Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Storie Zen e Koan


  • Per cortesia connettiti per rispondere
287 risposte a questa discussione

#281 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1774 messaggi

Inviato 21 dicembre 2020 - 07:03

bisogna viverla l'esperienza
non negarla


Il problema non è tanto negare ma interpretare.
Uno nega finché non sperimenta.
Ci sta.
Non è in grado di prevedere le cose.
Deve sperimentare per sapere.
Ma una volta sperimentate, si mette a interpretare.
Questo è molto peggio del negare.
Poiché interpretando, svuotano di significato ciò che hanno sperimentato.
Così invece di capire la realtà, essa viene alterata e coperta (nascosta) dal ragionamento casuale della mente convenzionale di un uomo ordinario.
Sarebbe più costruttivo non sperimentare piuttosto che sperimentare e interpretare.
Occorre imparare a sperimentare e basta.
Non è facile, anzi.
Invece la gente cerca tutte le occasioni possibili e immaginabili per poter interpretare ogni cosa soprattutto nel campo cosiddetto spirituale.
Perciò il sperimentare si trasforma in perdersi.
Poi ci sono molti che si accontentano di leggere esperienze altrui senza aver mai sperimentato nulla nella propria vita nel modo corretto.
Ovvero senza filtri preconcetti e pregiudizi.
Filtri, spesso inconsci, e difficili da rimuovere.





#282 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1438 messaggi

Inviato 21 dicembre 2020 - 07:48

ho letto solo le prime due frasi

io non posso guardare gente che si accoltellano perchè si interpreta facilmente

tipo mio padre guarda walker texas e li ci sono coltelli, archi e frecce

trappole di ogni genere e morte

allora mando al diavolo mio padre e il film

però poi dopo rivaluto l'interpretazione e quando ci ritorno sono più forte di prima

sicuramente l'interpretare svuota 

ma questo già lo sapevo

perchè lo so da 10 anni

alcuni documentari su internet ne parlano

tipo lo sfidante che parla dei volador ma l'ho detto mille volte

bisogna andarci cauti con le esperienze particolarmente efferate

e poi non tutto va bene

non è che uno si può infliggere tagli solo perchè deve sperimentare

ci sono cose che si possono fare e cose che non si possono fare 

a parte che come ho detto a malia dipende sempre dall'io 

chi è che sperimenta? L'ho letto l'altra volta in un altro topic

se a sperimentare sono i tuoi io presi da altri esseri umani allora annullali

trascendili e vedi la tua vera natura

la verità è l'amore non la macabrosità

 

 

ah ora che ci penso

secondo i teologi dell'esoterismo

meglio interpretare che reprimersi

perchè l'interpretazione si corregge

il reprimersi o il negare accresce la rabbia per resistenza 



#283 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1774 messaggi

Inviato 21 dicembre 2020 - 08:47

Esattamente, non è necessario sperimentare tutto perché alcune cose si possono prevedere altre cose hanno effetti collaterali oppure non servono alla coscienza. Di solito si reprime qualcosa che si intuisce o si conosce già. Io intendevo quando si nega l'ignoto mai sperimentato prima. L'interpretazione di per se non fa niente, è quando ci si identifica con certe manipolazioni mentali che diventa un ostacolo apparentemente insormontabile.



#284 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 538 messaggi

Inviato 22 dicembre 2020 - 07:27

Ovviamente l'esperienza deve essere sempre una scelta.


Due insegnanti di Zen, Daigu e Gudo, furono invitati a far visita a un gran

signore. Appena giunti, Gudo disse al signore:

≪Tu sei intelligente per natura, e hai una innata predisposizione a

imparare lo Zen≫.

≪Sciocchezze≫ disse Daigu. ≪Perche stai adulando questo stupido? Sarà

un signore, ma di Zen non sa proprio niente≫.

Cosi, invece di costruire un tempio per Gudo, il signore lo costruì per

Daigu e studiò lo Zen con lui.

Il grande sentiero non ha porte, migliaia di strade vi sboccano; quando si

attraversa quella porta senza porta, si cammina liberamente tra cielo e

terra.

#285 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 538 messaggi

Inviato 22 dicembre 2020 - 08:04

Se lo ascolti con le orecchie non lo cogli,
solo quando lo udirai con gli occhi, lo coglierài.

#286 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 538 messaggi

Inviato 22 dicembre 2020 - 12:06

Koan
"Come posso proseguire il mio cammino su questa strada senza

smarrirmi?" chiese un monaco.

"Tu credi che questa sia una strada?" fece Joshu.

"Certo: e la strada che percorro da tanto tempo."

"E se ti fossi gia smarrito, da tanto tempo?"

"Come puoi supporre questo?" disse il monaco "E' semplicemente assurdo."

"Appunto. Tu mi hai domandato se puoi percorrere ancora questa strada

senza smarrirti."

#287 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6964 messaggi

Inviato 20 luglio 2021 - 06:16

A un certo punto della sua vita, Buddha si fermò per qualche tempo in un villaggio.

Tutti volevano parlare con il grande saggio e ottenere da lui consigli illuminanti.

Tra questi, c’era anche un contadino noto per lamentarsi continuamente di quanto la sua vita fosse problematica.

Quando arrivò al cospetto di Buddha, iniziò a elencare tutto ciò che non andava: il maltempo gli rovinava i raccolti, sua moglie era troppo critica nei suoi confronti, i suoi figli non gli mostravano alcuna gratitudine e, come se non bastasse, i suoi vicini erano rumorosi e parlavano alle sue spalle.

Dopo aver terminato la lunga lista di lamentele, il contadino chiese a Buddha una soluzione, un modo per risolvere i suoi problemi.

“Non posso aiutarti”, disse il Buddha. “Ogni essere umano ha tanti problemi, per la precisione 83 problemi. Così è la vita e io non posso farci niente. E sappi che anche se lavori duramente e riesci a risolverne alcuni, non riuscirai mai a risolverli tutti“.

L’uomo, risentito, iniziò a inveire: “Ma allora a cosa servono i suoi insegnamenti di cui tutti parlano?”

Buddha rispose così: “Forse i miei insegnamenti non servono per risolvere i tuoi 83 problemi ma potrebbero servirti a risolvere l’84esimo problema“.

“E quale sarebbe?”

“L’84esimo problema è che vuoi avere il controllo su tutto. Se risolvi questo problema e accetti la vera natura della vita, li hai risolti tutti. Non avrai più nulla di cui preoccuparti“.
  • malia piace questo

#288 Il Morto

Il Morto

    Pandemio

  • Utenti
  • 21895 messaggi

Inviato 20 luglio 2021 - 10:25

secondo jay-z i problemi sono 99.


Samsara 1 - Nirvana 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi