Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Si può amare troppo?

vita figli matrimonio amore famiglia mondo

  • Per cortesia connettiti per rispondere
16 risposte a questa discussione

#1 Just Life

Just Life

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 12:04

Ciao a tutti! Sono nuova nel forum (anche se lo seguo da anni) e vorrei sottoporvi una mia riflessione per capire cosa ne pensate voi. :frog:

 

Secondo voi si può vivere una vita da soli? E quanto si può amare qualcuno? Mi spiego meglio.

 

Io ho 22 anni e sono single. Fino all'anno scorso questa mia situazione mi pesava molto, poichè non ho mai avuto spasimanti e avrei tanto desiderato fidanzarmi. All'inizio di quest'anno, però, ho finalmente capito quanto superficiali fossero le mie richieste. Non volevo un ragazzo per amarlo e stare insieme a lui, ma lo volevo semplicemente per sentirmi a posto con gli altri, soprattutto in mezzo agli amici fidanzati con cui esco. Se fino all'anno scorso durante queste uscite mi sentivo in imbarazzo e fuori posto (anche se i miei amici non mi hanno mai fatto pesare il fatto che fossi l'unica single), ora non me ne importa più. Adesso riesco finalmente a bastarmi, ho capito che non ho bisogno di nessun altro per essere felice e che l'amore per le altre persone (famiglia, amici) è un più senza il quale si deve poter vivere lo stesso.

 

Inoltre non ho mai capito due tipi di persone: quelle che non potrebbero vivere senza una persona o senza i propri figli. Ma che senso ha?? Ok, puoi amare una persona tantissimo ma secondo me non puoi basare la tua esistenza sulla vita di qualcun altro.

E se questa persona muore? Cosa fai, ti suicidi o diventi completamente apatico e inutile? Non ha senso!

Credo che sia molto bello e confortante sentirsi amati e amare a nostra volta, però quando si vede l'altro come il nostro unico scopo nella vita ci poniamo moltissimi limiti. Non facciamo tantissime esperienze che questo mondo ci offre, come viaggiare e vedere posti e culture nuove e questo perchè? Solo per rimanere accanto alle persone che amiamo. Ma fino a che punto è salutare tutto ciò?

Ho notato che soprattutto in Italia abbiamo questo attaccamento alla famiglia che è quasi morboso. Osservando altri paesi (USA, paesi dell'est e del nord Europa) ho notato che sono molto meno legati alla famiglia ma non perchè non la amino come noi, ma semplicemente perchè ad un certo punto capiscono che è arrivato il momento di fare nuove esperienze e di crescere interiormente confrontandosi con nuovi orizzonti.

 

Voi cosa ne pensate? Spero di essere stata chiara sul mio punto di vista e sono aperta al confronto anche con pareri diversi dal mio :icon_smile:





#2 franciscus

franciscus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 608 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 05:49

"Solitudo,solitudo,sola beatitudo" dicevano gli eremiti...

 

 Nulla di errato,è una filosofia,una scelta .

 

Ma gli anni passeranno veloci,ed inevitabilmente il cuore,freddo,sentirà bisogno di calore,basterebbe solo una carezza;ma sarà forse tardi per porvi rimedio.


  • migulat piace questo

#3 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4772 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 07:05

Secondo me "amare" non puó mai essere -troppo- (e ovviamente non va confuso l'amore col possesso).
Considero che "amare molto" significhi anche avere la capacità di lasciar andare l'oggetto del proprio amore per la sua strada.
Che amore sarebbe se finisse perchè l'altro vuole andarsene?
  • Menkalinan piace questo

#4 Doctor Faust

Doctor Faust

    Utente Full

  • Utenti
  • 3804 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 09:31

...diventa troppo quando pretende invece che gustare quello che c 'é :-)
  • pabletto76 piace questo

#5 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4772 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 09:51

...diventa troppo quando pretende invece che gustare quello che c 'é :-)


Giusto, ma se -pretende- è possesso, non amore.
  • Cremisi piace questo

#6 pabletto76

pabletto76

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 998 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 09:52

Secondo voi si può vivere una vita da soli? E quanto si può amare qualcuno? Mi spiego meglio.

 

Se fino all'anno scorso durante queste uscite mi sentivo in imbarazzo e fuori posto (anche se i miei amici non mi hanno mai fatto pesare il fatto che fossi l'unica single), ora non me ne importa più. Adesso riesco finalmente a bastarmi, ho capito che non ho bisogno di nessun altro per essere felice e che l'amore per le altre persone (famiglia, amici) è un più senza il quale si deve poter vivere lo stesso.

 

Inoltre non ho mai capito due tipi di persone: quelle che non potrebbero vivere senza una persona o senza i propri figli. Ma che senso ha?? Ok, puoi amare una persona tantissimo ma secondo me non puoi basare la tua esistenza sulla vita di qualcun altro.

E se questa persona muore? Cosa fai, ti suicidi o diventi completamente apatico e inutile? Non ha senso!

Credo che sia molto bello e confortante sentirsi amati e amare a nostra volta, però quando si vede l'altro come il nostro unico scopo nella vita ci poniamo moltissimi limiti. Non facciamo tantissime esperienze che questo mondo ci offre, come viaggiare e vedere posti e culture nuove e questo perchè? Solo per rimanere accanto alle persone che amiamo. Ma fino a che punto è salutare tutto ciò?

la penso abbastanza come te, e mi rispecchio in linea di massima in quello che hai scritto. ho citato le parti in cui mi ritrovo.

 

però ho alcune piccole differenze, se ho capito bene quelle che hai scritto. secondo me non ci serve nessuno per essere in pace, però la compagnia di amici e della famiglia mi piace. sicuramente non la vivo con l'attaccamento di anni fà, e se per un periodo non ci sono non ne soffro più di tanto.

 

è vero che alcuni legami ci limitano, e non dovrebbero farlo. ma per me sono gli attaccamenti il "problema" non le rinunce.  :)


  • dodecaedra piace questo

#7 Bloom

Bloom

    utente blondie style

  • Utenti
  • 7930 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 10:29

Io credo che l'amore non debba mai essere identificato come forma di possesso.. perché quello per me non sarebbe più un vero sentimento ma diventerebbe una forma di egoismo..
È vero però che cmq quando si ama molto qualcuno spesso si fanno alcuni piccoli sacrifici per venire incontro all'altra persona.. Ma non sono cose che pesano. Si fanno reciprocamente, e ovviamente tutto deve avere un limite perché non bisogna mai annullarsi per qualcuno..
Il discorso però che fai che non bisogna mai basare la vita su una persona perché se poi dovesse morire come fai ad andare avanti per me non ha senso..
Se uno parla così è perché fortunatamente non hai mai perso qualcuno di caro..
Non si può dare un limite ai sentimenti, è impossibile, se ami davvero lo fai incondizionatamente e ti assumi anche il rischio di poter soffrire.. Non dico che se muore qualcuno che ami ti devi ammazzare ma sprofondare in una tristezza infinita è molto facile, l'importante è poi riuscire a trovare un modo dentro di sé per andare avanti..
  • Menkalinan e Nehelamite piace questo

#8 Menkalinan

Menkalinan

    quark charm

  • Utenti
  • 3352 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 02:07

Ciao a tutti! Sono nuova nel forum (anche se lo seguo da anni) e vorrei sottoporvi una mia riflessione per capire cosa ne pensate voi. :frog:

 

Secondo voi si può vivere una vita da soli? E quanto si può amare qualcuno? Mi spiego meglio.

 

Io ho 22 anni e sono single. Fino all'anno scorso questa mia situazione mi pesava molto, poichè non ho mai avuto spasimanti e avrei tanto desiderato fidanzarmi. All'inizio di quest'anno, però, ho finalmente capito quanto superficiali fossero le mie richieste. Non volevo un ragazzo per amarlo e stare insieme a lui, ma lo volevo semplicemente per sentirmi a posto con gli altri, soprattutto in mezzo agli amici fidanzati con cui esco. Se fino all'anno scorso durante queste uscite mi sentivo in imbarazzo e fuori posto (anche se i miei amici non mi hanno mai fatto pesare il fatto che fossi l'unica single), ora non me ne importa più. Adesso riesco finalmente a bastarmi, ho capito che non ho bisogno di nessun altro per essere felice e che l'amore per le altre persone (famiglia, amici) è un più senza il quale si deve poter vivere lo stesso.

 


 

 

Fidanzarsi, sposarsi o semplicemente avere un compagno/a, è una scelta di vita consapevole, non una sorta di dovere per fare quello che fanno gli altri,

se sei felice ... beatamente single, e non senti nessun esigenza d'amare qualcun altro, vuol dire che va bene così :smile: , nessuno si dovrebbe forzare a fare ciò che non sente importante per sè.

 

Però hai detto di avere 22 anni, le situazioni cambiano, forse tra una decina d'anni la penserai diversamente e vorrai avere accanto a te una persona da amare.

 

Amare è come giustamente afferma maria, assumersi anche il rischio di dover soffrire, è nella natura dei sentimenti.


  • Bloom piace questo

La scienza non può svelare il mistero fondamentale della natura. E questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere. (Max Planck)


#9 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3875 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 02:42

Essere felici senza l'amore di qualcuno? e un concetto che non riesco a comprendere, secondo me non e possibile; voglio amare e essere amato, l'amore e anche sofferenza ma e una esperienza da vivere, certo può capitare di perdere la persona amata, ma anche se dura solo un giorno vale la pena di essere vissuta.


  • migulat e Bloom piace questo

#10 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 04:39

Essere felici è una cazzata, più ti aggrovigli le cervella su come essere felice, meno lo sarai, quindi tanto vale prendere le cose come vengono senza chiedersi se stai amando troppo, se ami perché non sopporti la solitudine ecc. ecc.
Tanto, finché senti in cuor tuo che per una persona seresti disposto non tanto a dare la vita, quanto a lasciarla andare per la sua felicità, allora bando a tutte le seghe mentali e paranoie di questo mondo: tu quella persona la ami, punto, fottesega che sia troppo, molto, tantissimo, necessariamente o mai abbastanza :D


-Flip Flap-


#11 Just Life

Just Life

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 02 giugno 2014 - 10:50

Non mi aspettavo tutte quest risposte in un giorno solo, vi ringrazio molto! :icon_biggrin:

 

Allora, sperando di non dimenticare nessuna delle vostre risposte vorrei dirvi la mia su quello che avete scritto.

Prima di tutto, io non intendevo dire che voglio evitare di amare per paura di soffrire perchè sarebbe una stupidaggine e non ci riuscirei nemmeno. Mi trovo in accordo con chi ha scritto che amare vuol dire lasciare libero l'altro ed eliminare il concetto di possesso: io per esempio odio quando una persona dice "Lui/Lei è mio"... Cos'è, un cane?

Non sono invece d'accordo con maria0312, poichè per me è sbagliato a prescindere vivere per una persona, sia questa il coniuge, il figlio o un familiare. Secondo me nella vita la parola d'ordine è equilibrio, e deve esserci in tutte le cose che facciamo e pensiamo, quindi anche nell'amore perchè se io amo il mio ragazzo più di qualsiasi altra cosa al mondo e che senza di lui non riuscirei a vivere allora non sono più in equilibrio perchè l'ago della bilancia pesa tutto su questa persona. E se poi quest'ultima venisse a mancare non dico che uno non debba soffrire per la perdita, ma non deve pensare che la sua vita sia finita perchè non c'è più l'altro. Anche perchè non siamo immortali, quindi bisogna trarre il massimo ogni giorno da tutte le esperienze che facciamo, pensando che siamo qui per un motivo e non per vivere in funzione di qualcun'altro.

Spero di essere stata chiara :friendly_wink:


  • arjanedda, Doctor Faust e pabletto76 piace questo

#12 Bloom

Bloom

    utente blondie style

  • Utenti
  • 7930 messaggi

Inviato 03 giugno 2014 - 07:44

Forse non mi sono spiegata benissimo, non dico che si debba vivere in funzione dell'altra persona però spesso per stare bene con l'altro ci si deve venire incontro a vicenda..
E per quanto riguarda la perdita di una persona cara credo che sia impossibile sapere come si potrebbe reagire, l'importante comunque è vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo per avere meno rimpianti possibili..
  • pabletto76 piace questo

#13 Just Life

Just Life

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 03 giugno 2014 - 09:44

Forse non mi sono spiegata benissimo, non dico che si debba vivere in funzione dell'altra persona però spesso per stare bene con l'altro ci si deve venire incontro a vicenda..
E per quanto riguarda la perdita di una persona cara credo che sia impossibile sapere come si potrebbe reagire, l'importante comunque è vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo per avere meno rimpianti possibili..

 

Scusa avevo capito male io... la pensiamo allo stesso modo allora :friendly_wink:


  • Bloom piace questo

#14 Guest_metallica_*

Guest_metallica_*
  • Ospiti

Inviato 04 giugno 2014 - 08:32

Perchè esiste l'amore??? o crediamo che esiste tappandosi il naso????



#15 Just Life

Just Life

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 05 giugno 2014 - 11:10

metallica non capisco cosa intendi



#16 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19919 messaggi

Inviato 11 giugno 2014 - 04:37

Si può vivere una vita da soli? 

Intendi senza legami sentimentali o proprio soli soletti nella nostra buia cameretta?

Se intendi senza legami sentimentali (partner, famiglia, annessi e connessi) certo che si può. Di solito queste persone poi si prendono un animale domestico, gli appioppano nomi gloriosi e li innalzano a loro stirpe. Meglio un paio di figlioli che se ti va bene verso i 30 si levano dalle balle.

Se intendi soli soletti come eremiti delle montagne, si certo, anche quello. Salire su una montagna e non dire a nessuno dove si va.

 

Quando si può amare qualcuno? 

Se diventa misurabile non sembra più tanto poetico.

 

Si può basare la propria vita su quella degli altri? 

Certo che si può. Può sembrare sbagliato e contorto, ma sono scelte e ognuno si ammazza come meglio crede. Purtroppo spesso queste persone, venendo a mancare la persona su cui hanno strutturato la propria vita, in funzione dell'altro, si possono trovare spaesate, senza scopo, succede. Non tutti la superano e molti si tirano la fune al collo. 

Succede, ma l' amore non centra niente. Non le capisci perchè forse fortunatamente non ti sei trovata ad affrontare una situazione del genere. Ma ti assicuro che è comprensibile ed è anche comune.

 

Per quanto riguarda l'aspetto geografico della questione, boh, non mi sembra tanto tanto così. Un forte attaccamento agli affetti non è motivo da inibire nuove esperienze, viaggi, conoscenze, etc. Semmai è una buonissima scusa per mascherare il fatto che non si vogliano fare queste esperienze.

Noi italiani oltre ad avere un forte senso della famiglia, in generale abbiamo anche un forte attaccamento alla nostra terra, alla nostra cultura, alle nostre abitudini. Partiamo, facciamo, lavoriamo fuori, anche lontano. Ma poi torniamo sempre. E non solo perchè le lasagne di mammà son le più bbbone.

 

Detto questo, adesso faccio la vecchia moralista. Ragazza, sei giovane. Non ti serve un altro per completarti, per completare la tua vita. Quando incontrerai un altro sarà una persona che come te sta bene da sola, ma in due si sta meglio.



#17 Guest_metallica_*

Guest_metallica_*
  • Ospiti

Inviato 11 giugno 2014 - 06:28

metallica non capisco cosa intendi

intendo che l'amore è una grandissima fregatura e presa in giro







Anche taggato con vita, figli, matrimonio, amore, famiglia, mondo

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi