Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Cosa provate nei confronti di Dio?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
65 risposte a questa discussione

Sondaggio: Cosa provi nei confronti di Dio? (94 utente(i) votanti)

Cosa provi nei confronti di Dio?

  1. Amore incondizionato, Dio è misericordioso (16 voti [33.33%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 33.33%

  2. Rispetto, Dio è un padre severo (2 voti [4.17%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 4.17%

  3. Votato Rammarico, Dio è ingiusto (1 voti [2.08%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 2.08%

  4. Rabbia, Dio non guarda le conseguenze (0 voti [0.00%])

    Percentuale di voti: 0.00%

  5. Timore, Dio è potente (3 voti [6.25%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 6.25%

  6. Votato Indifferenza, poco importa se ci sia o meno (5 voti [10.42%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 10.42%

  7. Votato Odio, Dio è un veleno (0 voti [0.00%])

    Percentuale di voti: 0.00%

  8. Invidia, vorrei essere Dio (0 voti [0.00%])

    Percentuale di voti: 0.00%

  9. Sottomissione, Dio è al di sopra di ogni cosa (1 voti [2.08%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 2.08%

  10. Votato Non credo in dio (20 voti [41.67%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 41.67%

Voto I Visitatori non possono votare

#61 Galaxy

Galaxy

    Utente Universale

  • Utenti
  • 4955 messaggi

Inviato 29 marzo 2015 - 06:10

Quale dio? Se parliamo del falso:

    Amore incondizionato, Dio è misericordioso
    Rispetto, Dio è un padre severo
    Rammarico, Dio è ingiusto
    Rabbia, Dio non guarda le conseguenze
    Timore, Dio è potente
 + Indifferenza, poco importa se ci sia o meno
    Odio, Dio è un veleno
    Invidia, vorrei essere Dio
    Sottomissione, Dio è al di sopra di ogni cosa
 + Non credo in dio

Se parliamo delle entità (scherzando un po'):

    Amore incondizionato, le entità sono misericordiose
    Rispetto, le entità sono padri severi
 + Rammarico, le entità sono ingiuste
 + Rabbia, le entità non guardano le conseguenze
 + Timore, le entità sono potenti
    Indifferenza, poco importa se ci siano o meno
 + Odio, le entità sono un veleno
    Invidia, vorrei essere l'Entità
    Sottomissione, le entità sono al di sopra di ogni cosa
    Non credo nelle entità

Se parliamo degli alieni (sempre scherzando):

 + Amore incondizionato, gli alieni sono misericordiosi
 + Rispetto, gli alieni sono padri severi
    Rammarico, gli alieni sono ingiusti
    Rabbia, gli alieni non guardano le conseguenze
 + Timore, gli alieni sono potenti
    Indifferenza, poco importa se ci siano o meno
    Odio, gli alieni sono un veleno
 + Invidia, vorrei essere l'alieno
 + Sottomissione, gli alieni sono al di sopra di ogni cosa
    Non credo negli alieni

Non potrei rispondere seriamente perché le opzioni disponibili sono irrazionali. Insomma, le parole colorate in rosso - dovrebbero essere eliminate dal sondaggio nel mio caso. Quelle colorate in verde - andrebbero interpretate. Quelle colorate in blue - vanno bene; quelle in grassetto - dicono la pura verità. In italic, un'ipotesi di lavoro.
 

che senso ha ?

 
Gli eroi dei fumetti, anche di quelli non sai niente, eppure si amano e si odiano.


. . .° Aprirò in parabole la mia bocca; proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo °. . . ( Sal 77 / Mt 13 ) Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli..



#62 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6953 messaggi

Inviato 01 aprile 2015 - 11:25


  
Gli eroi dei fumetti, anche di quelli non sai niente, eppure si amano e si odiano.

non direi proprio... dei fumetti sappiamo tutto ma proprio tutto

quindi cosa sono, chi li fa ecc ecc ecc ecc...

e infatti chi li ama o li odia è perchè li ha visti, letti... li conosce insomma.

 

Se ti dicessero che Topolino ha ispirato un libro sacro tu cosa penseresti ?

pregheresti Topolino ?

eppure conosciamo molto più Topolino che non quel dio tanto abusato (a tal punto che si afferma cosa vuole, pensa, dice, cosa ha fatto.....) che da piccoli ci dicono.... a seconda di dove nasci ovviamente... perchè ognuno si è creato le sue fantasie, visioni.. paure.

 

Dio non è ciò che non esiste

ma è ciò di cui sappiamo zero (quindi potrebbe anche non esistere... ma non sapendo affatto cosa sia non sappiamo nemmeno cosa può non esistere)

e su cui pretendiamo di affermare fin troppo.

 

Chi non crede in dio non sa di che parla

e parimenti chi ci crede

quindi l'unico senso di tutto questo è che non c'è un senso

sono scelte personali dettate da tutto e di più ma il cui senso logico non c'è proprio.

 

Jovanotti (grandissimo) scrisse un libro intitolato "Il grande boh"

ecco

quello è dio.


  • Galaxy piace questo

Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#63 Galaxy

Galaxy

    Utente Universale

  • Utenti
  • 4955 messaggi

Inviato 01 aprile 2015 - 01:17

non direi proprio... dei fumetti sappiamo tutto ma proprio tutto

quindi cosa sono, chi li fa ecc ecc ecc ecc...

e infatti chi li ama o li odia è perchè li ha visti, letti... li conosce insomma.

 

Se ti dicessero che Topolino ha ispirato un libro sacro tu cosa penseresti ?

pregheresti Topolino ?

eppure conosciamo molto più Topolino che non quel dio tanto abusato (a tal punto che si afferma cosa vuole, pensa, dice, cosa ha fatto.....) che da piccoli ci dicono.... a seconda di dove nasci ovviamente... perchè ognuno si è creato le sue fantasie, visioni.. paure.

 

Dio non è ciò che non esiste

ma è ciò di cui sappiamo zero (quindi potrebbe anche non esistere... ma non sapendo affatto cosa sia non sappiamo nemmeno cosa può non esistere)

e su cui pretendiamo di affermare fin troppo.

 

Chi non crede in dio non sa di che parla

e parimenti chi ci crede

quindi l'unico senso di tutto questo è che non c'è un senso

sono scelte personali dettate da tutto e di più ma il cui senso logico non c'è proprio.

 

Jovanotti (grandissimo) scrisse un libro intitolato "Il grande boh"

ecco

quello è dio.

 

E' proprio questo il punto.

Alcune opere artistiche giustamente vengono ammirate perché oltre ad esprimere idee interessanti sono chiare e comprensibili.

Degli eroi dei fumetti non sappiamo niente perché ciò che è scritto e disegnato su di loro dai vari autori viene dichiarato esplicitamente che si tratta del genere fantasy insomma nessuno sa se nell'universo esiste Goldrake. Qualcuno potrebbe anche credere alla sua esistenza nella realtà, ma non potrebbe dimostrarlo. Si potrebbe adorare un eroe dei fumetti non in quanto esistente nella realtà ma in quanto simbolo di uno determinato stato mentale del lettore di turno o il simbolo della lotta contro le ingiustizie universali, questo apprezzamento comunque genera la coscienza collettiva, una volta detta Anima Mundi, dell'Umanità e in quanto tale di valore inestimabile.

Del "Dio" delle religioni abbiamo gli scritti dei suoi profeti o Adepti, le opere dei filosofi amanti della Sapienza e le intuizioni dei "mistici", oltre ai ragionamenti di alcuni scienziati possibilisti, ebbene se l'essenza di tutto questo materiale viene filtrata e ordinata dalla coscienza superiore dell'essere umano quindi messa in pratica, ne risulta una Visione dell'insieme coerente, chiara e comprensibile, con numerosi indizi e prove indirette che fanno pensare alla veridicità del racconto della Bibbia, del Corano, dei Veda e tanti altri insegnamenti; non nella loro totalità e nella forma scritta della Dottrina teologica moderna bensì dietro alla loro stesura, a monte prima di diventare il culto ufficiale di questo o quell'impero.

Pensare che tra le righe delle presunte rivelazioni celesti ci sia la Verità o frammenti di essa, è un rischio ma la vita stessa è un rischio quindi io non mi preoccupo.

Se un giorno Dio o chi per lui si rivelerà agli uomini in un modo palese e univoco, allora l'amore l'indifferenza e l'odio che abbiamo espresso durante i millenni passati saranno validi (non inutili) e potranno essere applicati a quell'Essere concreto che si sarà manifestato davanti a tutti quanti.

Potrebbe essere un essere, o molti esseri.

Potrebbero essere divinità soprannaturali o semplicemente - come sostengo - extraterrestri al 100% umani...

Se invece questo non dovesse succedere, il mistero della sua o loro esistenza rimarrà intatto ancora a lungo ma i veri Credenti continueranno ad avere certezze sull'esistenza di un altro Mondo, "tangibile" interiormente anche se invisibile apparentemente.

E non soltanto di un mondo ma innumerevoli mondi abitati, come ipotizzava Giordano Bruno.


  • Cthulhu piace questo
. . .° Aprirò in parabole la mia bocca; proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo °. . . ( Sal 77 / Mt 13 ) Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli..

#64 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6953 messaggi

Inviato 01 aprile 2015 - 05:50

Degli eroi dei fumetti non sappiamo niente perché ciò che è scritto e disegnato su di loro dai vari autori viene dichiarato esplicitamente che si tratta del genere fantasy insomma nessuno sa se nell'universo esiste Goldrake. Qualcuno potrebbe anche credere alla sua esistenza nella realtà, ma non potrebbe dimostrarlo. 

non si può dimostrare l'inesistenza di qualcosa quindi puoi ben dire che esistono, forse, i puffi blu con gargamella...

però a cosa ti serve se questa idea non ha niente altro che la tua opinione o quella di molti altri a supporto ?

 

se tu mi dici che esiste Goldrake io ti posso chiedere "dimostramelo"

ma tu non potrai chiedere "dimostrami che non esiste" perchè la prima domanda ha senso la seconda proprio no.

 

Se ognuno potesse affermare quello che gli pare senza motivarlo allora sarebbe una confusione totale

e infatti nelle religioni avviene proprio questo... ognuno dice quello che vuole tanto non deve motivarlo.

 

Se io ti chiedo "mi motivi perchè pensi che Goldrake esiste?" sei nei casini.... perchè la tua è un'opinione non hai alcun fatto a supporto

e similmente tutto quello che si può dire su dio.

 

 

Del "Dio" delle religioni abbiamo gli scritti dei suoi profeti o Adepti, le opere dei filosofi amanti della Sapienza e le intuizioni dei "mistici", oltre ai ragionamenti di alcuni scienziati possibilisti, ebbene se l'essenza di tutto questo materiale viene filtrata e ordinata dalla coscienza superiore dell'essere umano quindi messa in pratica, ne risulta una Visione dell'insieme coerente, chiara e comprensibile, con numerosi indizi e prove indirette che fanno pensare alla veridicità del racconto della Bibbia, del Corano, dei Veda e tanti altri insegnamenti; non nella loro totalità e nella forma scritta della Dottrina teologica moderna bensì dietro alla loro stesura, a monte prima di diventare il culto ufficiale di questo o quell'impero.

chiunque afferma l'esistenza di dio è un mistico ? un profeta un adepto ?

e come distingui il vero dal falso quando la mente umana è così potente da illudersi del vero quando vero non è ?

 

Lo scienziato possibilista esprime una sua fede ma non ha niente a supporto... solo la sua opinione appunto "possibilista".

Di quale dio poi lo scienziato parlerà? di quello cristiano ? di quello islamico ? degli dei indiani ? delle teologie africane ? di quale ?

 

La veridicità di qualcosa non la da il numero delle persone che ci credono

molto tempo fa tutti credevano negli dei....

oggi però tutti li ritengono falsi...

ebbene perchè il dio in cui crediamo noi sarebbe più vero degli dei dell'olimpo ?

 

i profeti di allora erano tutti falsi e i nostri no ?

 

 

DSe un giorno Dio o chi per lui si rivelerà agli uomini in un modo palese e univoco, allora l'amore l'indifferenza e l'odio che abbiamo espresso durante i millenni passati saranno validi (non inutili) e potranno essere applicati a quell'Essere concreto che si sarà manifestato davanti a tutti quanti.

Potrebbe essere un essere, o molti esseri.

Potrebbero essere divinità soprannaturali o semplicemente - come sostengo - extraterrestri al 100% umani...

Se invece questo non dovesse succedere, il mistero della sua o loro esistenza rimarrà intatto ancora a lungo ma i veri Credenti continueranno ad avere certezze sull'esistenza di un altro Mondo, "tangibile" interiormente anche se invisibile apparentemente.

 

i veri credenti non esitono perchè ogni credente sincero è un vero credente quindi tutti hanno ragione e di conseguenza

tutti torto... ma perchè non c'è un metro di giudizio, un riscontro, tutti possono dire e credere ciò che vogliono...

 

quindi che si creda nel dio di abramo o nel dio ganesh o nel dio del natale o in bacco o in apollo

che differenza c'è ? chi di loro è il vero credente ? chi è il falso profeta ? e chi è il giudice che potrà dire chi è vero e chi no ?

 

 

L'altro mondo tangibile e invisibile è la medesima cosa del dio, del folletto, dello spirito, della fata...

non sappiamo cosa sia

abbiamo sensazioni, credenze, un misto di retaggio del passato e di emozioni di paure, timori, speranze...

troppa confusione e zero conoscenza per poter affermare.....


  • arjanedda piace questo

Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#65 Galaxy

Galaxy

    Utente Universale

  • Utenti
  • 4955 messaggi

Inviato 02 aprile 2015 - 02:57

non si può dimostrare l'inesistenza di qualcosa quindi puoi ben dire che esistono, forse, i puffi blu con gargamella...

Ecco, il primo passo potrebbe essere: non affermare mai che non esiste qualcosa che non sappiamo se esiste.
 

però a cosa ti serve se questa idea non ha niente altro che la tua opinione o quella di molti altri a supporto ?

Il secondo passo potrebbe essere accertarsi dell'attendibilità di un'idea. Se risuona in me che sono realista, vuol dire che quella corrisponde alla realtà comune; se l'idea è semplice e non dovessi conoscere il suo autore potrei ipotizzare che sia stata concepita da un comune mortale come me. Se però l'idea che risuona in me dovesse essere molto complessa, dovrei ipotizzare che sia stata concepita da un essere (dio o extraterrestre) che appartiene ad una civiltà e cultura molto superiore alla nostra. Se un libro, considerato sacro, dovesse contenere non una ma molte idee complesse che risuonano in me, le probabilità di aver azzeccato aumentano a dismisura. Se poi, molti libri, considerati sacri e provenienti da altri popoli, dovessero contenere le stesse idee complesse ma spiegate con parole diverse e scritte da autori indipendenti, l'ipotesi sta diventando una possibilità concreta. Se l'origine dell'uomo risulta ancora un mistero e se l'uomo, pare, sia solo una macchina biologica (robot) dotata di coscienza superiore non presente in nessun'altra specie dunque probabilmente fabbricata apposta come un progetto distinto; se siamo visitati dagli UFO extraterrestri (che sono reali) etc; considerando le mie percezioni e quelle dei mistici inoltre "coincidenze" meravigliose, difficile ignorare il nesso che appare chiaro tra il Mito, la realtà esterna e la Realtà dell'Essere, allora l'insieme di queste davvero tante informazioni diviene una certezza per chi ha sperimentato e compreso tutti i passaggi.

Avere quella certezza non significa "sapere tutto", perché è sufficiente conoscere l'essenza.
 

se tu mi dici che esiste Goldrake io ti posso chiedere "dimostramelo"

I fumetti sono divertenti, ma non contengono esattamente quella stessa saggezza e coerenza complessiva che ho trovato nei testi sacri nel loro insieme. Per questo motivo, ed unicamente per quello, non potrei dimostrare alcunché altrimenti si potrebbe tentare.
 

e infatti nelle religioni avviene proprio questo... ognuno dice quello che vuole tanto non deve motivarlo.

Non si dovrebbe accettare o amare una filosofia perché popolare o perché raccomandata da esegeti e intellettuali ma solo perché hai verificato personalmente quegli insegnamenti. Se una filosofia abbastanza complessa funziona, è vera, se non funziona, è falsa.
 

chiunque afferma l'esistenza di dio è un mistico ? un profeta un adepto ?

La mia definizione del "mistico" è colui che ha toccato l'invisibile nello "spirito" (coscienza) - dunque, un'esperienza, non una congettura mentale. L'adepto è colui che ama una Dottrina perché ha avuto riscontri mettendola in pratica. Il profeta è colui che ha incontrato fisicamente il Creatore, ed ha parlato con lui faccia a faccia per almeno un paio d'ore, meglio alcuni giorni per essere sicuri.
 

e come distingui il vero dal falso quando la mente umana è così potente da illudersi del vero quando vero non è ?

E' un lungo percorso e processo coscienziale a volte serve la vita intera, bisogna dedicarsi a quella ricerca. Ecco perché ci fanno sfinire dal lavoro o dalla povertà, niente è per caso, così l'uomo non ha tempo per il suo "Dio" - e chi non cerca, non trova. Un'altra prova dell'esistenza di un piano occulto "diabolico". Oggi abbiamo l'informatica, robot industriali e nanorobots fantascientifici, automobili che si guidano da sole, siamo stati sulla Luna (forse) eppure si sostiene che l'uomo ancora "deve" lavorare. Quasi come schiavo. Perché? Non è chiaro lo scopo?
 

Lo scienziato possibilista esprime una sua fede ma non ha niente a supporto... solo la sua opinione appunto "possibilista".

Singolarmente questi elementi per di più osservati dall'esterno non sono significativi, è l'insieme vissuto dall'interno a far intravedere il collegamento e il senso. Lo scienziato possibilista o anche un uomo qualunque con una mentalità scientifica, non esprime una sua fede ma ipotizza scenari realistici supportato da indizi concreti senza contraddire la logica e assiomi fino ad ora noti.
 

Di quale dio poi lo scienziato parlerà? di quello cristiano ? di quello islamico ? degli dei indiani ? delle teologie africane ? di quale ?

No attenzione. Se dio esiste, c'è ne uno solo. Le religioni sarebbero scaturite dal contatto tra questo unico dio e popoli diversi, nelle epoche diverse. Uno scienziato se mai decidesse di studiare questo unico dio, dovrebbe bypassare le religioni, rivolgendosi direttamente alla fonte, infatti dovrebbe concentrare la sua attenzione sul Creatore e non sulle creature. Per uno scienziato le scritture sono completamente inutili. Le scritture servono come promemoria all'adepto di un culto specifico, non allo scienziato e nemmeno al "mistico". Il ragionamento di uno scienziato e di un "mistico" è universale, quello di un adepto è locale.
 

La veridicità di qualcosa non la da il numero delle persone che ci credono

molto tempo fa tutti credevano negli dei....
oggi però tutti li ritengono falsi...

Appunto se oggi tutti li ritengono falsi non è una garanzia.
 

ebbene perchè il dio in cui crediamo noi sarebbe più vero degli dei dell'olimpo ?

Nessun vero "mistico" ti dirà che una religione è più vera o migliore delle altre in quanto le ama e riconosce tutte.
 

i profeti di allora erano tutti falsi e i nostri no ?

 Ma io non vedo tutte queste differenze tra le Religioni. L'essenza è la stessa. Indicare un obiettivo elevato e spiegarti come farlo tuo, come aprire la Porta della coscienza, il resto della storia è poco significativo un contorno spesso anche inutile. Non è importante scegliere questa o quella, ma mettere in pratica una qualunqe. E non dev'essere necessariamente esterna, potrebbe provenire dal profondo del tuo Essere, potresti "inventarla" tu stesso, cosa vuoi che cambia.
 

i veri credenti non esitono perchè ogni credente sincero è un vero credente

Eh no! Il vero credente è colui che sa. Il falso credente è colui che imita il primo venuto. Il vero ha cercato, e trovato. Il falso non ha idea dove va ma segue un'altro ed entrambi cadono nella buca.. Che cosa c'è da sapere? Beh il senso della vita.
 

quindi tutti hanno ragione e di conseguenza

No, ha ragione colui che ha capito come funziona il mondo, credere non è capire.
 

tutti torto... ma perchè non c'è un metro di giudizio, un riscontro, tutti possono dire e credere ciò che vogliono...

Possono dire certo; saggezza però non è dire ma sperimentare.
 

quindi che si creda nel dio di abramo o nel dio ganesh o nel dio del natale o in bacco o in apollo
 
che differenza c'è ?

Nessuna differenza per quanto mi riguarda. Non ha importanza chi scegliere ma conta rispettare le nostre scoperte interiori. A scanso di equivoci, io non seguo il pensiero religioso ma il mio, il quale "casualmente" corrisponde a quello delle religioni (tutte). Naturalmente la mia interpretazione di tutte le religioni è "particolare", molto differente dalle esegesi ufficiali.
 

chi di loro è il vero credente ?

Soltanto colui che ha avuto l'esperienza della Realtà.
 

chi è il falso profeta ?

I falsi profeti sono i nostri governanti che fanno promesse a vuoto meglio di certi marinai. I falsi profeti sono gli evoluzionisti che spacciano teorie per verità. I falsi profeti sono i teologi degli idoli, moderni farisei. I falsi profeti sono gli avvelenatori delle menti e dei corpi che però dicono "va tutto bene". I falsi profeti sono i mercanti delle armi che odiano l'umanità. Non certo Mosè, Cristo, Krishna e Maometto.
 

e chi è il giudice che potrà dire chi è vero e chi no ?

Il giudice potrei fare io, se nessuno si propone.. :-)
 

L'altro mondo tangibile e invisibile è la medesima cosa del dio, del folletto, dello spirito, della fata...

non sappiamo cosa sia

abbiamo sensazioni, credenze, un misto di retaggio del passato e di emozioni di paure, timori, speranze...

troppa confusione e zero conoscenza per poter affermare.....

E' giusto non credere se non hai quelle certezze interiori che hanno i veri Credenti. Sarebbe una farsa fingere di credere. Anzi dico di più, il Credente non è necessariamente più felice del non credente, dipende da innumerevoli fattori.


. . .° Aprirò in parabole la mia bocca; proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo °. . . ( Sal 77 / Mt 13 ) Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli..

#66 kiradavid97

kiradavid97

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 767 messaggi

Inviato 14 agosto 2019 - 03:50

indifferente , mi considero Agnostico ma penso che se Dio esiste se ne sbatta altamente di quello che avviene qui






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi