordo male. L'esperienza mi insegna che far cambiare idea a un toro è come cercare di far crescere le branchie a un uccello, impossibile :D


  • Bobbg piace questo

"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#69 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 04 ottobre 2016 - 11:46

Per gli incidenti c'entra Urano  :asdsi: , o in concomitanza Marte e Urano .



#70 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 05 ottobre 2016 - 12:13

Urano attivato da marte e mercurio dissonanti. Ma ci sono tanti incidenti che avvengono senza questi pianeti, perché hanno un'altra radice simbolica. Per esempio con un transito di saturno ci può essere un incidente di auto-punizione non cosciente.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#71 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 05 ottobre 2016 - 12:14

Io anche la penso come antonhy però secondo me è necessario un approccio più morbido alla questione, dunque aiutarsi con erbe e altri rimedi può essere utile. Ricordiamoci che non è sempre facile, e non tutti reagiscono ai cambiamenti in modo uguale. Inoltre può anche capitare che una stessa persona a un certo tipo di cambiamento riesca a darci un taglio netto e quindi superarlo indolore, mentre un'altro magari può essere più complicato, quindi non sempre dipende dalla persona ma anche da quanto é difficile il cambiamento nella sua storia e psicologia INDIVIDUALE. Ci sono troppi fattori tra l'altro non esclusivamente astrologici ( di transiti ) che indicano questo ( contesto psichico del momento, situazioni da affrontare nel mondo, emotività che si porta dietro, ecc ), quindi non si può verificare, ognuno lo sa, e alla fine bisogna trovare una mediazione in certi casi. In più per come la vedo io disturbi psichici e fisici possono essere causati si dalla non accettazione del cambiamento, ma anche dal cambiamento stesso, se questo è veramente drastico ti può far trovare in un 'mondo nuovo' che prima che diventi ''abitudine'' é un terreno sconosciuto e come ogni cosa sconosciuta spaventa o ti può far sembrare tutto ''irreale''.

Già l'astrologia di per se aiuta, se presa in modo non deterministico, a trovare quanto meno una causa di quello che succede, dunque chi analizza i transiti si trova sicuramente un passo avanti rispetto ad altri. Se uno lo sa magari evita di andare dal medico per certi disturbi, magari uno sbotta un attimo e ti diagnosticano un alzhaimer o qualche disturbo neurologico, e poi si sa come funzionano queste cose, te ne convinci e ti metti a creare la malattia.

Ripeto Antonhy per me hai perfettamente ragione, però da come l'hai scritto ( magari non era tua intenzione ), sembra che tu la faccia abbastanza facile l'accettazione di un cambiamento. La cosa più giusta sarebbe fare come dici tu, accettare il cambiamento e via, ma non sempre è così semplice il percorso. Prendi per esempio un transito di Plutone, mentre ti lavora dentro possono sorgere paure e angosce di morte, allora se conosci 1) la causa e 2 ) accetti il cambiamento nel frattempo ti puoi anche aiutare con rimedi esterni. Andrebbe analizzato caso per caso, il sunto di questo mio intervento è che non c'è mai un iter preciso da seguire, a volte può essere necessario una certa cosa, altre no.
  • Bobbg piace questo

#72 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 05 ottobre 2016 - 12:43

In realtà sono perfettamente d'accordo con te. Tra l'altro io sono una persona che soffre moltissimo il cambiamento. Aiutarsi con erbe, psicoterapia, calmanti e qualunque altra cosa è sacrosanto, ci sono anche diversi studi sulle corrispondenze tra astrologia e fiori di bach, omeopatia e piante. 

 

Ciò che contesto sono due cose: 1) ridurre il transito a degli avvenimenti esterni "subiti", cioè vissuti come una calamità mandata da influssi planetari che vanno schivati; 2) ridurre il transito ai giorni del grado secco. Per cui è giustissimo aiutarsi, ma collaborando con il transito (che poi è la cartina tornasole di un ciclo interiore), non cercando di neutralizzarlo.

 

Per cui un approccio intelligente agli anni in cui nettuno è di transito, potrebbe essere quello di collaborare, "facendo amicizia" con quella vibrazione, sviluppando le cose buone che nettuno offre.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#73 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 05 ottobre 2016 - 01:04

Aggiungo una cosa,

tu dici questo:

Ci sono troppi fattori tra l'altro non esclusivamente astrologici ( di transiti ) che indicano questo ( contesto psichico del momento, situazioni da affrontare nel mondo, emotività che si porta dietro, ecc ), 

 

Ecco, in realtà secondo me il contesto psichico del momento è proprio L'UNICA cosa che i transiti posso rivelare. Lo scopo sarebbe proprio quello, leggo le effemeridi e so che, in corrispondenza del transito di nettuno, attraverserò una metamorfosi, il mio modo di percepire la realtà sarà messo in discussione. A quel punto, se ho studiato bene il mio tema natale, so anche che funzione ha questa cosa nel mio progetto di vita. Se ho un nettuno in prima casa opposto al sole, so che mi è richiesto di ammorbidire i confini del mio ego, di diventare più "cangiante", quindi ogni volta che nettuno farà un aspetto lavorerà in quel senso. Poi guardo anche la casa in cui nettuno sta transitando e capirò in quale ambito dovrò trasformarmi e spiritualizzarmi. Per esempio se mi transita in quinta casa c'entrerà la mia creatività e il mio modo di esprimermi (potrei mettermi a dipingere), mentre se è in sesta casa allora l'ambito saranno il lavoro e la salute, magari l'assistenza ai malati, ma anche la cura degli animali, il giardinaggio, i servizi sociali, ecc. So che lavorando in quell'ambito scioglierò parte del mio ego e realizzerò lo scopo di un nettuno in prima casa.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#74 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 05 ottobre 2016 - 12:27

Antony, non credere che non tengo in considerazione quello che scrivi, anzi, più di una volta ho preso spunto dai tuoi post. Però, non sono d'accordo nel dire che Nettuno è solo un pianeta spirituale o psicologico o ...yang (l'energia yang che và all'alto è quella orientata alla spiritualità della vita cosmica al contrario della yin che cristallizza ed è quindi materiale, fisica e terrena).

Tutti i pianeti hanno un lato materiale e spirituale e, anche Nettuno ha due energie come tutti. Sullo spirituale, si agisce, si pensa come dici tu, ma, sul materiale, si agisce sul fisico (e ambiente circostante) e, come si agisce sul fisico se non usando cose materiali come erbe o altre cure (avendo anche loro in medicina ......alternativa almeno, due energie yang-yin spirito-fisico)? Nettuno governa i piedi e la circolazione linfatica e, curando i piedi tipo la digitopressione plantare, si agisce su tutto il corpo o, più semplicemente, se metti i piedi in una bacinella d'acqua calda, senti un benessere emotivo pervadere a tutto il corpo ma, la bacinella d'acqua calda, si sà che agisce su diversi malanni che solitamente hanno la caratteristica di farci sentire uno schifo senza avere patologie vere e proprie.

Dicendo che, Nettuno è di natura yin, hai ragione, ma, di logica, converrai allora che Nettuno agisce più fisicamente che spiritualmente...  quasi che, sembra il pianeta che trasforma il spirituale in materiale...  anzi no, il materiale che trasforma in spirituale...  da yin a yang e non viceversa.



#75 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 05 ottobre 2016 - 01:46

...........Tony, è vero, hai ragione che il nettuno opposto a plutone è un aspetto generazionale, cioè coinvolge tutti quelli della mia età, infatti, vedo i miei compagni di classe che ognuno ha la sua da "pelare" in questo periodo e và in base (come dici anche tu) alle case astrologiche coinvolte. C'è uno che ha 52 anni (la mia età) diventerà padre per la prima volta, l'altro, ha appena perso la madre che tra l'altro, era da anni "via" con la testa, un'altra compagna di classe con la madre novantenne dove adesso ha scoperto che ha un'osteoporosi alle stelle e alla quale ha già problemi di depressione, un'altro con il padre.....   sembrano tutti collegati con problemi riguardanti genitori anziani e uno con un futuro figlio dato che non ha genitori....  lo stress non è tanto per la mamma o l'amico che si dà all'alcol ma più a combattere situazioni surreali: medici incapaci (se non fosse che ho chiarezza nel vedere i sintomi di mia mamma, sinceramente non ci sarebbe più da un paio di anni: ischemie, che ho consigliato io di curare il catarro dato che sentendola respirare male si capiva che mancava ossigeno..  per il medico? E' l'età e basta...  come dire che, deve morire e basta.. ) e leggi che si contraddicono o tasse illogiche, o sospetto di fregature da enti e menefreghismo anche se ti spetta di legge (il caso del mio amico con problemi di alcol)......  tutte situazioni che ti mettono nel dubbio, nell'illogicità, nel nascosto e nel subdolo.. e le vedo come energie negative di nettuno e plutone. Cose aleatorie che vanno a colpire sul materiale..  anzi, sulla salute fisica e mentale (nettuno!). Se uno non ha uno spirito forte (sempre nettuno) per combattere contro ..l'aria, ci si abbandona al destino, all'alcol, alle droghe, alla negazione della realtà (nettuno ancora) e, i medici (anche loro sotto nettuno) che dovrebbero curarti (non nomino gli assistenti sociali che non sono degni di niente) sembrano legati anche loro a problemi sfuggenti e non adempiono al loro dovere divino con tanto di giuramento di Ippocrate. Tuttto questo te lo racconto per farti capire che in tutto, vedo Nettuno negativo con Plutone.

Fino a un paio di anni fà, forse grazie al mio nettuno di nascita, vedevo le cose equilibrate, tutto funzionava su un filo tanto sottile quanto resistente da secoli. Avevo sempre l'occasione di scoprire nuove cose che stimolavano la verità o la spiritualità, ora vado solo a memoria di queste positività perchè non ho tempo, non ho la possibilità e, come faccio se non aiutandomi con talismani, medicine alternative, il credere negli angeli/energie eccetera? Cedere all'influsso negativo di Nettuno per ritrovarmi un domani senza sicurezze (la società d'oggi si basa su saturno: materialità e sicurezze)? No, devo combattere e se non mi è dato il benessere di Nettuno, me lo cerco in altri modi. Non posso abbandonarmi a ciò che nettuno vuol insegnarmi almenochè non mi ritiro in un convento, allora si, tutto è risolto, dico a tutti di pregare per i loro problemi e io mi abbandono all'oblio nettuniano.

 

Questa "spremuta di nettuno" è per farti comprendere una situazione nettuniana a cui non puoi basarti sulla spiritualità ma devi essere realistico (saturno e la sua società) il più possibile e converrai che bisogna compensare materialmente l'energia di nettuno, non puoi sempre accettarla come insegnamento e basta.



#76 Guest_Meditante_*

Guest_Meditante_*
  • Ospiti

Inviato 03 novembre 2016 - 08:06

Lunedi prossimo ho una bella opposizione di Nettuno sul mio Plutone di nascita. Ho attivato tutte le prevenzioni di mia conoscenza ma, dato che ho un forum sull'astrologia, volevo chiedervi: quando avete un paio di pianeti (o più) in posizioni negative, come vi "difendete" da questi aspetti che possono farvi intuire niente di buono? Ne avete di tattiche antiinflussi????? O subite e basta?!?!?!?!

 

io uso la racchetta



#77 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 03 novembre 2016 - 08:29

Si si...   scommetto che la usi anche per fare due uova al tegamino.



#78 fasiel

fasiel

    pervertito gentiluomo

  • Utenti
  • 4733 messaggi

Inviato 06 novembre 2016 - 09:36

i pianeti non attaccano a meno che non siano un astronave come sul film star wars,

io non credo all'oroscopo,mi sembra stupido,saro' anche uno che viene considerato religioso,mistico,esoterico,new age,satanista,ecc. ma all'oroscopo non ci credo

 

07-deathstar.jpg



#79 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 06 novembre 2016 - 09:47

i pianeti non attaccano a meno che non siano un astronave come sul film star wars,
io non credo all'oroscopo,mi sembra stupido,saro' anche uno che viene considerato religioso,mistico,esoterico,new age,satanista,ecc. ma all'oroscopo non ci credo

07-deathstar.jpg

non é questione di crederci o no, i pianeti vibrano a una determinata frequenza, come tutto nell'universo. E dunque mandano una certa influenza. Anche io con questo messaggio in questo momento sto mandando un influenza. Lo sai che senza il sole non ci sarebbe vita sulla terra ? Ti rendi conto dunque dell'influenza che ha il sole su tutti gli esseri viventi ?! E come il sole tutti gli altri pianeti.
  • Bobbg piace questo

#80 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 07 novembre 2016 - 08:27

Fasiel, i pianeti non "attaccano" mica  ....magari con fulmini e saette :glee: ! Altrimenti dovremmo puntare il super laser ed eliminare fisicamente i pianeti appena fanno quadratura!  :azz:    Non siamo contro a religiosi o satanisti, basta che siano educati, scettici anche, ma educati. Libero di non crederci...   quindi? :confused: 






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi