Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Vorreste rinascere dopo questa vita?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
257 risposte a questa discussione

Sondaggio: Vorreste rinascere dopo questa vita? (96 utente(i) votanti)

Vorreste rinascere dopo questa vita?

  1. Votato No, vorrei essere un entità di luce libera (24 voti [36.36%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 36.36%

  2. Votato Sì, come persona sul pianeta Terra (16 voti [24.24%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 24.24%

  3. Votato Sì, come persona su un altro pianeta (9 voti [13.64%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 13.64%

  4. Votato Altro, commentare (17 voti [25.76%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 25.76%

Voto I Visitatori non possono votare

#221 Bloom

Bloom

    utente blondie style

  • Utenti
  • 7930 messaggi

Inviato 21 ottobre 2014 - 02:42

Grandissima Maria, eccellente citazione! Stai diventando saggia. Consiglio a tutti il film "Piccolo Buddha" dove sono narrati questi aneddoti del Buddha. Nel film sono presenti alcuni veri Maestri tibetani. :)

grazie! :)
Non ho mai visto questo film, appena riesco lo guardo senz'altro!
  • pabletto76 piace questo



#222 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6953 messaggi

Inviato 22 ottobre 2014 - 06:03

Sul rinascere sarebbe bello poterlo fare ricordandosi tutto

altrimenti non è tanto un ri-nascere quanto un nascere...

 

Sul fatto di poter interrompere le rinascite (sempre ammettendo che sia possibile rinascere, perchè mica è detto)

penetrando quel "nirvana" fatto di assenza di corpo, sentimenti, pulsioni e desideri

mi pare più un perdere che guadagnare...

 

un essere consapevole che non prova emozioni ne sensazioni

non è in grado di gustare niente, proprio per sua definizione...

 

Non può quindi assaporare la bellezza della natura

non può gioire della sua condizione ma nemmeno lagnarsene

 

se vede una stella non fa una piega... perchè non ha emozioni

se vede nascere la vita idem... perchè non ha emozioni

 

tutto contempla ma niente può ammirare altrimenti avrebbe emozioni

non può nemmeno adoperarsi per qualcosa perchè non avendo desideri

non avrebbe alcun impulso a fare niente.

 

Perchè mai dovrebbe muovere un dito ?

se non prova niente ne niente aspira allora sarebbe un eterno momento

che non passa mai.... una foto identicamente ferma sul suo scatto.

 

 

Questo essere non potrà comprendere il dolore delle creature umane

le vedrà affannarsi ma non capirà veramente il perchè non avendo emozioni ne dolori ne piaceri...

non capirà nemmeno la felicità delle creature umane

ma  non capirà niente della vita ne della morte

vedrà le cose iniziare e finire

ma sarà per esso tutto ugualmente identico

ne meglio ne peggio

ne più ne meno

ne domani ne ieri

un'eternità immobile senza un'espressione, un sorriso, un pianto per qualcosa o qualcuno...

 

Mi pare di una tristezza assoluta una creatura siffatta

prigioniera di un mondo asettico

senza mai poter ridere ne piangere

ne aspettare niente con desiderio

ne provare malinconia

non potrà amare la vita perchè sarà eterno

ne potrà apprezzare le cose perchè non avrà emozione ne sensazione...

 

 

Se un essere simile potesse esistere

sarebbe chiuso in un mondo ottuso, intoccabile, freddo, senza niente che possa turbarlo

ne un sorriso ne una lacrima ne un affetto...

 

è terribile...

 

meglio l'umana sorte che seppur costretta agli affanni e alle tribolazioni

è anche libera di godere la bellezza, la felicità, la speranza e gli affetti...

e può contemplare l'universo con meraviglioso stupore.

 

Se un essere simile potesse esistere

non avrebbe nemmeno la possibilità di rendersi conto di ciò che si perde

e mancherebbe anche del desiderio di avere quello che ha perduto...

 

Sarebbe la più infelice di tutte le creature senza neppure saperlo.

Mi auguro che una cosa del genere esista solo nelle fantasie di chi è tutt'altro ossia noi.


Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#223 Lancillotto2013

Lancillotto2013

    Bannato

  • Bannati
  • 7299 messaggi

Inviato 23 ottobre 2014 - 09:12

"Per innumerevoli vite ho vagato
cercando invano il costruttore di questa casa.
Doloroso invero è continuare a rinascere.
Oh, costruttore! Ora ti ho trovato.
Non costruirai più questa casa. Tutte le tue assi sono rotte,
La trave di colmo è spezzata.
La mia mente ha raggiunto la libertà suprema
Estinto è ogni desiderio”.

Cit. Buddha

 

Magnifico.

 

--

 

Fratelli, so che la vostra attenzione è imprigionata nel mondo immaginario del vostro pensiero.
Fratelli, so che guardare dentro voi stessi richiede uno sforzo di volontà.
Fratelli, fate lo sforzo di guardare dentro voi stessi.
Fratelli, facendo lo sforzo di guardare dentro voi stessi vi libererete dai fantasmi del vostro pensiero.
Allora la vostra attenzione potrà rivolgersi alla realtà che vi circonda ed essa si rivelerà a voi in tutta la su bellezza e la sua gioia.
Scoprirete che nella realtà non vi è sofferenza: la sofferenza è soltanto nel vostro pensiero.

 

 

Siddharta Gautama Sakyamuni detto “il Buddha” :icon_biggrin:


  • Bloom piace questo
Immagine inserita Non esistono Regole l'unica legge è AMORE

#224 Aindir

Aindir

    Utente Senior

  • Utenti
  • 452 messaggi

Inviato 24 ottobre 2014 - 04:24

Se dopo la morte avessi la possibilità di rinascere, vorrei rinascere nel posto che mi ha mandato qui, a vivere la vita che mi spetta,lì, con coloro che mi hanno generato, là dove si conosce il mio vero nome. Se questa possibilità non esiste e si tratta solo del frutto della mia fantasia allora, vi prego, fate che dopo la morte vi sia il nulla.


  • Lancillotto2013 piace questo

#225 Lancillotto2013

Lancillotto2013

    Bannato

  • Bannati
  • 7299 messaggi

Inviato 25 ottobre 2014 - 06:08

non vedo nessuno morire ma o trapassare tra un mondo egoico e l'altro ..oppure risorgere trasceso nell'assoluto

 

ma anche chi trasceso risorge in Quell'eterno tra eoni ed eoni dovra riapparire e sarà rifatto di nuovo.

 

c'è sosta e c'è movimento, c'è eternità ferma e poi in azione, cosi sono i cicli cosmici come giorno e notte,

 

il giorno è il sonno dell'eterno e la vita soggettiva dei molti.

 

la notte invece è la sosta di tutti i soggettivi e il risveglio del Grande Meditante Eterno.. tutto-tutti in lui.

 

Nel nulla infinito che io chiamo il vuoto nero infinito .. nessuno può restare in eterno, può sostare per molto e lungo tempo ma non rimanerci. E cmq anche là lui vive, e mai è morto.

La morte è un'idea dell'ego perchè esso non ha sostanza e non genera nulla di suo.

La vita invece crea e ha sostanza perchè uno la genera per tutti.

La morte non esiste e la vita si infinitamente, esiste però il trapasso da un piano astrale ad un altro e dalla sfera samsarica alla sfera del Reale Eterno, quella via extra-mentale si chiama Moksa.

 

 

ho trovato questa pagina interessante per i cicli cosmici :  http://www.astronave...ci#.VEvjRsniWSo


  • Bloom piace questo
Immagine inserita Non esistono Regole l'unica legge è AMORE

#226 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8811 messaggi

Inviato 25 ottobre 2014 - 06:58

non vedo nessuno morire ma o trapassare tra un mondo egoico e l'altro ..oppure risorgere trasceso nell'assoluto

 

ma anche chi trasceso risorge in Quell'eterno tra eoni ed eoni dovra riapparire e sarà rifatto di nuovo.

 

c'è sosta e c'è movimento, c'è eternità ferma e poi in azione, cosi sono i cicli cosmici come giorno e notte,

 

il giorno è il sonno dell'eterno e la vita soggettiva dei molti.

 

la notte invece è la sosta di tutti i soggettivi e il risveglio del Grande Meditante Eterno.. tutto-tutti in lui.

 

Nel nulla infinito che io chiamo il vuoto nero infinito .. nessuno può restare in eterno, può sostare per molto e lungo tempo ma non rimanerci. E cmq anche là lui vive, e mai è morto.

La morte è un'idea dell'ego perchè esso non ha sostanza e non genera nulla di suo.

La vita invece crea e ha sostanza perchè uno la genera per tutti.

La morte non esiste e la vita si infinitamente, esiste però il trapasso da un piano astrale ad un altro e dalla sfera samsarica alla sfera del Reale Eterno, quella via extra-mentale si chiama Moksa.

 

 

ho trovato questa pagina interessante per i cicli cosmici :  http://www.astronave...ci#.VEvjRsniWSo

Ma secondo te possono convivere due entità spirituali nello stesso corpo?


  • Lancillotto2013 piace questo

"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


#227 Lancillotto2013

Lancillotto2013

    Bannato

  • Bannati
  • 7299 messaggi

Inviato 25 ottobre 2014 - 09:05

Ma secondo te possono convivere due entità spirituali nello stesso corpo?

 

Credo sia possibile che due anime possano abitare lo stesso appartamento (corpo), ma devi considerare che sono pensieri e punti di vista le Jiva ..in sostanza, derivanti poi da una coscienza (spirito) che è capace di replicarsi quasi all'infinito emettendo dal suo corpo spirituale innumerevoli anime.

 

E' quindi un discorso ancora più complesso del previsto, è come se la coscienza potesse generare un pensiero, questo prende vita in qualità di anima ma in realtà tutto il macrocosmo è di quel singolo.

In pratica come se ogni testa fosse veramente un mondo a sè ma anche esteso e includente ogni cosa che vive, guarda e tocca con i sensi fisici.

 

Ho trovato un disegno interessante in cui c'è un Krishna centrale, per esempio, da cui escono infinite sfere ognuna con dentro Krishna e Radha (maschio e femmina come principio vitale sovra-divino).

 

E ne ho trovato un'altro in cui da tanti bimbi poveri escono tanti Krishna e tutti loro fanno contorno a un Krishna centrale più giovane ..in fase ragazzino di 6 - 8 anni.

 

Queste immagini della cultura indiana .. corrispondono in certa parte alla mia esperienza diretta sul tema.

 

Mentre a livello animico una persona può essere collegata a persone viventi e non viventi e avere dentro più personaggi (ma i personaggi sono in anima .. cioè hanno un ego basso e una identità materiale o di fantasma o di Deva.. dipende).

 

Bisogna poi vedere se non sia il collegamento che ti fà avere gli altri dentro: sentimento, amore, rapporto di coppia e un feeling molto elevato o una certa sensibilità creano unione tra due cuori e la vicinanza, sovrapposta anche, fà pensare di avere due anime dentro .. in realtà è una vera fusione animica e.. anche spirituale.. in alcuni casi.

 

Credo cmq che l'atman, la jiva e il corpo, il microsmo e il macrocosmo siano la stessa identica natura.. si duplicano e il ristretto punto di vista ci fà vedere le differenze.. ma lo specchio in cui guardiamo è unico, solo che noi ne stiamo osservando solo un piccolo pezzettino, come guardassimo un singolo cristallo del vetro e non lo specchio nelal sua reale interezza.

 

Complimenti per la domanda iniziale.. perchè implicitamente e in modo approfondito mette in difficoltà, però nei miei limiti spero di averti spiegato qualcosa.. perchè è già difficile per noi occidentali capire come possa anche il Dio cattolico essere in tutti i cuori e menti delle persone e poi fare il giudice.. sembrano controsensi e paradossi enormi ... ma anche li c'è del vero.

 

Tutto è giocato sugli stati dell'animo, su espansioni del pensiero e della coscienza e sulle repliche (riflessioni di esseri mediante pensieri di coscienza - spirito = Atman).

 

Lo stato di quiete trascendente è il miglior mezzo per la verifica diretta di questa natura delle cose che ci neghiamo nello stato razionale di veglia attiva .. in cui anadiamo avanti-indietro in quel piccolo cristallo .. perdendo anche memoria che c'è un infinito specchio che racchiude tutti i cristalli e tutti i punti di vista eppure il contrario .. è vero : il ns. punto di vista coscienziale può abbracciare e divenire quell'intero specchio .. quindi macro e micro si uniscono .. perchè già lo sono sempre stati, uno in grande e l'altro nel piccolo... erano lo stesso specchio.. mna la ns. attenzione e la ns. vista si erano concentrati sul particolare ..perdendo di vista e di mente L'INSIEME DI CIO' CHE E' / E SIAMO   


  • madmax piace questo
Immagine inserita Non esistono Regole l'unica legge è AMORE

#228 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 26 ottobre 2014 - 10:19

Ma secondo te possono convivere due entità spirituali nello stesso corpo?


Eh, presente.


-Flip Flap-


#229 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8811 messaggi

Inviato 26 ottobre 2014 - 10:25

cioè?Tu ti definisci tante cose.....a volte non capisco se è mania di protagonismo o cosa^_^


"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


#230 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 26 ottobre 2014 - 10:59

cioè?Tu ti definisci tante cose.....a volte non capisco se è mania di protagonismo o cosa^_^


La mania di protagonismo non esclude "o cosa."
Comunque no, il filo conduttore è sempre quello: sono un vampiro, sono un umano, ecco perché son due cose... sono un ibrido abominevole e irrispettoso delle leggi naturali :asdsi:
E sì, voglio rinascere dopo questa vita, perché ho ancora tante vite da prendere, da entrambe le razze :icon_twisted:


  • tornado piace questo

-Flip Flap-


#231 Iasonis

Iasonis

    Utente Full

  • Utenti
  • 2515 messaggi

Inviato 17 gennaio 2015 - 11:25

Io si, voglio allevare capre e pecore, raggiungere la perfezione in campo artistico, e poi sperando in un futuro privo di guerre (ahimè ci credo poco) vorrei viaggiare tantissimo, devo assolutamente vedere la Patagonia, le Galapagos, la foresta amazzonica, e perché no, l'Oceania.

Vorrei rinascere o in Italia, o in Francia, spero che se esista un dio mi ascolti



#232 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6953 messaggi

Inviato 22 gennaio 2015 - 07:42

Io si, voglio allevare capre e pecore, raggiungere la perfezione in campo artistico, e poi sperando in un futuro privo di guerre (ahimè ci credo poco) vorrei viaggiare tantissimo, devo assolutamente vedere la Patagonia, le Galapagos, la foresta amazzonica, e perché no, l'Oceania.

Vorrei rinascere o in Italia, o in Francia, spero che se esista un dio mi ascolti

beh allevare capre e pecore si può fare.... nel contempo potresti dipingere e anche viaggiare... in fondo per Patagonia, Galapagos ecc basta comprare un biglietto e salire su un aereo...


Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#233 Guest_Einander2_*

Guest_Einander2_*
  • Ospiti

Inviato 30 gennaio 2015 - 05:02

Voglio rinascere con  i poteri che ho in mente, che superano quelli di Dio, ma non per essere un Dio, ma per spassarmela come e quando mi pare


  • tornado piace questo

#234 Linger

Linger

    Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri

  • Utenti
  • 1483 messaggi

Inviato 19 marzo 2015 - 11:30

No. Non si rinasce. Dopo la morte non c'è niente. Una vita è già troppa, comunque. Meglio morti. Anzi no, meglio non nati.


Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri Social


#235 Galaxy

Galaxy

    Utente Universale

  • Utenti
  • 4955 messaggi

Inviato 19 marzo 2015 - 01:07

Dopo la vita c'è Vita Eterna, e dopo la morte c'è Morte Eterna, non c'è alcuna possibilità di scelta.


. . .° Aprirò in parabole la mia bocca; proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo °. . . ( Sal 77 / Mt 13 ) Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli..

#236 Linger

Linger

    Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri

  • Utenti
  • 1483 messaggi

Inviato 19 marzo 2015 - 07:36

Dopo la vita c'è Vita Eterna, e dopo la morte c'è Morte Eterna, non c'è alcuna possibilità di scelta.

 

Sembra una supercazzola. A questo punto mi domando cosa ci sia tra la vita e la morte


Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri Social


#237 Galaxy

Galaxy

    Utente Universale

  • Utenti
  • 4955 messaggi

Inviato 19 marzo 2015 - 10:27

Sembra una supercazzola. A questo punto mi domando cosa ci sia tra la vita e la morte

Se ho vissuto da morto, in questa vita, nella prossima sarò ancor più morto. Se ho vissuto da vivente, in questa vita, nella prossima sarò ancor più vivente. La mia Teoria si basa sull'esperienza quotidiana: se il giorno X sono stato me stesso, il giorno seguente mi sento di un gradino più vivo del giorno precedente. E' una sensazione concreta e palpabile che influenza direttamente la qualità della nostra esistenza qui-ed-ora. Se il giorno Y ho fatto il portaborse del Sistema delle Mafie legalizzate, il giorno seguente mi sento di un gradino meno vivo (cioè più morto) del giorno precedente. Istante dopo istante, i punti si accumulano o diminuiscono - come nei Videogiochi. Una volta raggiunto il massimo o il minimo, il nostro stato d'essere si trasmuta da mortale e corruttibile (instabilità) a immortale e incorruttibile (stabilità). E' un processo Naturale previsto nei nostri Geni, che nessuno può fermare. Quello che eravamo prima, in forma temporanea, lo diventiamo, uguale, però in una forma perpetua. Le maschere bipede, le ombre di se stessi, i morti viventi, più morti che viventi alla fine percepiscono la realtà più intensamente, secondo i filtri che si sono costruiti negli Eoni della Prova. Anche le Coscienze evolute alla fine percepiscono la realtà più intensamente, secondo i filtri generati. I "morti dentro" sperimenteranno la Vera Morte dentro e fuori mentre i "vivi dentro" sperimenteranno la Vera Vita fuori e dentro, ma ho dimenticato di specificare il "destino" degli abmigui. Perciò, dopo l'ambiguità c'è Ambiguità Eterna, come è logico che sia. Secondo il Mito, il Continuum non può essere interrotto. Cosa c'è tra morte e vita? Secondo me nulla, si viene catapultati immediatamente, nel luogo-non-luogo di appartenenza. Anche senza processo (e non c'è l'ONU, per difendere i nostri Presunti diritti), al momento del trapasso l'Arbitrio, più o meno libero, ci viene strappato. Si racconta che i più fortunati sono i vivi, un po' meno gli ambigui, e peggio stanno i morti, sia eterni che non. Da alcune fonti non confermate mi giunge la notizia che la Morte non è l'assenza di Vita bensì la Vita al rovescio, una specie di paradosso esistenziale in quanto si vive per non vivere. La scala Misterica ha il seguente aspetto: 1.Essere, 2.essere-non-essere, 3.non-essere. I viventi sanno di Essere, gli ambigui sanno di non essere, i morti non sanno di non essere.


. . .° Aprirò in parabole la mia bocca; proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo °. . . ( Sal 77 / Mt 13 ) Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli..

#238 Linger

Linger

    Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri

  • Utenti
  • 1483 messaggi

Inviato 19 marzo 2015 - 11:55

Se ho vissuto da morto, in questa vita, nella prossima sarò ancor più morto. Se ho vissuto da vivente, in questa vita, nella prossima sarò ancor più vivente. La mia Teoria si basa sull'esperienza quotidiana: se il giorno X sono stato me stesso, il giorno seguente mi sento di un gradino più vivo del giorno precedente. E' una sensazione concreta e palpabile che influenza direttamente la qualità della nostra esistenza qui-ed-ora. Se il giorno Y ho fatto il portaborse del Sistema delle Mafie legalizzate, il giorno seguente mi sento di un gradino meno vivo (cioè più morto) del giorno precedente. Istante dopo istante, i punti si accumulano o diminuiscono - come nei Videogiochi. Una volta raggiunto il massimo o il minimo, il nostro stato d'essere si trasmuta da mortale e corruttibile (instabilità) a immortale e incorruttibile (stabilità). E' un processo Naturale previsto nei nostri Geni, che nessuno può fermare. Quello che eravamo prima, in forma temporanea, lo diventiamo, uguale, però in una forma perpetua. Le maschere bipede, le ombre di se stessi, i morti viventi, più morti che viventi alla fine percepiscono la realtà più intensamente, secondo i filtri che si sono costruiti negli Eoni della Prova. Anche le Coscienze evolute alla fine percepiscono la realtà più intensamente, secondo i filtri generati. I "morti dentro" sperimenteranno la Vera Morte dentro e fuori mentre i "vivi dentro" sperimenteranno la Vera Vita fuori e dentro, ma ho dimenticato di specificare il "destino" degli abmigui. Perciò, dopo l'ambiguità c'è Ambiguità Eterna, come è logico che sia. Secondo il Mito, il Continuum non può essere interrotto. Cosa c'è tra morte e vita? Secondo me nulla, si viene catapultati immediatamente, nel luogo-non-luogo di appartenenza. Anche senza processo (e non c'è l'ONU, per difendere i nostri Presunti diritti), al momento del trapasso l'Arbitrio, più o meno libero, ci viene strappato. Si racconta che i più fortunati sono i vivi, un po' meno gli ambigui, e peggio stanno i morti, sia eterni che non. Da alcune fonti non confermate mi giunge la notizia che la Morte non è l'assenza di Vita bensì la Vita al rovescio, una specie di paradosso esistenziale in quanto si vive per non vivere. La scala Misterica ha il seguente aspetto: 1.Essere, 2.essere-non-essere, 3.non-essere. I viventi sanno di Essere, gli ambigui sanno di non essere, i morti non sanno di non essere.

 

;-) confermo l'impressione della supercazzola, addirittura prematurata


  • Nehelamite piace questo

Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri Social


#239 Asterah

Asterah

    Super Utente

  • Utenti
  • 4483 messaggi

Inviato 23 marzo 2015 - 02:18

Votato altro, perchè mi sono sempre chiesta quale sia il senso di "vite precedenti" ed altre future. Cosa esattamente di noi dovrebbe ipoteticamente rimanere vita dopo vita? Saremmo del tutto altre persone, in luoghi, tempi e contesti diversi. Noi stessi saremmo diversi, dal sesso agli ideali (per dire, ma riguarda tutto).

Quindi mi sfugge il senso di rispondere al "Vorresti avere un'altra vita dopo questa o no?" visto che anche ammesso l'avessi non sarei più io e non avrei coscienza di niente.


  • Gerold piace questo

We'll long live all those lifes

You tell yourselves

You will be allright

 


#240 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 24 marzo 2015 - 11:57

Non c'è bisogno di fare tanta filosofia, è un sondaggio = un gioco, niente di serio.
Scrivete soltanto se vorreste o no, lasciate perdere le vostre convinzioni, come ho detto, si scherza: non prendete sempre le cose così seriamente.


-Flip Flap-





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi