Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Se non volete ammalarvi di influenza


  • Per cortesia connettiti per rispondere
35 risposte a questa discussione

#1 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 9713 messaggi

Inviato 01 agosto 2014 - 03:39

La Liquirizia (Glycyrrhizia Glabra)

La Liquirizia è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Leguminose (Papilionacee) originaria dell’oriente, ma comune nella ragione mediterranea e coltivata in Italia, soprattutto nelle regioni meridionali. Pregiate le qualità di Spagna e Russia. Ha 1 m di altezza, rami flessibili, foglie paripennato composte. La parte medicinale è costituita dalla radice,  essiccata e dagli stoloni decorticati.

Da questi si estrae la droga che contiene soprattutto saponine triterpeniche,  glicerrizzina, acido glicirrizzico e 24- idrossiglicerrizzina. Inoltre triterpeni, numerosi composti flavonoidi di colore nero che sono quelli che danno il colore nero ai tronchetti di liquirizia.

Mentre la glicerrizzina  e l’acido glicirrizzico si sono dimostrati utili per l’ulcera gastrica e duodenale, i triterpeni ed i composti flavonoidi hanno dimostrato di aver un azione stimolante le difese immunitaria superiore a qualsiasi altro flafonoide.

Essi esercitano una notevole azione antiinfiammatoria ed antiallergica. Pare che per questa azione contribuisca anche la glicerrizzina. Sebbene l’azione della glicerrizzina e dei flavonoidi sia stata attribuita ad un effetto cortisolo simile, molte delle azioni di queste sostanze di fatto antagonizzano e neutralizzano il cortisolo. In pratica si è evidenziato, che mentre la glicerrizzina stimola il cortisolo, i composti flavonoidi (che nella liquirizia sono contenuti in quantità elevatissime) inibiscono il colesterolo. Gli effetti che esercitano sia acido glicerrizzico, che triterpeni che composti flavonoidi sono sincroni  e vanno a stimolare la tripofano ossigenasi, determinano un aumento del glicogeno epatico, stimolano la sintesi del colesterolo epatico, , determinano un inibizione dell’atrofia timica ed un inibizione del ACTH.. La glicerrizzina ed i composti triterpenci rafforzano l’azione inibitoria dell’azione del cortisolo (azione anti cortisolo) nei confronti della stimolazione di anticorpi (potente azione immunostimolante) che si traduce in un azione utile nello stress dell’infiammazione. Come per il suo effetto mineralcorticoide, la principale azione della glicerrizzina sul metabolismo dei mineral -corticoidi deriva dalla sua azione sull’enzima 5-beta reduttasi, che provoca un aumento dell’emivita del cortisolo.. La principale azione della glicerrizzina si riferisce alla sua capacità di inibire la fosfolipasi A. Questo enzima è responsabile della scissione delle biomembrane, dei lipidi necessari per il metabolismo degli eicosanoidi (EPA e DHA). Pertanto la glicerrizzina determina un aumento dell’emivita degli eicosanoidi . Oltre ad eseercitare questa azione la glicerrizzina inibisce anche la AMP-fosfodiesterasi, provocando un aumento dei livelli dell’AMP ciclico e della formazione di prostaglandine da parte dei macrofagi. Inoltre la glicerrizzina ha dimostrato di inibire reazioni allergiche sperimentalmente indotte, con il fenomeno Arthus, il fenomeno di Schwaarzman, e l’anafilassi di Fossman e di essere un antidoto contro molte tossine, come quelle della difterite, del tetano e della tetrodossina. Per tali effetti la glicerrizzina si è dimostrata un ottimo antiasmatico ed antiallergico; si è dimostrata pure utile nelle forme di epilessia sostenute da forme allergiche. Poichè la quantità di glicerrizzina nei tronchetti di liquirizia pura è molto alta (30%) e la dose per esercitare le azioni sopra descritte è molto bassa (1-2 gr), bastano meno di dieci grammi di liquirizia pura per esecitare tutte le azioni sopra descritte.

E’ stato dimostrato inoltre che la glicerrizzina e l’acido glicerrettinico in concomitanza ai flavonoidi stimolano fortemente la produzione di interferone, la quale da origine ad una nottevole attività antivirale, in quanto gli inteferoni si legano alla superfice delle cellule  dove stimolano la sintesi delle proteine intracellulari che bloccano la trascrizione del DNA virale. La produzone dell’interferone  porta all’attivazione dei macrofagi, ed all’aumento delle cellule natural-killer.

Studi basati su culture cellulari hanno mostrato che la glicerrizzina insieme con i flafoni, inibisce tutti i virus, sia DNA che RNA, ed inattiva in modo irreversibile il virus dell’Herpes Simplex.

Particolarmente importante si è dimostrata negli ultimi tempi l’azione della glicerrizzina e flavoni, nel sopprimere i virus del raffreddore comune, dell’influenza, e dell’HIV- AIDS. Risultati notevoli si stanno ottenendo anche contro i virus dell’ epatite B e C (Telucksing SMackie A.B, Burt D, Protetion of hydrocortison activity in skin glycerrhetic acid).

L’azione della glicerrizzina e dell’acido glicerrizzico si è visto che a livello renale può dare una modesta ritenzione di sodio (azione cortisolo simile), però i prodotti triterpenici ed i bioflavonoidi hanno una potente azione diuretica che provoca espulsione di sodio. Pertanto se i prodotti di estrazione (glicerrizzina ed acido glicerrizzico) necessitano, se somministrati, di monitoraggio della pressione, così non è se si assume la liquirizia in toto, che per i flafoni ed i triterpeni ha una buona azione diuretica e non esercita nessuna azione ipertensiva. Si è comunque propensi  a somministrare insieme alla liquirizia una piccola dose di potassio (1-2 gr di citrato di potassio) per ovviare a qualsiasi effetto ipertensivo.

Ciò di cui non si è parlato finora è dell’azione antiaterosclerotica dei flavonoidi della liquirizia, del tutto paragonabile all’azione antisclerotica dei flavoni del cacao; anzi nella liquirizia la quantità è ancora maggiore, per cui diventa un vero e proprio farmaco per prevenire i danni del colesterolo e dei trigliceridi.

La quantità madia da assumere in un giorno è di 10 gr, che corrisponde all’incirca a 12 tronchetti di liquirizia nera purissima. Comunque una dose maggiore non può recar danno.

 

Joseph E. Pizzorno e Michael T.Murray della Seattle University

 

Devo dire che da 10 anni, da quando assumo liquirizia, non mi sono più ammalato di influenza; assumo nel contempo anche Vit C, e succo di mirtillo (che penso ne potenzino l’azione)



#2 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 9713 messaggi

Inviato 14 ottobre 2014 - 02:56

Pongo quest'imaggine per completare:

 

15536096122_3fc3b31247_z.jpg002 RID by claudiosauro, on Flickr



#3 Notte

Notte

    ?

  • Utenti
  • 12931 messaggi

Inviato 14 ottobre 2014 - 05:18

Pongo quest'imaggine per completare:

 

15536096122_3fc3b31247_z.jpg002 RID by claudiosauro, on Flickr

mia mamma va matta per questi cosi ma si ammala lo stesso tutti gli anni. dipenderà anche da altre cause, boh..



#4 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 9713 messaggi

Inviato 14 ottobre 2014 - 09:41

Forse va matta di liquirizia perchè ne ha bisogno, forse ha una carenza immunitaria. Io ho molti pazienti che la usano con ottimi risultati. E' vero anche che non la consiglio mai sola, ma abbinata all'Echinacea, alla Vit C, allo Zinco, ed all'Uncaria. Con questo abbinamento ho potuto ridure moltissimo la prescrizione di antibiotici, che spesso fanno cilecca.



#5 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:42

mia mamma va matta per questi cosi ma si ammala lo stesso tutti gli anni. dipenderà anche da altre cause, boh..

 

Non è possibile che si ammali di influenza tutti gli inverni. L'influenza solitamente viene circa ogni 10 anni, quando il nuovo ceppo è molto differente da quello contratto diversi anni fa, e quindi non si ha l'immunità. A me venne l'influenza nell'inverno del 2013, cioè quasi due anni fa, quindi posso stare tranquillo ancora per parecchi anni. 

 

 

Forse va matta di liquirizia perchè ne ha bisogno, forse ha una carenza immunitaria. Io ho molti pazienti che la usano con ottimi risultati. E' vero anche che non la consiglio mai sola, ma abbinata all'Echinacea, alla Vit C, allo Zinco, ed all'Uncaria. Con questo abbinamento ho potuto ridure moltissimo la prescrizione di antibiotici, che spesso fanno cilecca.

 

Gli antibiotici non servono a nulla per l'influenza, semmai possono servire per le complicanze batteriche dovute al virus dell'influenza, ma è raro che accada.

Però dubito altamente che ci si possa difendere dal virus dell'influenza con la prevenzione con sostanze. I virus non sono come i batteri da cui si ci può relativamente difendere. Si può solo evitare di venire a contatto con pazienti ammalati di influenza, o fare il vaccino che potrebbe comunque fare venire un'influenza con solo un giorno di febbre non alta.

Mio padre si vaccina ogni anno, è costretto a farlo altrimenti rischia di morire. Ma nell'inverno del 2013 gli venne lo stesso l'influenza nella sua forma attenuata grazie al vaccino, una sola sera di febbre a 38° Ma purtroppo mi ha contagiato, e a me venne l'influenza nella sua forma pienamente attiva, con febbre a 40° e presi due compresse di vivin-c e si abbassò sotto i 38° La febbre persistette per 3 giorni.

Sauro, il fatto che tu da 10 anni non ti sei più ammalato di influenza è perché sei stato immune ai virus successivi a quello che hai contratto, e alla tua età è molto difficile che tu possa ammalarti di influenza perché sarai immune a quasi tutti i principali ceppi influenzali. Da bambini infatti l'influenza viene più spesso, ma dopo i 20 anni viene sempre meno, almeno devono passare 10 anni, o anche più in terza età che potrebbe non venire mai più.

 

 

Ricordo che è importante quando viene l'influenza, non prendere mai anti-febbrili sotto i 39°C perché la febbre è l'unica arma contro l'influenza, dato che gli antibiotici non servono a nulla. L'influenza si riconosce perché il primo sintomo è la febbre che nel giro di meno di 24 ore potrebbe arrivare a 40°, mentre solo successivamente si hanno sintomi di tossa secca e raffreddore secco, quindi assenza di catarro e di muco.


29ej8mv.jpg


#6 Guest_blanchette_*

Guest_blanchette_*
  • Ospiti

Inviato 15 ottobre 2014 - 09:16

Non è possibile che si ammali di influenza tutti gli inverni. L'influenza solitamente viene circa ogni 10 anni, quando il nuovo ceppo è molto differente da quello contratto diversi anni fa, e quindi non si ha l'immunità. A me venne l'influenza nell'inverno del 2013, cioè quasi due anni fa, quindi posso stare tranquillo ancora per parecchi anni.

io mi ammalo di influenza praticamente tutti gli anni, da sempre. Ho fatto una volta il vaccino e mi è venuta lo stesso.



#7 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 15 ottobre 2014 - 09:55

io mi ammalo di influenza praticamente tutti gli anni, da sempre. Ho fatto una volta il vaccino e mi è venuta lo stesso.

 

Eddai, non è influenza, mi pare che si possa avere capito. Non ci può ammalare di influenza tutti gli anni, perché tra un anno e l'altro il virus è quasi praticamente identico. Quelli che tu hai tutti gli inverni al 90% sono solo mali di stagione, per lo più infezioni batteriche e più raramente virus para influenzali http://www.meteoweb....tamenti/229920/

 

L'influenza si riconosce dal fatto che fa venire la febbre che esordisce rapidamente, e si porta solitamente sopra i 39°C in meno di 24 ore , tosse secca e raffreddore secco. In età adulta l'influenza viene circa ogni 10 anni o anche più in vecchiaia, più frequente da bambini (ma mai ogni anno anche per i bambini) 

Difendersi dal virus dell'influenza è impossibile, essendo un virus del sangue, e non delle vie respiratorie come i virus parainfluenzali. Le pre-difese dell'organismo contro il virus dell'influenza, in assenza di immunità, sono praticamente nulle. Come già detto anche con il vaccino può venire una forma di influenza attenuata, un solo giorno di febbre e intorno ai 38°C , come accadde a mio padre. Io invece fui contagiato, niente vaccino, febbre a 40°  :icon_cry:


29ej8mv.jpg


#8 Guest_blanchette_*

Guest_blanchette_*
  • Ospiti

Inviato 15 ottobre 2014 - 10:34

Eddai, non è influenza, mi pare che si possa avere capito. Non ci può ammalare di influenza tutti gli anni, perché tra un anno e l'altro il virus è quasi praticamente identico. Quelli che tu hai tutti gli inverni al 90% sono solo mali di stagione, per lo più infezioni batteriche e più raramente virus para influenzali http://www.meteoweb....tamenti/229920/

ah. Saranno pure virus para-influenzali e non influenzali in senso canonico, non sto a chiedergli i documenti d'identità, ma sicuro che me li prendo tutti gli anni, e pure due-tre volte l'anno.


  • Notte piace questo

#9 Bloom

Bloom

    utente blondie style

  • Utenti
  • 7930 messaggi

Inviato 15 ottobre 2014 - 12:18

Sono d'accordo con Tornado che il virus dell'influenza non venga ogni anno.
Io me ne accorgo quando è influenza perché mi viene la febbre altissima e a me è molto raro che succeda.
Ogni dieci anni mi pare un po' troppo, io ho una media di ogni cinque anni!
In compenso due o tre volte all'anno mi viene sempre la tracheite con tosse secca e fastidiosissima. E credo che il fatto che fumo non aiuti :(

#10 Flinx

Flinx

    Skyrunner

  • Utenti
  • 3065 messaggi

Inviato 15 ottobre 2014 - 03:48

Io vado matto per la liquirizia purissima: la consumo quotidianamente: sia in tronchetti come quelli nella foto che in radice.

Sempre appena dopo il caffè, rigorosamente bevuto amaro, senza zucchero. 

 

In effetti sono anni che non mi ammalo: mai un colpo di tosse, un raffreddore, uno starnuto. Il mal di gola è un lontano ricordo.

Però il medico lo vedo spesso, per altri motivi...  :icon_confused: :D

 

Tuttavia ritengo che non esista l'elisir che ci preserva da ogni malanno, ma è l'insieme di molti fattori che contribuiscono, ognuno nella loro percentuale, unitamente ad uno stile di vita equilibrato, a farci condurre una vita sana.

 

Estremizzando, ad esempio (ed ho constatato che molti invece lo fanno), è inutile pipparsi un pacchetto di sigarette al giorno (magari light perchè cosi "fanno meno male", falsissimo mito anche questo!) e poi assumere un bel cucchiaino di miele di tiglio ma non preso al discount ma acquistato nell'erboristeria di paese, quella "dal 1812, solo prodotti selezionatissimi", alla sera prima di coricarsi, per tenere lontano mal di gola e tosse o magari annaffiare lo stomaco con generose quantità di aperitivi alcolici dai colori iridescenti consumati nel dopolavoro ed assorbire con stuzzichini e salatini e poi prepararsi le tisane alla malva per prevenire o  per curare l'acidità di stomaco :D

 

Tutti ottimi e validi rimedi invece se associati ad uno stile di vita compassato.


panofirma.jpg


#11 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 9713 messaggi

Inviato 15 ottobre 2014 - 03:52

Nel vaccino ci sono tre tipi di virus, che girano ci sono centinaia di virus di ogni genere. Sono circa tre anni che c'è una forma influenzale o parainfluenzale (chiamatela come volete) che interessa sia l'intestino che le vie respiratorie. Io non so che diavolo di virus siano, ma so che il vaccino antiinfluenzale non fa assolutamente nulla contro questi virus. Quando una forma virale interessa i polmoni è facile che ci siano anche delle complicanze batteriche. Quando auscultando i polmoni senti crepitii e rantoli, vallo a sapere tu se è un virus o un battere. Pertanto gli antibiotici troppo spesso si rendono necessari, proprio per scongiurare complicanze gravi.Per questo è importante stimolare le difese immunitarie come prevenzione, invece c'è la brutta abitudine nella popolazione di prendere antipiretici anche se la febbre è 37,2; sia chiaro, la febbre non va abbassata finchè non arriva a 39.

Prendendo certi antipiretici inoltre si azzerano le difese immunitarie, per cui troppo spesso mi tocca assistere ad una cronicizzazione della malattia; molto spesso residua una tracheite cronica che dura mesi, e non risponde a nessun antibiotico ed a nessun antivirale. Paracetamolo, Tachipirina, Tachidol, vengono venduti come prodotti da banco, quando sui testi di medicina c'è scritto chiaro che possono causare danni al fegato ed abbassare le difese immunitarie. Sarebbe ora che prendessero dei provvedimenti anche i nostri governanti, perchè tali prodotti venissero venduti solo su prescrizione medica.



#12 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 22 dicembre 2017 - 09:51

Il mio nipotino viene a casa mia durante le feste, e appena arrivato aveva già febbre, e persiste ancora da 2 giorni, sembra che abbia preso il virus dell'influenza :asdsi: Accade che dopo meno di 24 ore, avverto bruciore in zona palato molle e naso solleticante sul punto di starnutire. Io preso dal panico :shock: di essere stato contagiato, prima di andare a dormire prendo un'aspirina contro l'infiammazione che sentivo :asdsi:  La mattina dopo all'alba mi sveglio con una narice chiusa che cola di brutto tipo rubinetto che gocciola  :icon_cry:  e ho pure un paio di starnuti di quelli violenti da classico raffreddore, e sono costretto a soffiarmi il naso.  Ho pensato: è fatta, sono fottuto  :icon_cry: E invece in mattinata, sintomi completamente spariti  :icon_eek:

Ipotizzando che il mio nipotino mi abbia veramente trasmesso il virus dell'influenza, è possibile che io abbia avuto già subito gli anticorpi a disposizione, sviluppati durante un'influenza avuta in passato con ceppo molto simile, e quindi ho ucciso prontamente i virus che si stavano moltiplicando, ancora in fase di incubazione?  :ass:


  • arjanedda piace questo

29ej8mv.jpg


#13 cimychan

cimychan

    polpetta

  • Utenti
  • 13997 messaggi

Inviato 23 dicembre 2017 - 08:01

Il mio nipotino viene a casa mia durante le feste, e appena arrivato aveva già febbre, e persiste ancora da 2 giorni, sembra che abbia preso il virus dell'influenza :asdsi: Accade che dopo meno di 24 ore, avverto bruciore in zona palato molle e naso solleticante sul punto di starnutire. Io preso dal panico :shock: di essere stato contagiato, prima di andare a dormire prendo un'aspirina contro l'infiammazione che sentivo :asdsi: La mattina dopo all'alba mi sveglio con una narice chiusa che cola di brutto tipo rubinetto che gocciola :icon_cry: e ho pure un paio di starnuti di quelli violenti da classico raffreddore, e sono costretto a soffiarmi il naso. Ho pensato: è fatta, sono fottuto :icon_cry: E invece in mattinata, sintomi completamente spariti :icon_eek:
Ipotizzando che il mio nipotino mi abbia veramente trasmesso il virus dell'influenza, è possibile che io abbia avuto già subito gli anticorpi a disposizione, sviluppati durante un'influenza avuta in passato con ceppo molto simile, e quindi ho ucciso prontamente i virus che si stavano moltiplicando, ancora in fase di incubazione? :ass:

non lo so anche io ho avuto qualcosa di simile che "ahiutho stavolta mi tocca" però già dopo qualche ora nada de nada, e non credo che la gastroenterite che è l'unica cosa che ho fatto quest'anno mi abbia lasciato anticorpi
L'importante è che non vada in sinusite poi meglio così
  • tornado piace questo

#14 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 23 dicembre 2017 - 06:11

non lo so anche io ho avuto qualcosa di simile che "ahiutho stavolta mi tocca" però già dopo qualche ora nada de nada, e non credo che la gastroenterite che è l'unica cosa che ho fatto quest'anno mi abbia lasciato anticorpi
L'importante è che non vada in sinusite poi meglio così

 

Mio fratello, ossia il padre del mio nipotino, si è ammalato  :icon_cry: Così come anche mio padre con febbre  :icon_cry: Però mio padre ha il vaccino contro l'influenza, pertanto se domani non ha più nulla, allora si tratta del virus dell'influenza.

 

Infatti alcuni anni fa a mio padre gli è venuta l'influenza in forma leggera, sempre con il vaccino, febbre a 38°C, ma gli è passata in poche ore proprio grazie al vaccino :asdsi: A me ha contagiato e non avendo il vaccino, febbre per 3 giorni fino a 40°C , poi ho preso l'aspirina :asdsi:

 

In ogni caso è come pensavo, ho già gli anticorpi per questo virus. Infatti un mese e mezzo fa sono stato male, ma era parainfluenza, quindi probabilmente ho sviluppato anticorpi pronti subito all'attacco  :icon_cool: contro questo virus del mio nipotino, indipendentemente se sia influenzale o parainfluenzale :asdsi: Oppure avevo già anticorpi di un virus influenzale preso in passato, e quindi anche già pronti subito all'attacco per questo ancora ipotetico virus influenzale. Insomma me la sono scampata ugualmente  :icon_biggrin: Mio madre invece non si ammala quasi mai, sembra che sia immune a quasi tutti i virus influenzali e parainfluenzali  :glee:

 

Comunque ho letto che gli adulti si ammalano di influenza in media ogni 5 anni, rispetto ai bambini che possono ammalarsi tutti gli anni, proprio perché hanno l'immunità ad alcuni virus influenzali :asdsi:  presi da bambini o in passato, con cui si sono ammalati 


29ej8mv.jpg


#15 cimychan

cimychan

    polpetta

  • Utenti
  • 13997 messaggi

Inviato 23 dicembre 2017 - 06:14

boh
io mi ammalo ogni anno una due o anche tre volte

#16 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 23 dicembre 2017 - 06:24

boh
io mi ammalo ogni anno una due o anche tre volte

 

Si, ma quasi sempre virus parainfluenzali :asdsi:

Solitamente nelle parainfluenze la febbre è leggera, inferiore a 38°C, e aumenta lentamente, quasi sempre per poche ore :asdsi:

Mentre nelle influenze la febbre è da moderata a forte, da 38-39°C fino a 40-41°C (dopo i 41°C è necessario urgente ricovero ospedaliero) e aumenta rapidamente il primo giorno, e si protrae per alcuni giorni facendo continui alti e bassi (escludendo l'abbassamento dovuto ad anti-febbrili, io prendo aspirina solo quando la febbre mi arriva a 40°C come già detto ; la febbre è l'attacco dell'organismo contro i virus, sia per ucciderli perché questi non riescono a moltiplicarsi sopra i 37°C, sia per produrre rapidamente anticorpi :asdsi: )


29ej8mv.jpg


#17 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 27 dicembre 2017 - 08:29

Alla fine mi è venuta l'influenza 😓 È da 3 giorni che ho febbre alta, la notte appena passata a 39.5 °C , niente anti-febbrile, preferisco farla sfogare, tanto quando la respirazione è regolare non è necessario farla abbassare. Però ieri notte, a causa della febbre alta, avevo il pensiero disconnesso 😲 credevo di essere un altro 😨
Mio padre ha avuto febbre bassissima, e per poche ore, grazie al vaccino, a lui l'influenza lo può uccidere 😒

29ej8mv.jpg


#18 celestino

celestino

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1614 messaggi

Inviato 30 dicembre 2017 - 05:53

L'azione della liquirizia è interessante, sapevo che questa è ipertensiva ma, non ho capito bene però se, i suoi effetti ipertensivi non sono rilevanti se la si assume così com'è, cioè in confetti come mostrato dalle mani di Sauro oppure la si deve assumere masticando i rametti al naturale?



#19 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8072 messaggi

Inviato 30 dicembre 2017 - 09:23

L'azione della liquirizia è interessante, sapevo che questa è ipertensiva ma, non ho capito bene però se, i suoi effetti ipertensivi non sono rilevanti se la si assume così com'è, cioè in confetti come mostrato dalle mani di Sauro oppure la si deve assumere masticando i rametti al naturale?

Io ho preso i trochetti di liquerizia pura ma non più di dieci al giorno e i risultati li ho avuti.L'effetto ipertensivo è reale e da non sottovalutare...quindi l'assunzione dei tronchetti va fatta nell'arco della gionata e nella giusta moderazione.
  • ChocolateMints piace questo

"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


 
 
 
 

#20 jericho

jericho

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 710 messaggi

Inviato 30 dicembre 2017 - 11:46

Io, negli ultimi 5/6 anni, ho avuto la febbricola al massimo a 37.5 un paio di volte.
Quando avverto i primi sintomi, utilizzo un rimedio per me molto efficace.

Spremuta di arance 2 volte al dì, una al mattino e una al pomeriggio, la sera tisana di malva, menta dolce, limone e una spolverata di cannella.
Miele in quantità per addolcire.

Su di me funziona ottimamente.
Ogni tanto mi ammalo comunque, mai abbastanza da saltare il lavoro... Avverto i sintomi, starnutisco 2 gg, rimango intasato una settimana, ma niente di debilitante come può essere la febbre superiore a 37.8
Arance sante subito.
  • celestino e Lunanerina piace questo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi