Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

L'astrologia racconta bugie


  • Per cortesia connettiti per rispondere
181 risposte a questa discussione

#1 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 06 marzo 2014 - 11:59

infatti parla di cose che non esistono:

soldi,lavoro,amore...

e chi li ha mai visti sul serio su questo pianeta?!

Propongo quindi di cambiare i temi:

*disoccupazione

*omicidi

*fallimenti

*debiti

cambiando anche il nome dei segni:

ad es: Ariete - Capro Espiatorio

oppure

Toro - Bue

ecc...

Cancro...va bene cosI

ciao
  • int74 e AndrewMips piace questo
ali libere e il resto pure!

#2 ciabattone

ciabattone

    Utente Senior

  • Utenti
  • 739 messaggi

Inviato 06 marzo 2014 - 12:07

Roland Barthes descriveva gli oroscopi delle riviste femminili come un esaltazione dei valori borghesi che devono essere facilmente riconoscibili nella triade lavoro-amore-fortuna.
  • int74, cash e FlowerLilibeth piace questo

Animal-friendly, gay-positive, pro-feminist and anti-fascist!

 


#3 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 06 marzo 2014 - 12:28

mi piace molto la tua firma ciabattone,la condivido totalmente.

Aggiungerei anche Anti-interferenze (di qualsiasi genere)


Questo anno e non per motivi astrologici,sembra piú che mai funestato dai non umani,non li ho mai visti cosí molesti,noiosi e ...segaioli ...se i mod mi passano la parola!

ciau
ali libere e il resto pure!

#4 Fenix

Fenix

    Utente Junior

  • Utenti
  • 74 messaggi

Inviato 07 marzo 2014 - 11:36

:icon_arrow: dovrebbe essere sotto inteso che tutto ha un rovescio della medaglia!! :ambivalence:


Immagine inserita


La vera Astrologia è psicologia avanzata e solo dopo Previsione/Prevenzione degli eventi :idea:...

Messaggio modificato da Fenix, 07 marzo 2014 - 11:38
x

  • Lancillotto2013 piace questo

#5 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 08 marzo 2014 - 08:39

A me l'astrologia piace ,non solo quella classica ma anche le altre.

Anzi,ae volete il mio parere,le altre sono piû simpatiche e sintetiche.

Io consulto ogni tanto la celtica,la cinese e l'I Ching,anche se quest'ultimo non è un "preveggente-divinatorio" astrologico classico.

Quindi sono d'accordo con te questi aspetti di autoconoscenza e indicatori relativi.

Il resto è speculazione e proiezione,autoproiezione,blablabla.

ciau
ali libere e il resto pure!

#6 Adhara

Adhara

    Utente Full

  • Utenti
  • 1092 messaggi

Inviato 10 marzo 2014 - 06:31

Questo anno e non per motivi astrologici,sembra piú che mai funestato dai non umani,non li ho mai visti cosí molesti,noiosi


Me ne sono accorta anche io. :nightmare:


 


#7 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 11 marzo 2014 - 01:29

Me ne sono accorta anche io. :nightmare:


lasciali perdere...loro perdono anche quando aembrano vincere,figurati quando perdono....

Spengono la vita...trasformano le persone in "cose" spente,come sono loro.

Vagano senza meta,senza un c....o,e l'unico effetto che hanno è quello che ho detto.

Io npn capisco come possano ancora girare porcherie totali di quel genere .

Se ne avessi la possibilitá li ritirerei dalla circolazione e li porterei da qualche altra parte!

Hai in mente i pompieri?

Bene,i pompierispengono il fuoco,loro spengono il fuoco della vita e il brutto è che le vite che spengono non servono meppure a loro,non è che si vivificano...no...restano spenti.

Sono enti orribili e io,che sono credente,chiedo ogni tanto a Lui:
"Perchè non ce li togli di torno una nuona volta?!

Nessun essee umano vivo,per quanto "cattivo" possa essere,merita di averli intorno,figurarsi dentro.

Meglio neppure pensarli,meglio lasciarli e sul serio,neppure ascoltarli,non credere a quello che dicono,mai.

ciau


d
ali libere e il resto pure!

#8 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6953 messaggi

Inviato 22 marzo 2014 - 05:10

L'astrologia proviene da una conoscenza primitiva dell'universo in cui gli astri erano considerati divinità in grado di influenzare le sorti umane, quindi amore, salute fortuna...

 

Le costellazioni sono un prodotto della nostra mente, sono gruppi di stelle che formano figure

ma solo ai nostri occhi perchè, queste stelle, non sono nemmeno tra loro vicine, possono essere lontanissime tra loro.

 

In poche parole le costellazioni sono aggregazioni arbitrarie di stelle decise da chi ci voleva vedere delle figure particolari.

 

La data di nascita poi è una "fregatura" perchè in realtà noi ci formiamo, ebbene si, 9 mesi prima.

 

E' assurdo pensare che milioni di persone condividano lo stesso destino e carattere solo perchè sono nate nello stesso periodo... è ben chiaro poi che i gemelli non hanno necessariamente ne stesso carattere ne stesso destino...

 

Chiunque professi "poteri divinatori" o è un illuso o un ciarlatano

e chiunque si basa sugli oroscopi per prendere qualsiasi decisione tanto varrebbe tirasse una monetina in aria e facesse testa o croce.


  • SirJ`adore, Iasonis, int74 e 3 altri piace questo

Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#9 Lancillotto2013

Lancillotto2013

    Bannato

  • Bannati
  • 7299 messaggi

Inviato 22 marzo 2014 - 07:23

L'astrologia mostra sia il carattere che gli eventi e le potenzialità dell'essere, in modo magnetico - matematico (posizione pianeti e magnetismo, influenze elettromagnetiche e risultanze ..).

 

Se per astrologia si intende quella dei giornaletti .. beh quella non è astrologia ma due righi "superficiali" su un segno zodiacale, il chè non significa niente, non è una descrizione astrologica... non è astrologia. 


  • Mimesis e Gerold piace questo
Immagine inserita Non esistono Regole l'unica legge è AMORE

#10 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 23 marzo 2014 - 12:05

per rssort

Secondo me i tuoi giudizi sono troppo drastici.

Ascolta:

a)il riferimento alle costellazioni,ai pianeti,ai transiti,ecc.... non va PRESO ALLA LETTERA.

In realtà,gli astrologi saggi e ...arcaici avevano capito l'esistenza di RITMI COSMICI
nel corso dell'anno .

QUESTI RITMI NON CENTRANO NIENTE CON LE COSTELLAZIONI E I PIANETI,cioècon il quasdro teorico dell'astrologia,e sono sempre gli stessi....cioè si ripetono costantemente
nel corso dell'anno .

Questi ritmi probabilmente provengono dal centro galattico e dall'insieme della galassia,sono similia una vibrazione immateriale o energetica di fondo che non possiamo identificare con gli strumenti attuali della scienza.

Gli astrologi avevano intuito questo ma,non potendolo capire,hanno attribuito a costellazioni e pianeti la lor fonte originaria.

capisci,,il quastro astrologico è come un ancora visiva,ma non è quello che ancora.

così,una persona nata in febbraio ha caratteristiche dovuti a quella ritmica che dura damilioni di anni,w non centra affatto conlo zodiaco .

anche se lo zodiaco,ad esempio,è ruotato di un segno attualmente,questo non centra niernte,dato che quella ritmica è costante e si ripete...

anche il fatto dei mesi non centra,nel senso che il calerndario l'abbiamo inventato noi,ma quella ritmica ci sarebbe cmq anche senza calendario,anche su Marte o Plutone...e sarebbe sempre la stessa,come è la stessa la vibrazione di fondo eco del big bang in tutto l'universo.

questo è il primo punto

2)il secondo punto è che questo ritmica,non è un assoluto ma una variabile relativa che si inrerfaccia anche con le altre variabili...personali...sociali...culturali...ecc....

ma,a differenza di queste variabili umane,quella ritmica è indipendente e autonoma,scorre
liberamente e non è influenzabile,mentre,a sua volta,invece,opera una relativa influenza.

vedi,bisognerebbe capire bene questa questione : spogliare l'astrologia dai pregiudizi,anche di quelli che essa ha di sè stessa....e capire che si tratta DI UNA ANCORA VISIVA E TEORICA di una RITMICA GALATTICA O UNIVERSALE DICUI NON SAPPIMAO NIENTE MA DI CUI POSSIAMO INTUIRE GLI EFFETTI.

QUESTO porta all'ipotesi di una ASTROLOGIA SCIENTIFICA ,cioè di una versione attuale
della ritmica di cui vi parlo,che sia libera dalla vecchiaastrologia e oirentata a capire e rappresentare la ritmica con altre parole,molto piu attuali e ragionevoli.

è un lavoroche mi piacerebbe fare,a volte ci ho pensato,ma implica forse un impegno che non h o voglia di prendermi.

se qualcuno lo facesse,farebbe una gran bella cosa.

ciao
ali libere e il resto pure!

#11 Mimesis

Mimesis

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 174 messaggi

Inviato 24 aprile 2014 - 01:20

Indubbiamente sono molte le equivocazioni concernenti l'astrologia (nell'inconsapevolezza delle sue numerose declinazioni), alcune originate da una diversità di letture ma suscettibili di dialogo e confronto, altre tristemente arroccate dietro i portati di uno scientismo caricaturale...

Stranamente si sta ritornando alle stesse concezioni degli astrologi babilonesi. Durante più di duemila anni l'uomo, preso da paura, ha in effetti lasciato ogni responsabilità prima agli dei, poi ad un Dio unico e questo non bastandogli, ha cercato di buttare la colpa o il merito su eventi e persone 'esterne' a lui e così sugli astri e la loro nefasta o benefica influenza. Ora invece - visto un certo tipo di rivoluzione copernicana che si sta operando, grazie alle scoperte della fisica quantica (Einstein, Bohm, Schrödinger, ecc.) si sta ritornando alla concezione unitaria della coscienza e del mondo. Nulla è separato. ''Ciò' che è osservato dipende dall'osservatore''. Non vi è l'uno senza l'altro. Dunque si trova nel più piccolo come nel più grande, la misura d'ogni cosa, poiché l'uno è specchio dell'altro. Senza nozione di dimensione o misura, dove sarebbe il mondo? Sarebbe indifferenziato. Noi lo creiamo infatti con il pensiero concettuale, che ''differenzia'' una cosa dall'altra e quindi limita, misura. 

 

L'astrologia non è dunque né un sistema scientifico alla vecchia maniera di causa-effetto, né un modo di osservare l'influenza dei corpi celesti su di noi. Il microcosmo, l'uomo, è solo un riflesso del macrocosmo e la causalità è un'apparenza dovuta ad un'altrettanto apparente linearità del tempo. Anticamente si diceva ''Ciò' che è in alto è come ciò che è in basso e ciò che è in basso è come ciò che è in alto''. Ora si dice: ''Ogni ''hadron'' (particella subatomica) si compone di tutte le altre particelle, l'una è condizione dell'altra, implica l'altra.


  • Cthulhu e Lancillotto2013 piace questo

#12 Doctor Faust

Doctor Faust

    Utente Full

  • Utenti
  • 3804 messaggi

Inviato 24 aprile 2014 - 03:55

.................
QUESTO porta all'ipotesi di una ASTROLOGIA SCIENTIFICA ,cioè di una versione attuale
della ritmica di cui vi parlo,che sia libera dalla vecchiaastrologia e oirentata a capire e rappresentare la ritmica con altre parole,molto piu attuali e ragionevoli.

è un lavoroche mi piacerebbe fare,a volte ci ho pensato,ma implica forse un impegno che non h o voglia di prendermi.

se qualcuno lo facesse,farebbe una gran bella cosa.

 

L'astrologia è estata abbandonata come materia di studio, sostituita dall'astronomia, che non ha intenti predittivi personali, e la medicina biologica dei bioritmi, o ritmi circadiani.

 

Questi sono generali, in quanto la produzione di proteine, enzimi e cellule segue ordini rilevabili, sia nell'arco della giornata che delle stagioni, che in funzione dell'età.

 

Ma questi fenomeni sono anche individuali, in quanto si manifestano con volumi e quantità diverse a secondo dell'individuo e della sua storia genetica.

 

Che poi venire al mondo in un periodo dell'anno piuttosto che in un altro abbia degli effetti, questo mi pare accettabile. L'ambiente invernale è molto diverso dall'ambiente  estivo, e le prime impressioni sensoriali possono lasciare qualche segno sulla personalità. Ma compatibilmente con la disposizione del soggetto a lasciarsi segnare, che dipende dalla sua indole psico-fisica ereditata.  :frog:


  • arjanedda piace questo

#13 Mimesis

Mimesis

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 174 messaggi

Inviato 24 aprile 2014 - 09:13

Tutti i pianeti scoperti, dall'antichità fino ai giorni nostri, per circostanze impreviste, hanno ricevuto il nome che rifletteva il tipo di energia rappresentata (qui parlo degli ultimi, scoperti con strumenti più potenti) e si sono rivelati all'epoca in cui alcuni avvenimenti ne riflettevano il principio dinamico (pur essendo sempre esistiti!). Urano, (il ribelle e l'originale) individuato all'epoca della rivoluzione francese, Nettuno (l'inconscio, la maya) all'epoca del sentimento collettivo che sfociò nel marxismo leninismo, Plutone al tempo di Freud e della psicologia dell'inconscio. In realtà queste energie sono neutre e spontanee, non è Saturno che ci fa del male, siamo noi ad interpretarlo in tal modo se ci irrigidiamo in una questione. Inoltre ci si potrebbe porre la domanda, perché dare dei nomi di divinità greche a questi astri? Infatti è come tali che si dovrebbero vedere in un oroscopo, cercando di vederle come energie attive in noi e allo stesso tempo, sincronisticamente, nel cosmo. La divinità è simbolo, dunque sintesi di un polo positivo e negativo: anzi si potrebbe dire che è solo quando la mente lo vuole definire (dividere) che i poli opposti appaiono. Intuitivamente gli antichi adoravano queste forze e sapevano che se ignorate si vendicavano. Significa accettarle nella loro grandezza per poterle integrare nell'apparato psicofisico: se le rinneghiamo, reprimiamo, esse non vanno perse, ma invadono la coscienza e ne siamo vittime. Ecco che si manifestano 'esternamente' ad esempio, come catastrofi collettive o personali (Plutone e Urano) o ci lasciamo ipnotizzare da qualche personalità perdendo la nostra identità (Nettuno), siamo presi da follia di grandezza, mascherata dall'azione sociale o tecnologica di punta (Urano, dio del cielo), o prendere dal panico e dagli istinti primitivi (Plutone).

 

Tutto questo ci porta ad altre riflessioni. Siamo ancora immersi nella visione meccanicistica del mondo, anche se molti parlano di sintesi tra mistica e fisica quantica. Materia è uguale a energia. La realtà osservata dipende dall'osservatore: vi è esperienza, ma non divisione tra sperimentatore e sperimentato. Il nostro bio-computer, ovvero i sensi coordinati dal cervello ci permettono di costruire attimo per attimo la realtà che ci circonda. Questi attimi noi li riuniamo chiamandoli tempo, ma in realtà sono unici, eterni: è la memoria a dare un senso di continuità. Essa ci fa costruire continuamente questo film che noi prendiamo per vero, consistente e che chiamiamo mondo esterno. Ma è solo il programma creato dai nostri condizionamenti inconsci, cementati dall'educazione, sin dall'infanzia, le nostre memorie proiettate - adesso - su un ipotetico futuro. Come il mio ci sono miliardi di altri ''bio-computer'' che funzionano in modo simile, ma quanti creano per svariate condizioni, una realtà totalmente diversa? Altra verità enunciata da mistici e fisici che concordano con la visione dell'astrologia: (mistici) il bene ed il male sono solo due poli di un'identica realtà - (fisici) le particelle sono anche onde - (astrologo) Nettuno è visione divina e inganno.


  • Lancillotto2013 piace questo

#14 Mimesis

Mimesis

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 174 messaggi

Inviato 24 aprile 2014 - 09:23

@ rsorrt ma chi ti ha detto che milioni di persone condividano lo stesso destino e carattere?? Mai sentita una baggianata del genere.... :huh:  :huh:

 

@ Caro Doctor Faust qui si sta facendo un'enorme confusione tra astroLOGIA e astroNOMIA.

 

Informatevi meglio prima di dire cose su cui non avete la minima conoscenza :)


  • hermione89 e Lancillotto2013 piace questo

#15 Lancillotto2013

Lancillotto2013

    Bannato

  • Bannati
  • 7299 messaggi

Inviato 24 aprile 2014 - 10:13

L'astrologia è estata abbandonata come materia di studio, sostituita dall'astronomia, che non ha intenti predittivi personali, e la medicina biologica dei bioritmi, o ritmi circadiani.

e chi se ne sbatte, tu l'hai abbandonata? gli altri chi ? io no .. e a quanto pare pure molti altri.

hai mai calcolato ore siderali ?

sai almeno cosa siano le effemeridi?

ti sei mai cimentato in una mappa natale ..restando di emme quando CON DRASTICA PRECISIONE NANOMETRICA viene fuori ogni tuo aspetto visibile e nascosto nei tuoi pensieri, coscienza e fisico anatomico ?

 

ma va và .. che è meglio .. ne hai da correre Doc..

 

 

@ rsorrt ma chi ti ha detto che milioni di persone condividano lo stesso destino e carattere?? Mai sentita una baggianata del genere.... :huh:  :huh:

 

@ Caro Doctor Faust qui si sta facendo un'enorme confusione tra astroLOGIA e astroNOMIA.

 

Informatevi meglio prima di dire cose su cui non avete la minima conoscenza :)

 

 

Mimè .. non dare perle ai .. non sprecare la tua Scienza .. parla con gente che può comprendere il valore delal tua CONOSCENZA .. che è di tutto riguardo : ti faccio i miei complimenti per l'impegno se ne desume dalle tue spiegazioni di "alto livello sapienziale". 

 

Non sprecarti .. i cazzenger sono sempre pronti ..dietro l'angolo, inutile dargli alimento.. credimi.


  • Mimesis piace questo
Immagine inserita Non esistono Regole l'unica legge è AMORE

#16 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 29 aprile 2014 - 04:59

doc non ha tutti i torti,neppure tutte le ragioni, gli altri pure.

Il fatto sta nel bisogno umano di conoscere,conoscersi e capire la realtá.

Per farlo usiamo metafore.

Una di queste è l'astrologia,un'altra era l'alchimia,ecc...

L'alchimia era una metafora paradossale,perchè ha evidenziato un mmondo interiore simbolico a partore da processi materiali .

Quindi,una metafora nata sulla base di ricerche ed esperimenti materiali che hanno poi porrato alla chimica.

Questo da ragione a doc.

Ma,nel contempo,è indu bbio anche il fatto simbolico che ha NON crearo MA Evidrnziato.

Quindi un doppio valore:

gli scettici non vedono il simbolico,gli altri lo vedono troppo.

La veritá sta,come sempre nel mezzo:

il simbolico,quando non diventa ideologico,va bene come esperienza soggettiva in parte condivisibile.

Il lato pratico,quello razionale e utile vanno brne come esperienze condivisibili NON ideologiche ma Teorico-pratiche.

Lo stesso discorso vale,con qualche aggiustamento,prr l'astrologia.

Studiando il cielo essa ha dato avvio all'astronomia MA,ha anche intuito l'esistrnza di ritmi,influenze,ecc...cicliche .

Le ha erroneamente connesse con costellazioni e pianeti,ma questa connessione è utile per poterne fare un quadro ancorante,ancore visive celesti ,che sono solo tali ma servono per spiegare le cose.

Io sono nato in febbraio:pesci

Questa è la metafor simbolica,una ancora ideologica che peró è utile per descrivere la ritmica terrestre e non di quel periodo...di quel momento.

Chiaro quella ritmica e influenze non centrano niente con la situazione planetaria ma esistono e sono spiegate astrologicamente.

Un astrologo...quantistico...potrebbe forse un giorno spiegarle in termini di ritmi univrrsali e terreni e giochi di entanglement , e molto altro ancora,il tutto scientificamente corretto e provato.

Questo in un futuro magari molto vicino.

Le metafore scientifiche,che sono per quanto esatte....delke metafore...posso spiegare molte cose spiegate in termini arcaici dalla tradizione.

Questo senza buttare via tutta quanta la tradizione .

ciau
ali libere e il resto pure!

#17 Mimesis

Mimesis

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 174 messaggi

Inviato 29 aprile 2014 - 06:37

Molto interessante ed equilibrato l'approccio metaforico e simbolico che vede nell'astrologia (ma anche in altri ambiti sapienzali) un "linguaggio" per alludere al ritmo ed alla sincronicità di enti che la stessa fisica quantistica rivela sempre più come "eventi".

 

Un esempio significativo di questo linguaggio archetipico e sincronico è l'ologramma: in ogni frammento della placca fotografica si può vedere tutta la figura. Inoltre se non c'è luce, la placca è un insieme incoerente di segni! Vediamo dunque pure le cose e le persone in dettaglio, ma non dimentichiamo che è la luce a renderli oggettivi.

 

Continuando a vedere le cose in questo modo si può parlare di principi archetipici che si trovano rappresentati nel microcosmo - come ci insegnano le antiche tradizioni (sempre attuali infatti) - secondo una scala che si potrebbe chiamare verticale (tanto per poterla visualizzare, naturalmente…). Quella cosiddetta orizzontale serve a classificare animali, vegetali, ecc. In questa sequenza verticale al contrario, un principio X si trova sia in un animale o in un vegetale, ecc. e si comporta sempre nel medesimo modo. Questi principi o archetipi dunque si manifestano in tutte le categorie precitate, nella coscienza e 'visibilmente' anche nel cielo, ma si potrebbe trovare tutt'altro sistema appropriato. Veniamo agli astri con un esempio. Se io parlo del pianeta Giove, parlo non solo del pianeta, ma del principio che governa sia il fegato, che il maiale, il legno (''toccar legno '' è per aver fortuna, dato che Giove è abbondanza o esagerazione), ma esso è anche fede e ottimismo. E' dunque in sostanza un principio d'espansione. Gli astri sono la manifestazione visibile di quei medesimi principi che si esprimono anche nella psiche.

 

Infatti si dovrebbero vedere questi principi come energie attive in noi e allo stesso tempo, sincronisticamente, nel cosmo. La divinità è simbolo, dunque sintesi di un polo positivo e negativo: anzi si potrebbe dire che è solo quando la mente lo vuole definire (dividere) che i poli opposti appaiono.

 



#18 THERETURN

THERETURN

    Utente Full

  • Utenti
  • 6171 messaggi

Inviato 29 aprile 2014 - 07:46

ti ringrazio per il consenso.

Questa interconnessione tra scienza e tradizione è quello che ci vuole per pacificare gli animi e le menti.

grazie,ciau
  • Mimesis piace questo
ali libere e il resto pure!

#19 aigor

aigor

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 126 messaggi

Inviato 13 marzo 2015 - 07:37

La data di nascita poi è una "fregatura" perchè in realtà noi ci formiamo, ebbene si, 9 mesi prima.

 

E' assurdo pensare che milioni di persone condividano lo stesso destino e carattere solo perchè sono nate nello stesso periodo... è ben chiaro poi che i gemelli non hanno necessariamente ne stesso carattere ne stesso destino...

 

Chiunque professi "poteri divinatori" o è un illuso o un ciarlatano

e chiunque si basa sugli oroscopi per prendere qualsiasi decisione tanto varrebbe tirasse una monetina in aria e facesse testa o croce.

 

ci sono fior di studi sul fatto che essere concepiti in un determinato periodo dell'anno ha serie ripercussioni sulla biochimica del nostro corpo (cervello compreso)
gli alimenti che mangia la madre mentre è incinta, quanto tempo passa alla luce... e lo stesso dicasi per i primi mesi vissuti dal nascituro
quando nasci e dove influisce parecchio sul tuo carattere.
 

l'oroscopo sui giornaletti è un gioco, ma che persone nate in giorni vicini tendano ad avere alcune somiglianze nel carattere non è poi così folle, dai



#20 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 27 aprile 2015 - 01:06

Tutti i pianeti scoperti, dall'antichità fino ai giorni nostri, per circostanze impreviste, hanno ricevuto il nome che rifletteva il tipo di energia rappresentata (qui parlo degli ultimi, scoperti con strumenti più potenti) e si sono rivelati all'epoca in cui alcuni avvenimenti ne riflettevano il principio dinamico (pur essendo sempre esistiti!). Urano, (il ribelle e l'originale) individuato all'epoca della rivoluzione francese, Nettuno (l'inconscio, la maya) all'epoca del sentimento collettivo che sfociò nel marxismo leninismo, Plutone al tempo di Freud e della psicologia dell'inconscio. In realtà queste energie sono neutre e spontanee, non è Saturno che ci fa del male, siamo noi ad interpretarlo in tal modo se ci irrigidiamo in una questione. Inoltre ci si potrebbe porre la domanda, perché dare dei nomi di divinità greche a questi astri? Infatti è come tali che si dovrebbero vedere in un oroscopo, cercando di vederle come energie attive in noi e allo stesso tempo, sincronisticamente, nel cosmo. La divinità è simbolo, dunque sintesi di un polo positivo e negativo: anzi si potrebbe dire che è solo quando la mente lo vuole definire (dividere) che i poli opposti appaiono. Intuitivamente gli antichi adoravano queste forze e sapevano che se ignorate si vendicavano. Significa accettarle nella loro grandezza per poterle integrare nell'apparato psicofisico: se le rinneghiamo, reprimiamo, esse non vanno perse, ma invadono la coscienza e ne siamo vittime. Ecco che si manifestano 'esternamente' ad esempio, come catastrofi collettive o personali (Plutone e Urano) o ci lasciamo ipnotizzare da qualche personalità perdendo la nostra identità (Nettuno), siamo presi da follia di grandezza, mascherata dall'azione sociale o tecnologica di punta (Urano, dio del cielo), o prendere dal panico e dagli istinti primitivi (Plutone).

 

Tutto questo ci porta ad altre riflessioni. Siamo ancora immersi nella visione meccanicistica del mondo, anche se molti parlano di sintesi tra mistica e fisica quantica. Materia è uguale a energia. La realtà osservata dipende dall'osservatore: vi è esperienza, ma non divisione tra sperimentatore e sperimentato. Il nostro bio-computer, ovvero i sensi coordinati dal cervello ci permettono di costruire attimo per attimo la realtà che ci circonda. Questi attimi noi li riuniamo chiamandoli tempo, ma in realtà sono unici, eterni: è la memoria a dare un senso di continuità. Essa ci fa costruire continuamente questo film che noi prendiamo per vero, consistente e che chiamiamo mondo esterno. Ma è solo il programma creato dai nostri condizionamenti inconsci, cementati dall'educazione, sin dall'infanzia, le nostre memorie proiettate - adesso - su un ipotetico futuro. Come il mio ci sono miliardi di altri ''bio-computer'' che funzionano in modo simile, ma quanti creano per svariate condizioni, una realtà totalmente diversa? Altra verità enunciata da mistici e fisici che concordano con la visione dell'astrologia: (mistici) il bene ed il male sono solo due poli di un'identica realtà - (fisici) le particelle sono anche onde - (astrologo) Nettuno è visione divina e inganno.

 

In effetti siamo noi (intesi come l'insieme di tutti gli esseri umani) a creare la realtà, nel bene e nel male.

Non nel senso che creiamo la suo forma fisica (come diceva Einstein: "penso che la Luna sia lì anche se non la guardo)....ma nel senso che creiamo il "racconto della vita", insieme a tutti gli altri. In qualche modo ci influenziamo a vicenda, ovviamente.

Ma non c'è nessun "burattinaio esterno" che stabilisce le nostre vicende.


Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi