Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

qual ' è la vostra religione ?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
186 risposte a questa discussione

Sondaggio: qual ' è la vostra religione ? (252 utente(i) votanti)

qual ' è la vostra religione ?

  1. Votato atei (22 voti [17.32%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 17.32%

  2. Votato cristianesimo (31 voti [24.41%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 24.41%

  3. Votato testimoni di geova (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  4. islam (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  5. induismo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  6. buddhismo (6 voti [4.72%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 4.72%

  7. ebraismo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  8. confucianesimo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  9. satanesimo (3 voti [2.36%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 2.36%

  10. neopaganesimo (3 voti [2.36%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 2.36%

  11. liismo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  12. zoroastrismo o mazdeismo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  13. mandeismo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  14. giainismo (2 voti [1.57%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 1.57%

  15. politeista (5 voti [3.94%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 3.94%

  16. Votato altro (39 voti [30.71%] - Visualizza)

    Percentuale di voti: 30.71%

Voto I Visitatori non possono votare

#181 kiradavid97

kiradavid97

    Utente Senior

  • Utenti
  • 496 messaggi

Inviato 17 aprile 2019 - 12:18

Non la vedo come una imposizione , puoi sempre farli dopo da adulta...



#182 Spinoza

Spinoza

    Prima i Maremmani !!!

  • Utenti
  • 4946 messaggi

Inviato 17 aprile 2019 - 12:20

Ho sempre trovato il conteggio dei morti una pratica abbastanza squallida, a prescindere dal colore politico o dalla fede religiosa.


  • Nehelamite piace questo

#183 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 3401 messaggi

Inviato 17 aprile 2019 - 05:12

a me non ha funzionato l'imposizione del laicismo invece.
Perché vietare ad una bambina di prendere i sacramenti è anche questa un'imposizione.
:asdsi:

.. nulla contro gli atei comunque :D

 

Vedi, come la si gira è sempre un bel 50% e 50%. Quindi direi basta imposizioni in generale e come disse un grande Papa "volemose bene...."  :angel:


Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.
(Luigi Pirandello)

 

 


#184 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23591 messaggi

Inviato 18 aprile 2019 - 03:29

Certo. Perdono si ma solo se si rinnegava la fede cristiana.
Alla faccia della libertà di culto romana.

Non conosco così bene la storia di Ipazia per stare a discutere o a motivare la legittimità dei motivi della sua uccisione.
Stai sventolando una morte, una, a fronte di centinaia di morti: anche i nazisti per ogni nazista morto uccidevano dieci italiani.
Allo stesso modo per te pesa più sulla bilancia la vita di una non cristiana contro la vita di centinaia di martiri cristiani?

E no. Ammesso e non concesso che i motivi fossero quelli che dici tu, il conto non è affatto pareggiato. Mi spiace.

Cominciamo col dire che le persecuzioni contro i cristiani avvennero nei primi secoli dopo Cristo, e che la morte di Ipazia è più tardiva: del 415 d.C.
Quindi non sono eventi contemporanei.

Oltretutto i veri motivi della morte di Ipazia pare non siano proprio evidenti e chiari come affermi tu.
Questo per quel poco che ho letto.

Ma se per giustificare l'uccisione di tanti cristiani al punto da parlare della gentilezza estrema col quale furono trattati al punto in cui erano così carini da essere disposti a perdonarlo se abiuravano, proprio da personcine disponibili e ben disposte, devi confrontare una persona morta per mano dei cristiani addirittura quattro secoli dopo, scusa, ma tanto vale rinfacciare le crociate.
Cioe'

Rimane il fatto che per quanti martiri cristiani ci siano stati nei primi secoli dopo Cristo, non eguagliano il numero di vittime uccise a causa della loro fede cristiana, oggi.
http://www.notizieit...i-e-le.html?m=1

certo potrebbero rinunciare alla loro fede per salvarsi, sticaxxi proprio :asdsi:

 

 

Ma chi vuole pareggiare niente...? Sei tu che stai mettendo una vita (come fosse poco) contro "tanti" martiri cristiani.

E le persecuzioni contro i cristiani "nei primi secoli dopo la morte di Cristo" non vuol dire nulla, quelli 5 secoli scarsi sono ch'è durato l'Impero Romano, e l'Editto di Tolleranza risale al 313 d.C. :D cioè, fatti un po' tu i conti.

In quei trecento e scarsi anni, per il primo secolo venivano abbondantemente confusi con i giudei, considerati ribelli e quindi invisi all'enstablishment romano, ma le persecuzioni non sono state né continuative né così pesanti come fai credere, e in ogni caso se proprio vogliamo parlare di numeri, direi che 300 anni di persecuzioni altalenanti valgano assai di meno rispetto a tutto un medioevo di intolleranza.

 

Ipazia è proprio il prototipo, come ho già detto, di quello che sarebbe avvenuto dopo e che in parte, con la repressione (anche violenta) delle correnti non aderenti all'arbitrario credo niceiano (stabilito e comandato dall'Imperatore Costantino, a mio parere ma non solo mio il *vero* fondatore del cristianesimo), già avveniva al tempo.

L'Impero Romano ai cristiani ha dato assai più di quanto abbia tolto, diciamocelo senza ipocrisie: vi ha dato il potere, la pervasività, ed un'eredità violenta e oppressiva che distorceva il messaggio della missione universale di Roma, nonché la stessa corona dell'Impero che avete conservato gelosamente per secoli, a dispetto della supposta divisione fra spirituale e temporale; avete ereditato tutta la contorta base ideologica del mondo romano, dell'ultimo, tardo e già declinante Impero, e l'avete fatta dottrina e dogma di fede...

Non a caso Hobbes disse che il cristianesimo "non è altro che il fantasma del defunto Impero Romano, che siede incoronato sulla sua tomba."

 

Io fossi cristiano ringrazierei invece di accusare e rivolgerei preghiere a Costantino (l'Imperatore, non il tronista) ogni giorno  :asdsi:


  • occhibianchi piace questo
 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#185 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 651 messaggi

Inviato 18 aprile 2019 - 10:52

a me non ha funzionato l'imposizione del laicismo invece.
Perché vietare ad una bambina di prendere i sacramenti è anche questa un'imposizione.
:asdsi:

.. nulla contro gli atei comunque :D


Se ti illustrano le caratteristiche di tutte le grandi religioni - e sei tu, da bambina, a sceglierne una, non avrebbe senso vietare, o imporre un'altra che tu non hai scelto. Ma nella maggior parte dei casi è l'adulto a imporre una religione al bambino, raramente è il bambino a scegliere, sempre che sia capace di capire e scegliere alla sua età. La questione non è se insegnare le religioni ai bambini, ma se insegnare ad un bambino una determinata religione che il bambino non ha scelto e che non intende scegliere nemmeno dopo, una volta cresciuto/ raggiunto età di ragione. Scelta sbagliata potrebbe ostacolare sviluppo spirituale del bambino. Quindi la domanda è chi deve scegliere la religione del bambino, il genitore uno, il genitore due, o il bambino stesso? I genitori non conoscono il codice genetico ("anima") del bambino, solo il Creatore sa, e il bambino quando ri-Conosce la sua vera natura. Se un genitore riesce a "indovinare" le esigenze esistenziali del bambino, ottimo. Ma di solito non avviene. E nel dubbio meglio aspettare. Nel frattempo, si possono spiegare i valori universali indipendenti dalle dottrine religiose. Comunque se un bambino viene attratto in modo particolare da un Culto specifico, perché non permettergli di approfondire la dottrina e di frequentare il luogo di culto, seppur nelle modalità adatte alla sua età? Ma se uno è attratto dalla filosofia atea, vale lo stesso discorso di prima.



#186 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 3401 messaggi

Inviato Ieri, 19 apr 2019 alle 07:38

Credo che già voler imporre una cosa sia di sé sbagliata. Il "dovere" dei genitori è proprio quello di capire le esigenze spirituali dei propri figli. L'adesione di entrambi i genitori alla religione porta inevitabilmente ad indirizzarli a fare determinate scelte e questo accade già appena nati, tramite il sacramento del battesimo. Certamente è difficile suscitare in un bambino l'interesse spirituale, loro lo seguono come un gioco e non è vera esigenza interiore.

 

Non sono da escludere però dei casi particolari e vorrei portare un esempio personale. I miei figli hanno fatto la prevista trafila dei sacramenti e finchè ero dentro la Religione tutto bene. C'è stato un punto in cui è iniziata da parte loro una sorta di "ribellione" alla frequentazione già avendo poco più di 10 anni. Sono stati obbligati a frequentare dalla madre per un periodo di tempo, ma loro erano ormai sempre più contrari e tale imposizione li aveva fatti diventare molto nervosi e frustrati. Uno di loro ricordo un giorno riusci a "smontare" le credenze del genitore con semplicità, evidenziando una "maturità" spirituale se pur acerba molto "avanti" rispetto alla sua età. Attualmente vivono con la madre, entrambi maggiorenni e continuano a non frequentare. Io parlo di spiritualità sopratutto con mio figlio lasciandolo esprimersi per come si sente e spesso mi meraviglio per quanto sia avanti. Possiamo fare qualsiasi discorso spirituale, filosofico e religioso spesso anche molto profondi, ma soprattutto: spontanei, frutto del proprio livello di crescita interiore e privo di ogni condizionamento religioso.


Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.
(Luigi Pirandello)

 

 


#187 Frèyja

Frèyja

    .L.

  • Utenti
  • 4519 messaggi

Inviato Ieri, 19 apr 2019 alle 09:38

Sinceramente la trafila burocratica religiosa coi vari sacramenti oggi mi sembra più un qualcosa che si fa per tradizione che un vero e proprio strumento di indottrinamento. Io ho tutti i sacramenti ma non sono serviti a indottrinarmi, perché la mia famiglia non ha proprio mai accennato a questioni religiose e spirituali, né quando ero bambina né adesso. È l'ambiente familiare che inserisce in un certo ordine di idee, molto più del catechismo, secondo me. Almeno questa è la mia esperienza in merito.
E se devo essere sincera, mi sarebbe piaciuto e servito che da parte dei miei ci fosse stato uno stimolo a riflettere su Dio e la spiritualità. Ma sicuramente meglio nulla che un'imposizione.

Per quel che mi riguarda, ogni possibilità di credere nella dottrina cattolica venne meno in un preciso momento, alle elementari, quando la mia insegnante di religione spiegando la genesi disse alla classe che Dio aveva creato gli animali perché l'uomo ne potesse disporre come voleva. Stonò cosi tanto nella mia testa che mi ricordo ancora di aver pensato "non può essere vero".
Essere bambini non vuol dire essere scemi, anzi. Il sentimento e l'empatia possono essere più sviluppati che nell'adulto.
Come dico sempre, il terreno fertile dove far attecchire le idee è preesistente.
  • occhibianchi piace questo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi