Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Utilità dell'astrologia. Esperienze personali.


  • Per cortesia connettiti per rispondere
92 risposte a questa discussione

#81 Unoqualunque

Unoqualunque

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2033 messaggi

Inviato 30 luglio 2012 - 06:57

[FONT=&]Mi scuso anche con Unoqualunque se non sono stato sufficientemente chiaro .
Se quanto detto da Nader fosse una stupidaggine non pensi che gli autori dei testi che lui ha citato lo avrebbero per lo meno ridicolizzato ( come fanno gli ambienti accademici di tutto il mondo) ? [/FONT]

[FONT=&]

In India fanno studi scientifici molto approfonditi su fatti riguardanti la religione induista ma questo non vuol dire che non ci sia un coinvolgimento dei vari ricercatori che spesso sembrano essere troppo poco scrupolosi in queste tipo di ricerche.
[/FONT]Essere scienziato, ricercatore scientifico o giornalista non significa non essere di parte. Inoltre quando una ricerca è seria viene sempre riportata su qualche rivista scientifica di rilievo. In caso contrario non viene nemmeno citata...

[FONT=&]Il mio intervento era comunque mirato a cercare di spiegare come è possibile un rapporto fra noi e l’ambiente che ci circonda (stelle comprese)[/FONT]


Era più mirato a cercare di dare una qualche validità tirando fuori qualche articolo pseudoscientifico. Mi spiace ma di libri ce ne sono di ogni genere e in questo caso non si tratta di "pubblicazione scientifica" (significato che ho già spiegato in precedenza).

[FONT=&]Questo sarebbe dimostrato dal principio della non località , fenomeno che si verifica a livello quantistico, che coinvolge due o più particelle generate da uno stesso processo o che si siano trovate in interazione reciproca per un certo periodo. Tali particelle rimangono in qualche modo legate indissolubilmente (entangled), nel senso che quello che accade a una di esse si ripercuote immediatamente anche sull'altra, indipendentemente dalla distanza che le separa. [/FONT]


[FONT=sans-serif]Se credete di aver capito la teoria dei quanti, vuol dire che non l'avete capita[/FONT]. (Richard Feynman)

Non c'è frase più azzeccata per rispondere. La non-località è una questione che riguarda posizione e velocità di un corpo e il fatto che questi al livello quantistico non sono più delle proprietà date ma proprietà effimere. Spiegarti il resto sarebbe complicato e inutile perché per chi non mastica di fisica è davvero difficile conciliarlo con la realtà.

[FONT=&]Se è vero che la vita è nata grazie all’intervento dei materiali portati sulla terra dalle comete e da altri corpi celesti e noi stessi siamo composti da questi elementi anche per noi dovrebbe valere questo fenomeno. Il che non dimostra la validità dell’astrologia, caso mai dimostrerebbe che non siamo staccati dall’universo che ci circonda e che si collega a noi attraverso l’ informazione. [/FONT]

[FONT=&]

E' una teoria ma non è sicuro che siamo nati grazie alle comete. Per quanto riguarda l'informazione... ho paura a leggere le prossime cose che scriverai...

A proposito di informazione, la medicina omeopatica


Ecco, paure fondate...

sempre più seguita dai medici contiene delle sostanze talmente diluite che non sono rilevabili nemmeno con le più sofisticate attrezzature . Eppure funziona perché è l’informazione che agisce sulla fisiologia umana . Per mesi ho avuto dolori alla cervicale ed è bastata una puntura di Arnica, a livello omeopatico, per fare cessare quasi immediatamente i sintomi anche dolorosi procurati dalla cervicale.

[/FONT]


Le meta-analisi (cioè le analisi delle analisi) condotte dalle riviste scientifiche più prestigiose del mondo come Nature, British Medical Journal o The Lancet (giusto per fare dei nomi) hanno riscontrato che l'omeopatia procura lo stesso effetto del placebo.

[FONT=&]Voglio ancora ripetermi: nessuna dimostrazione della validità scientifica della astrologia, ma solo una indicazione che quanto detto dalla astrologia vedica e forse anche da quella occidentale circa il nostro rapporto con l’universo non è sbagliato.
[/FONT]


Se non c'è nemmeno una teoria in accordo (e non ricacciare la fisica quantistica che mi fai girare i plank), nemmeno un ipotesi che permette di falsificare la teoria, nemmeno un osservazione che permette di dire "forse l'astrologia non è proprio una cavolata" come si può pensare che sia fondata o che semplicemente funzioni?

Ecco un altro intervento di un altro ricercatore
[FONT=&] Robert Keit Wallace (ricercatore dell’università di Harvard) nel libro suo libro . “fisiologia della coscienza “ parla di Tony Nader. [/FONT]
[FONT=&]Non credo che questo personaggio abbia voluto rischiare di mettersi in ridicolo anche al livello accademico .[/FONT]
[FONT=&] Riporto uno stralcio del libro.[/FONT]
[FONT=&] Ribadisco che si parla del veda e che lo jyotish (astrologia vedica) ne è una sua parte, cosi' come pure la medicina vedica, l'architettura vedica, ecc.[/FONT]
[ATTACH=CONFIG]12255[/ATTACH]


Se c'è una pubblicazione scientifica riguardante questa citazione sono felice di leggerla.
Poteri paranormali? Capacità di interpellare spiriti, demoni e dei?
Se li hai perché non provarli?
Fai questo test: http://forum.cosenas...revedibile.html

#82 pier

pier

    Utente Senior

  • Utenti
  • 316 messaggi

Inviato 30 luglio 2012 - 08:12

[FONT=&]

In India fanno studi scientifici molto approfonditi su fatti riguardanti la religione induista ma questo non vuol dire che non ci sia un coinvolgimento dei vari ricercatori che spesso sembrano essere troppo poco scrupolosi in queste tipo di ricerche.
[/FONT]Essere scienziato, ricercatore scientifico o giornalista non significa non essere di parte. Inoltre quando una ricerca è seria viene sempre riportata su qualche rivista scientifica di rilievo. In caso contrario non viene nemmeno citata...


Gli scienziati indiani non fanno studi sulla religione. Bose ne è un esempio . Egli ,come saprai sicuramente, ha dimostrato che le particelle possono avere un diverso comportamento (mi riferisco ai bosoni e fermioni) . Gli studi di Bose sono serviti per la ricerca del Bosone di Higgs . Sono certo che sai che la parola Bosone è usata in fisica quale riconoscimeto a questo scienziato indiano.

Penso di spostare su un altro forum questa intressante discussione poichè sicuramete si andrà a finire fuori tema, cioè quello trattato da questo forum , anche perchè non mi interessa difendere l'astrologia della quale ne studio i principi in un contesto più ampio che forse non ti potrà piacere ma che però è seguito da miloni di persone .





[FONT=&]







[/FONT]


#83 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 31 luglio 2012 - 02:44

Un professore, che ha ricevuto il suo Ph.D. dal Massachusetts Institute of Technology e ha lavorato come clinico e ricercatore in un ospedale della Harvard Medical School , avrebbe trovato un rapporto fra le 27 stelle fisse o Nakshatra dell’astrologia vedica/orientale con la fisiologia umana , vedi altri interventi sul forum .
Naturalmente l’astrologia orientale può valere quello che vale , però , a quanto pare , trova dei riscontri e chiarire questo è il mio scopo( come studioso ). Non mi interessa invece di dimostrare la sua validità ,visto che giustamente molte persone non credono nell’astrologia .



Vedo che non hai capito che non è mia intenzione dimostrare la validità scientifica dell'astrologia.
Sinceramente non so come fartelo capire.
Io ho perso una oppotunità e forse non solo io.
Spero che Unoquolonque ,che mi sembra preparato, saprà apprezzare il mio sforzo .


In effetti non ho capito.

Tu citi un professore che in seguito abbiamo chiarito che si chiama

Tony Nader, citi l'università presso cui si è laureato, e l'ospedale presso cui ha lavorato, e dici che avrebbe trovato un rapporto tra le 27 stelle fisse dell'astrologia vedica con la fisiologia umana.

E poi aggiungi che l'astrologia vedica, a quanto pare, trova dei riscontri.


A me pare che vuoi far passare l'idea, che siccome l'autore del libro è laureato (non si sa bene in che cosa), allora le cose che scrive debbano essere necessariamente vere.
Credo che la cosa farà sicuramente piacere a Sauro (mi sfugge il resto del nome) che è laureato in medicina, e le cui opinioni contrastano molto spesso con quelle degli altri.
Allora è accertato, siccome è laureato, questo significa che ha sempre ragione.

Quando ti ho chiesto come ha fatto il professore a stabilire questa connessione tra le stelle e la fisiologia umana, mi hai risposto che ti informerai e che hai scritto in america.
Io pensavo che queste cose Tony Nader le avesse spiegate nel suo libro, ed è per questo che ti ho chiesto se l'avessi letto.

Ma se non hai altro che le affermazioni di questo Tony Nader, come fai a credere che, a quanto pare, ci sono dei riscontri dell'astrologia vedica?

Ti fidi sulla parola?

Di immortalità si parla nell'allegato che hai postato. Non è molto chiaro quello che voglia dire, io ho capito che il dr. Nader è anche convinto
di aver dimostrato l'immortalità. Questo francamente mi sembra troppo, ed è da questo che nasce il mio scetticismo.

Lascerei da parte le "dimostrazioni scientifiche dell'astrologia", però tu hai parlato di riscontri, aggiungendo un "a quanto pare", per cui esprimi anche un dubbio,
ma dove sono questi riscontri?

Forse per te è sufficiente sapere che il dr.Nader dica di averli trovati, ma per me non è cosi'.

Se ti interessa la mia opinione, io sono certo che esista un rapporto tra la fisiologia umana e l'astrologia, altrimenti come potrebbe funzionare l'astrologia?
Gli influssi astrali agiscono sui nostri corpi, lo stesso zodiaco è la rappresentazione del corpo umano.
Lo zodiaco letteralmente sarebbe "il cerchio degli animali" ed infatti la maggior parte dei segni si riferisce a delle figure animali.
Ogni animale si differenzia da un altro, perché è specializzato a compiere una funzione, cosi' come lo sono i vari organi del corpo umano.

I simboli zodiacali più che simboleggiare gli animali corrispondenti, si riferiscono agli organi del corpo umano. Dopo anni che facevo degli oroscopi, mi sono reso conto che i simboli che disegnavo sulle carte del cielo, erano in realtà degli organi del corpo umano stilizzati. Ad esempio, mi sono accorto che disegnavo il simbolo dello Scorpione come un pene maschile (a riposo), il segno del Cancro come due seni e un accenno di pancia, il Leone come un (mezzo) cuore, il Capricorno come un ginocchio, la Bilancia come un rene.

Una carta del cielo mostra come sono organizzati gli organi del corpo umano, l'importanza che essi hanno per una persona, per cui è abbastanza facile individuare delle disarmonie, ed avere una idea delle malattie di cui una persona si potrebbe ammalare. Il temperamento delle persone è una conseguenza della loro conformazione fisica.

Io non sono un esperto di astrologia medica, e credo che non spetti all'astrologo curare le persone, però non posso non vedere le connessioni che ci sono tra la salute delle persone e la loro carta del cielo. Ci sono delle corrispondenze che sono piuttosto evidenti, ad esempio un Saturno mal messo può indicare dei problemi alle ossa, ed una opposizione Mercurio-Urano dei problemi nervosi.

Il legame tra lo stato di salute fisica ed il comportamento è molto più profondo di quanto comunemente si immagini.

Gli astri agiscono attraverso i nostri corpi, e se no su che cosa dovrebbero agire?



Io ti sto parlando della mia esperienza personale con l'astrologia, non ti sto dicendo di aver dimostrato l'esistenza di queste correlazioni tra astri, segni e salute.
Non saprei come poter dimostrare le cose che affermo, perché le idee che mi faccio sulla salute delle persone, non sono legate a dei fattori oroscopici precisi.
Si tratta di valutazioni che faccio tenendo conto dell'intera carta del cielo, mi baso molto sull'intuito, e non sarei in grado di oggettivare queste intuizioni, in modo tale da poterle verificare per mezzo di una statistica.

Quello che mi ha irritato, non è quindi la sostanza di quello che afferma il dr.Nader, perché a quanto sembra la pensiamo allo stesso modo,
ossia riteniamo che gli astri influiscano sul corpo umano, ma il fatto che il tuo modo di presentarlo faceva intendere, che dobbiamo credergli per il
solo fatto che è laureato, e che ha lavorato in un ospedale.

Non credo in particolare alla corrispondenza tra le stelle vediche ed il corpo umano, e sarebbe interessante sapere come abbia fatto a giungere a queste conclusioni,
ma questo purtroppo non è dato sapere, perché il dr.Nader non spiega queste cose nel libro che hai letto tu.

Bada bene che non sto attaccando l'astrologia vedica, ma un modo di fare che è anche molto comune anche tra gli astrologi occidentali.

Ci sono ad esempio degli astrologi che citano spesso l'astrofisica Giuliana Conforto perché lei crede nell'astrologia.

Il fatto che questa signora sia laureata in una materia scientifica, e che creda nell'astrologia, non rende l'astrologia più credibile.

Quando lei parla di astrologia, non lo fa come scienziata, non parla di astrologia in termini scientifici, e non mostra delle prove che altri
potrebbero confermare o smentire. Lei espone una sua visione delle cose, dicendo delle cose analoghe alle cose da te riportate.

La signora Conforto è naturalmente liberissima di pensarla come vuole, ma non si dovrebbe fare l'errore di credere che siccome a dire
queste cose sia una laureata, allora le cose che dice hanno una valenza scientifica.

Non ci si può nemmeno appellare al principio di autorità, perché per ogni Giuliana Conforto che crede nell'astrologia, ci sono mille scienziati
che non ci credono, e allora perché credere alla sua autorevolezza e non credere a quella dei mille scienziati che non credono nell'astrologia?





#84 pier

pier

    Utente Senior

  • Utenti
  • 316 messaggi

Inviato 31 luglio 2012 - 09:58

[FONT=&]Non si può non rispondere al cortese intervento di astro.[/FONT]
[FONT=&]Nello stesso tempo la risposta è dovuta anche ai frequentatori del forum che hanno il diritto al meglio della informazione, per quello che sono i miei limiti[/FONT]


[FONT=&] In effetti non ho capito.

Tu citi un professore che in seguito abbiamo chiarito che si chiama [/FONT]

[FONT=&]Tony Nader, citi l'università presso cui si è laureato, e l'ospedale presso cui ha lavorato, e dici che avrebbe trovato un rapporto tra le 27 stelle fisse dell'astrologia vedica con la fisiologia umana.

E poi aggiungi che l'astrologia vedica, a quanto pare, trova dei riscontri.[/FONT]


[FONT=&]A dire la verità avrebbe trovato dei riscontri anche per le case , i pianeti ed i segni zodiacali. Ho usato la parola “avrebbe” per deformazione professionale (anche se sono in pensione) e con la mentalità di un progettista di grandi impianti che ha avuto sempre dei dubbi circa i nuovi processi o tecnologie proposte, fino quando non avevo verificato personalmente la loro validità[/FONT]
[FONT=&]
[/FONT]

[FONT=&] A me pare che vuoi far passare l'idea, che siccome l'autore del libro è laureato (non si sa bene in che cosa), allora le cose che scrive debbano essere necessariamente vere.
Credo che la cosa farà sicuramente piacere a Sauro (mi sfugge il resto del nome) che è laureato in medicina, e le cui opinioni contrastano molto spesso con quelle degli altri.
Allora è accertato, siccome è laureato, questo significa che ha sempre ragione.
Quando ti ho chiesto come ha fatto il professore a stabilire questa connessione tra le stelle e la fisiologia umana, mi hai risposto che ti informerai e che hai scritto in america.
Io pensavo che queste cose Tony Nader le avesse spiegate nel suo libro, ed è per questo che ti ho chiesto se l'avessi letto.
Ma se non hai altro che le affermazioni di questo Tony Nader, come fai a credere che, a quanto pare, ci sono dei riscontri dell'astrologia vedica?
Ti fidi sulla parola?[/FONT]

[FONT=&]No, no mi fido sulla parola ma sulla attendibilità di Tony Nader ( è stato comunquemenzionato nel Journal of the American Medical Association . Nader è un libanese, neuro-scienziato, ricercatore e rettore dell'Università e dei fisici che hanno parlato di lui , quali Hangelin che è un fisico teorico statunitense specializzato nella teoria delle superstringhe. e Robert Keit Wallace ricercatore dell’università di Harvard . Il suo lavoro , descritto nel suo libro è stato premiato (non scherzo ) con il suo peso in oro . Ciò nonostante esprimo dei dubbi fino a quando non avrò fatto le mie verifiche . [/FONT]
[FONT=&]
[/FONT]

[FONT=&] Di immortalità si parla nell'allegato che hai postato. Non è molto chiaro quello che voglia dire, io ho capito che il dr. Nader è anche convinto di aver dimostrato l'immortalità. Questo francamente mi sembra troppo, ed è da questo che nasce il mio scetticismo.[/FONT]

[FONT=&]Chi parla dell’immortalità del corpo, nell’allegato, non è Nader bensì [/FONT][FONT=&]Robert Keit Wallace . A dire la verità di immortalità ne ha parlalo anche un altro fisico , Tipler ,docente di fisica matematica alla Tulane University in un ponderoso libro (510 pag.) “la fisica dell’immortalità “ pieno zeppo di formule matematiche . Inoltre Tipler parla in termini matematici e convincenti della non località .[/FONT]
[FONT=&]Solo per curiosità e lasciando stare la fisica, sappiamo comunque che siamo in grado di ricreare la pelle in laboratorio, senza contare la clonazione che ha aperto dei problemi etici . Stanno pensando di ricreare la clonazione di un mammut, i cui resti sono stati ritrovati integri in un ghiacciaio, ottenendo così un corpo esattamente uguale a quello originario ....ma questo non ha importanza in questo contesto ed il dubbio è sempre d’obbligo .[/FONT]
[FONT=&]
[/FONT]

[FONT=&] Lascerei da parte le "dimostrazioni scientifiche dell'astrologia", però tu hai parlato di riscontri, aggiungendo un "a quanto pare", per cui esprimi anche un dubbio,
ma dove sono questi riscontri?[/FONT]

[FONT=&]I riscontri sono contenuti ,salvo le opportune verifiche , nel libro che ti invito a leggere e così potrai fare le tue osservazioni all’autore e non a me . Questi riscontri sono così sparsi nel libro ,che parla della fisiologia umana, che è molto difficile ed oneroso in termini di tempo raggrupparli relativamente ad un singolo contesto (lo Jyotish) . [/FONT]
[FONT=&]Il libro di [/FONT][FONT=&] Tony Nader MD, Ph.D. 250 pagine, 89 illustrazioni mediche Full-108 $ colore compreso di spedizione lo puoi ordinare tramite un'e-mail a: [/FONT]
[FONT=&]books@vedic-health.com~~HEAD=NNS[/FONT]
[FONT=&]
[/FONT]

[FONT=&]Forse per te è sufficiente sapere che il dr.Nader dica di averli trovati, ma per me non è cosi'.[/FONT]

[FONT=&]E’ giusto ed è per questo che ti ho detto di leggere il libro .

[/FONT]

[FONT=&] Io non sono un esperto di astrologia medica, e credo che non spetti all'astrologo curare le persone.[/FONT]

[FONT=&]Ed hai ragione , infatti non è l’astrologo ( che può indicare dei rimedi per talune configurazioni astrologiche) che deve curare, ma il medico ayurvedico che tiene conto ,oltre che degli aspetti astrologici, anche , dei dosha Pitta Vata e Kapha (non mi dilungo per non andare fuori tema ) Come per l’agopuntura, derisa in campo scientifico fino a pochi decenni fa e per la quale ora è necessario l’intervento di un medico , allo stesso modo chi professa l’ayurveda deve essere laureto in questa specialità.

[/FONT]

[FONT=&] Quello che mi ha irritato, non è quindi la sostanza di quello che afferma il dr.Nader, perché a quanto sembra la pensiamo allo stesso modo,
ossia riteniamo che gli astri influiscano sul corpo umano, ma il fatto che il tuo modo di presentarlo faceva intendere, che dobbiamo credergli per il solo fatto che è laureato, e che ha lavorato in un ospedale.[/FONT]

[FONT=&] Credo di aver posto rimedio alla tua irritazione (che capisco) con quanto sopra ho detto di questo personaggio e mi scuso per averla creata .

[/FONT]

[FONT=&] Non credo in particolare alla corrispondenza tra le stelle vediche ed il corpo umano, e sarebbe interessante sapere come abbia fatto a giungere a queste conclusioni,
ma questo purtroppo non è dato sapere, perché il dr.Nader non spiega queste cose nel libro che hai letto tu. [/FONT]

[FONT=&]La lettura del libro potrebbe chiarire quanto ti interessa . [/FONT]
[FONT=&]
[/FONT]

[FONT=&] Bada bene che non sto attaccando l'astrologia vedica, ma un modo di fare che è anche molto comune agli astrologi occidentali.
Ci sono ad esempio degli astrologi che citano spesso l'astrofisica Giuliana Conforto perché lei crede nell'astrologia.
Il fatto che questa signora sia laureata in una materia scientifica, e che creda nell'astrologia, non rende l'astrologia più credibile.
Quando lei parla di astrologia, non lo fa come scienziata, non parla di astrologia in termini scientifici, e non mostra delle prove che altri potrebbero confermare o smentire. Lei espone una sua visione delle cose, dicendo delle cose analoghe alle cose da te riportate. La signora Conforto è naturalmente liberissima di pensarla come vuole, ma non si dovrebbe fare l'errore di credere che siccome a dire queste cose sia una laureata, allora le cose che dice hanno una valenza scientifica.[/FONT]

[FONT=&]

Ciò è dovuto al fatto che la Conforto abbia una reputazione scientifica da difendere , tanto più che dice cose analoghe a quelle riportate da me.

[/FONT]

[FONT=&] Non ci si può nemmeno appellare al principio di autorità, perché per ogni Giuliana Conforto che crede nell'astrologia, ci sono mille scienziati che non ci credono, e allora perché credere alla sua autorevolezza e non credere a quella dei mille scienziati che non credono nell'astrologia?[/FONT]

[FONT=&]Molti scienziati non credono nella astrologia ,ma ce ne sono altri che ci credono , almeno neì principi generali. Ovviamente non lo dicono per difendere la loro reputazione . [/FONT]
[FONT=&]Gli scienziati , specie i fisici ,si trovano molte volte in difficoltà per taluni aspetti paradossali della fisica subatomica : tanto per fare un esempio della starna capacità del fotone di “prevedere” con quale strumento esse viene individuato o come particella o come onda. Per tale ragione si interessano alla scienza vedica e/o la filosofia orientale per avere un aiuto per ampliare la loro comprensione .Taluni lo dicono ,altri no .[/FONT]
[FONT=&]Questo è il mio ultimo intervento in questo argomento e spero di essere stato sufficientemente chiaro chiaro…a parte i miei limiti.[/FONT]

#85 Unoqualunque

Unoqualunque

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2033 messaggi

Inviato 31 luglio 2012 - 06:09

Gli scienziati indiani non fanno studi sulla religione. Bose ne è un esempio . Egli ,come saprai sicuramente, ha dimostrato che le particelle possono avere un diverso comportamento (mi riferisco ai bosoni e fermioni) . Gli studi di Bose sono serviti per la ricerca del Bosone di Higgs . Sono certo che sai che la parola Bosone è usata in fisica quale riconoscimeto a questo scienziato indiano.

Penso di spostare su un altro forum questa intressante discussione poichè sicuramete si andrà a finire fuori tema, cioè quello trattato da questo forum , anche perchè non mi interessa difendere l'astrologia della quale ne studio i principi in un contesto più ampio che forse non ti potrà piacere ma che però è seguito da miloni di persone .


Io non ho detto che gli scienziati indiani fanno solo studi sulla religione... ho detto semplicemente che ci sono molti studi provenienti dall'India riguardo l'induismo... Non mi permetterei mai di dire il contrario, ci sono dei veri e propri geni dall'altra parte del pianeta i quali vengono tenuti in considerazione da ogni parte del mondo.


[FONT=&]No, no mi fido sulla parola ma sulla attendibilità di Tony Nader ( è stato comunquemenzionato nel Journal of the American Medical Association . Nader è un libanese, neuro-scienziato, ricercatore e rettore dell'Università e dei fisici che hanno parlato di lui , quali Hangelin che è un fisico teorico statunitense specializzato nella teoria delle superstringhe. e Robert Keit Wallace ricercatore dell’università di Harvard . Il suo lavoro , descritto nel suo libro è stato premiato (non scherzo ) con il suo peso in oro . Ciò nonostante esprimo dei dubbi fino a quando non avrò fatto le mie verifiche .

[/FONT]
Oltre ai libri ci sono delle pubblicazioni scientifiche? (studi, analisi, ricerche...?)[FONT=&]
[/FONT]

[FONT=&][/FONT]

[FONT=&]I riscontri sono contenuti ,salvo le opportune verifiche , nel libro che ti invito a leggere e così potrai fare le tue osservazioni all’autore e non a me . Questi riscontri sono così sparsi nel libro ,che parla della fisiologia umana, che è molto difficile ed oneroso in termini di tempo raggrupparli relativamente ad un singolo contesto (lo Jyotish) . [/FONT]
[FONT=&]Il libro di [/FONT][FONT=&] Tony Nader MD, Ph.D. 250 pagine, 89 illustrazioni mediche Full-108 $ colore compreso di spedizione lo puoi ordinare tramite un'e-mail a: [/FONT]
[FONT=&]books@vedic-health.com~~HEAD=NNS[/FONT]


Penso che prima di scrivere un libro abbia condiviso le sue idee e le tue teorie con il mondo accademico. Di conseguenza, se le sue credenziali sono così ammirevoli, dove sono le sue pubblicazioni scientifiche su questo argomento?
[FONT=&][/FONT]
[FONT=&]Ed hai ragione , infatti non è l’astrologo ( che può indicare dei rimedi per talune configurazioni astrologiche) che deve curare, ma il medico ayurvedico che tiene conto ,oltre che degli aspetti astrologici, anche , dei dosha Pitta Vata e Kapha (non mi dilungo per non andare fuori tema ) Come per l’agopuntura, derisa in campo scientifico fino a pochi decenni fa e per la quale ora è necessario l’intervento di un medico , allo stesso modo chi professa l’ayurveda deve essere laureto in questa specialità.


[/FONT]
[FONT=&]

Ciò è dovuto al fatto che la Conforto abbia una reputazione scientifica da difendere , tanto più che dice cose analoghe a quelle riportate da me.[/FONT]


A che serve la reputazione scientifica se non porti nessuna scoperta importante? Ogni grande scienziato che credeva di essere nel giusto ha lottato contro gli altri colleghi con un arma infallibile: il proprio lavoro. Se uno scienziato crede realmente di aver ragione su una teoria allora l'unica cosa che può fare è dimostrarlo scientificamente. Se realmente questo scienziato ha trovato tali coincidenze con l'astrologia allora che problema c'è? Ci sono le prove... che aspetta ad esporle davanti al resto del mondo? O semplicemente vuole vendere libri e fare soldi?

[FONT=&]Molti scienziati non credono nella astrologia ,ma ce ne sono altri che ci credono , almeno neì principi generali. Ovviamente non lo dicono per difendere la loro reputazione .


[/FONT]
Fermo... Fermo... Mi dici il nome di un fisico delle particelle che crede nell'astrologia? Mi dici il nome di un fisico di qualunque tipo che si è dato alle discipline orientali o semplicemente alla filosofia per cercare di spiegare particolarità delle particelle subatomiche?

[FONT=&]Gli scienziati , specie i fisici ,si trovano molte volte in difficoltà per taluni aspetti paradossali della fisica subatomica : tanto per fare un esempio della starna capacità del fotone di “prevedere” con quale strumento esse viene individuato o come particella o come onda. Per tale ragione si interessano alla scienza vedica e/o la filosofia orientale per avere un aiuto per ampliare la loro comprensione .Taluni lo dicono ,altri no.[/FONT]
[FONT=&]Questo è il mio ultimo intervento in questo argomento e spero di essere stato sufficientemente chiaro chiaro…a parte i miei limiti.[/FONT]


E' solito sentir dire "su ciò che non si conosce bisogna tacere" ma in questo caso voglio essere buono.

Il fotone non "prevede". L'osservazione dei corpi microscopici non è come quella dei corpi macroscopici. Tu di una tavola di legno percepisci la luce che la colpisce e che si disperde in ogni direzione. Questa osservazione non cambia nulla della tavola. Sia mentre la guardi che mentre non la guardi la tavola se non viene toccata rimane lì. Dunque l'osservazione non influisce sull'oggetto. Per quanto riguarda i corpi microscopici non è così. Non puoi usare un microscopio ottico (che sfrutta la luce) per osservare l'ingrandimento di un atomo. Anche l'atomo più grande non sarebbe visibile. Ogni strumento per osservare corpi così piccoli delle produrre una "variazione". Da piccolo forse ti raccontavano che per vedere un elettrone esso viene "bombardato" (almeno a me hanno raccontato così alle scuole medie). Gli strumenti che utilizziamo per osservare questi corpi sono invasivi. Una volta che hai misurato la posizione o la velocità di un corpo di queste grandezze tu non sai ne in che posizione è andato e ne a che velocità (o meglio, puoi condurre un'analisi per sapere o uno o l'altro ma non entrambe le cose). Mi rendo conto a questo punto che già è difficile seguire e che molto probabilmente sto scrivendo a vuoto. Ciò che voglio farti capire è che non è colpa del fotone. Il fotone non si rende conto di essere osservato, non si mette in posa, è una questione di osservazione la quale non può essere che invasiva per corpi così piccoli.

ps. non farti insegnare fisica da Youtube... ci sono tante cavolate in giro...
Poteri paranormali? Capacità di interpellare spiriti, demoni e dei?
Se li hai perché non provarli?
Fai questo test: http://forum.cosenas...revedibile.html

#86 pier

pier

    Utente Senior

  • Utenti
  • 316 messaggi

Inviato 31 luglio 2012 - 07:02

ps. non farti insegnare fisica da Youtube... ci sono tante cavolate in giro...

Questa è pura malafede .
In poche parole hai messo in discussione la serietà dei miei interventi ed in particolare la fonte dai quali li ho tratti .
Avevo preparato con cura la risposta ad altre tue domande …………… ma con il tuo Ps è ovvio che non se ne fa più niente
La cosa che mi dispiace di più e che mi hai costretto a risponderti , anche se avevo detto che il mio era l’ultimo intervento .

#87 Unoqualunque

Unoqualunque

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2033 messaggi

Inviato 31 luglio 2012 - 07:27

Questa è pura malafede .
In poche parole hai messo in discussione la serietà dei miei interventi ed in particolare la fonte dai quali li ho tratti .
Avevo preparato con cura la risposta ad altre tue domande …………… ma con il tuo Ps è ovvio che non se ne fa più niente
La cosa che mi dispiace di più e che mi hai costretto a risponderti , anche se avevo detto che il mio era l’ultimo intervento .


L'ho messa in discussione poiché ho trovato coincidenze tra le tue conoscenze sulla fisica quantistica e alcuni pseudodocumentari sulla fisica che si trovano tranquillamente su youtube. Dubito fortemente che i tuoi studi sulla questione sono di tipo accademico... o sbaglio? Non credo sia malafede questa...
Poteri paranormali? Capacità di interpellare spiriti, demoni e dei?
Se li hai perché non provarli?
Fai questo test: http://forum.cosenas...revedibile.html

#88 pier

pier

    Utente Senior

  • Utenti
  • 316 messaggi

Inviato 01 agosto 2012 - 07:36

L'ho messa in discussione poiché ho trovato coincidenze tra le tue conoscenze sulla fisica quantistica e alcuni pseudodocumentari sulla fisica che si trovano tranquillamente su youtube. Dubito fortemente che i tuoi studi sulla questione sono di tipo accademico... o sbaglio? Non credo sia malafede questa...

Ripeto che la tua è pura malafede . Leggiti i vari testi scientifici e quanto scritto anche su Scienze in questi anni . Non chiedermi quali, perchè sarebbero troppi . I miei intervenenti sono tratti molto spesso da pubblicazioni di un fisico Italiano, Coppola , il quale ha partecipato alla costruzione di un supercomputer finalizzato ai calcoli di cromodinamica quantistica e teorie di gauge . In una di queste pubblicazioni "le scoperte della fisica quantistica" è spiegato in dettaglio quanto ho riportato nel mio intervento che hai pensato essere stato tratto da youtube. Lanciare delle accuse a vanvera è indice di poca serietà intellettuale . Ancora un' altra cosa , se non l'hai ancora capito non sono un astrologo, ma uno studioso del Veda (il quale parla anche dello Jyotish) e del rapporto fra questo e la scienza moderna , ovvero delle sconcertanti similitudini fra la fisica contemporanea e la filosofia indiana (esistono studi approfonditi a proposito) . Con questo il mio dialogo con te è finito ...per sempre.

#89 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 01 agosto 2012 - 09:39

Se è vero che l'astrologia funziona, ed io credo che funzioni, lo fa sulla base di qualche legge della fisica che al momento non è stata ancora capita.
Ben vengano quindi i tentativi che cercano di dare una spiegazione teorica all'astrologia. Però secondo me non ha senso proporre queste spiegazioni ad uno scettico, perché più che essere delle reali spiegazioni sono delle ipotesi di lavoro.

Tu consigli ad Unoqualunche di leggersi migliaia di pubblicazioni sull'argomento, ma tra tutte queste pubblicazioni ce n'è una sola che dimostri in modo inequivocabile il funzionamento dell'astrologia dal punto di vista della fisica?

Questa spiegazione non c'è, e quindi in pratica tu stai dicendo: "Un giorno, la fisica quantistica spiegherà il meccanismo che fa funzionare l'astrologia".

Come fai a convincere uno scettico con queste affermazioni?

Il giorno di cui parli non è ancora venuto, e non si sa se verrà mai.

Personalmente mi piacerebbe sapere come faccia l'astrologia a funzionare, ci sto riflettendo da anni, ma non ho trovato una risposta, e credo che non l'abbia ancora trovata nessun altro.

L'assenza di una spiegazione scientifica dell'astrologia, non mi impedisce di dormire la notte, perché ho capito una cosa fondamentale.

L'astrologia deve funzionare per forza, il come questo avvenga è un dettaglio, che si può anche fare a meno di conoscere.

Per me è sufficiente guardare questo video per rendermi conto della necessità dell'astrologia.

http://www.youtube.com/watch?v=3SE9wBB_W2U&feature=plcp



Il video mostra la nascita del nostro sistema solare avvenuta cinque miliardi di anni fa.

Gli atomi del mio corpo esistevano anche 5 miliardi di anni fa, ed erano sparpagliati da qualche parte nella nuvola di polvere che si vede nel filmato.

Prima di essere ciò che sono, sono stato parte di quella nuvola di polvere.

Io vivo sulla Terra ma provengo dallo spazio e sono una conseguenza di un processo che iniziato moltissimo tempo fa.

Secondo gli scettici noi non avremmo nulla a che fare con il sistema solare, perché saremmo in qualche modo indipendenti da esso.

Questo modo di pensare è semplicemente assurdo, perché sono i corpi del sistema solare che hanno permesso la nostra esistenza.

Il sistema solare è nostro padre, perché è da esso che siamo stati generati, e quindi gli somigliamo, cosi' come i figli assomigliano ai padri.

Il principio fondamentale dell'astrologia si basa appunto su questa somiglianza: "Come sopra cosi' sotto".

Non è mica una affermazione campata in aria, visto che il sopra è la causa del sotto.

Io non saprei spiegare nei dettagli come da un mondo caotico e disorganizzato che si vede nel filmato si sia passati al mondo attuale dove ci sono pure io.
Non so se la vita sia nata sulla Terra, o sia nata prima da un'altra parte come sostiene Pier, fatto sta che la vita ha attecchito su questo pianeta, e si è adattata alle condizioni che ha trovato.

Anche se trapiantiamo una pianta da un luogo ad un altro, provochiamo un cambiamento della pianta, perché essa risente delle caratteristi dell'ambiente in cui si trova.

Come potremmo noi uomini avere una natura indipendente dal mondo che ci ha generato?

Lo scetticismo nei confronti dell'astrologia è assolutamente irrazionale, le persone che si auto definiscono razionali, sono a ben vedere le persone
più irrazionali di tutti perché negano l'evidenza.

Spiegare come questo possa avvenire è un discorso lungo, le nostre convinzioni risentono dell'ambiente in cui viviamo. Se fossimo stati dei tedeschi della Germania nazista, avremmo creduto che sterminare gli ebrei dalla faccia della terra, fosse una buona idea. La cultura dominante della nostra epoca ci spinge a non credere nell'astrologia e a ritenerla una superstizione. Ma questo non è altro che un fenomeno di suggestione collettiva. E' difficile pensare con la propria testa, se prendi un individuo e lo metti in un gruppo dove tutti sono convinti di una certa cosa, non importa quanto questa cosa sia assurda, quest'individuo finirà con il condividere il pensiero del gruppo in cui si trova.

Ultimamente ho letto un articolo che spiegava come nella ex Unione Sovietica per anni nessun astrofisico ha pubblicato libri di cosmologia.
La teoria del Big Bang per anni non è stata accettata in Russia, perché apparentemente sembrava una teoria in contrasto con l'ideologia materialista.
L'idea che l'universo sia stato generato dal nulla, non veniva accettata, perché veniva vista come una teoria a favore della religione.
In realtà non è cosi', perché la maggior parte degli astrofisici, credono che l'universo sia nato dal nulla 13 miliardi di anni fa, ma non si pronunciano su cosa abbia reso possibile questa nascita, non dicono che sia stato Dio a crearlo.

Anche gli scienziati sono influenzati dal mondo in cui vivono, gli scienziati della ex Unione Sovietica, per qualche decennio hanno preferito disinteressarsi della cosmologia e non pubblicare nulla sull'argomento, per evitare di finire vittime di un ostracismo.

Queste cose non capitavano soltanto nella ex Unione Sovietica, capitano dappertutto.

L'uomo moderno ha imparato a dominare la natura, non siamo più soggetti alle sue leggi come lo eravamo un tempo.
Le nostre case sono fornite di elettricità e non dobbiamo preoccuparci se fuori fa freddo, perché possiamo accendere il riscaldamento, cosi' come possiamo accendere il climatizzatore se fa troppo caldo. Questi indubbi successi della tecnologia, ci portano a credere di poter dominare la natura, e ci estraniano da essa, fino al punto di credere di non esserne parte.

La gente non è più disposta a credere agli influssi del Sole, perché di notte possiamo sempre accendere la luce, per cui in noi si è radicata la convinzione che possiamo anche fregarcene della posizione del Sole.

Fin qui ho parlato di quello che è il principio fondamentale dell'astrologia, ossia della relazione che ci lega al nostro mondo,
però ovviamente non ci si può limitare a questo, ed è anche necessario spiegare come questa relazione si concretizzi.

Gli astrologi hanno delle idee contrastanti tra loro, ad esempio ci sono quelli che dicono che una persona è del Leone se è nata quando il Sole transitava davanti alla costellazione del Leone, mentre altri sostengono che una persona è del Leone se è nata quando il Sole si trovava nel segno del Leone.

Qualcuno evidentemente sbaglia, e sarebbe compito degli astrologi stabilire chi ha ragione, però gli astrologi non sembrano troppo propensi a farlo.

#90 pier

pier

    Utente Senior

  • Utenti
  • 316 messaggi

Inviato 01 agosto 2012 - 11:44

Per astro

Come studioso del rapporto fra il Veda e la scienza moderna, ma non come astrologo (non ho mai detto di esserlo) concordo con quanto hai scritto.
Sempre come studioso riporto, a fondo pagina, un brano del libro del fisico Italiano Coppola (del quale ho già parlato) il quale si riferisce anche al dott. Chopra, un medico Endocrinologo indiano che si è formato e pratica negli Stati Uniti. La sua metodologia unisce le più avanzate scoperte scientifiche nel campo della fisica quantistica e della Psico-Neuro-Immunologia con le millenarie tecniche e conoscenze della medicina Ayurvedica indiana.
La scienza sta ottenendo sempre maggiori successi nel “campo unificato”. Quando ci sarà la verifica finale, e solo allora, gli scienziati potranno parlare liberamente del rapporto fra noi e gli astri ( cosa che gli astrologi fanno da migliaia di anni )
Ti prego di non pormi altre domande alle quali dovrei rispondere. Per me il mio intervento su questo argomento è terminato.
Ovviamente ti comunicherò, magari a mezzo PM , le novità nel campo della ricerca scientifica che possono interessarti e che ti stanno a cuore.

Allega File(s)

  • Allega File  chopra.jpg   0bytes   3 Numero di downloads


#91 solaria

solaria

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 250 messaggi

Inviato 01 agosto 2012 - 03:13

L'assenza di una spiegazione scientifica dell'astrologia, non mi impedisce di dormire la notte...

Anche perchè quante cose scientificamente dimostrate sono state poi scientificamente smentite? La scienza non è perfetta, per il solo fatto che è l'uomo che la fa , e l'uomo è imperfetto. Il fatto che l'uomo non abbia scoperto determinate cose non significa che esse non esistano, semplicemente che non le ha scoperte.

E' difficile pensare con la propria testa, se prendi un individuo e lo metti in un gruppo dove tutti sono convinti di una certa cosa, non importa quanto questa cosa sia assurda, quest'individuo finirà con il condividere il pensiero del gruppo in cui si trova.

Pensiamo a quanto tempo si è creduto alla teoria geocentrica...solo che in quei secoli non si pensava che fosse assurda, sembrava l'unica spiegazione possibile. E' però stata l'ignoranza , nel vero senso della parola, cioè di non sapere ciò che è, che l'ha fatta assurgere a teoria degna di essere condivisa.Poi fortunatamente, grazie all'intelletto e al coraggio di alcuni, la Scienza è andata avanti. Per me la Scienza ha questo ruolo: scoprire ciò che già c'è, come un sistema solare dove è la Terra che gira intorno al Sole e non viceversa, ma questo è qualcosa di verificabile, qualcosa che chiunque può constatare. L'Astrologia è fatta di forze, di energie, ci credo fortemente, ci ho sempre creduto, ma mi rendo conto che scientificamente non è dimostrabile, non si tratta di dimostrare che il tale farmaco ha sconfitto la tale malattia, o che il tale vaccino evita che l'organismo contragga il tale morbo. Solo che anche a me non importa che venga scientificamente dimostrata l'utilità dell' Astrologia, anche perchè per me non cambierebbe nulla.

Anche gli scienziati sono influenzati dal mondo in cui vivono, gli scienziati della ex Unione Sovietica, per qualche decennio hanno preferito disinteressarsi della cosmologia e non pubblicare nulla sull'argomento, per evitare di finire vittime di un ostracismo.

Però qui non si tratta della difficoltà di pensare con la propria testa, quanto piuttosto dell'opportunità o meno di esprimere ciò che si pensa, cercando delle tesi a supporto del proprio pensiero. E' una rinuncia volontaria e comprensibile in certi ambienti, fortunatamente , però, almeno la libertà quantomeno di pensare non potrà mai essere tolta a nessuno.
Comunque ti ringrazio Astro per il tuo intervento, hai espresso con semplicità e incisività illuminanti le ragioni di chi, come te, crede nell'Astrologia, sottolineando il legame che l'uomo ha con la natura e che è alla base di tutto.
Solaria

"Sei felice?"  "Faccio il possibile per esserlo"

B. Bardot


#92 Unoqualunque

Unoqualunque

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2033 messaggi

Inviato 01 agosto 2012 - 06:53

Ripeto che la tua è pura malafede . Leggiti i vari testi scientifici e quanto scritto anche su Scienze in questi anni . Non chiedermi quali, perchè sarebbero troppi . I miei intervenenti sono tratti molto spesso da pubblicazioni di un fisico Italiano, Coppola , il quale ha partecipato alla costruzione di un supercomputer finalizzato ai calcoli di cromodinamica quantistica e teorie di gauge . In una di queste pubblicazioni "le scoperte della fisica quantistica" è spiegato in dettaglio quanto ho riportato nel mio intervento che hai pensato essere stato tratto da youtube. Lanciare delle accuse a vanvera è indice di poca serietà intellettuale . Ancora un' altra cosa , se non l'hai ancora capito non sono un astrologo, ma uno studioso del Veda (il quale parla anche dello Jyotish) e del rapporto fra questo e la scienza moderna , ovvero delle sconcertanti similitudini fra la fisica contemporanea e la filosofia indiana (esistono studi approfonditi a proposito) . Con questo il mio dialogo con te è finito ...per sempre.


Dimmi che non parli di Fabrizio Coppola... :)

In caso contrario si spiegherebbero moltissime cose.

ps. se le tue conoscenze di fisica quantistiche sono adeguate come mai non sapevi qualcosa di così basilare come la non-località? Cioè hai dato una definizione completamente errata che io stesso ho corretto ma comunque dimostra che la fisica non è stato argomento dei tuoi studi.
Poteri paranormali? Capacità di interpellare spiriti, demoni e dei?
Se li hai perché non provarli?
Fai questo test: http://forum.cosenas...revedibile.html

#93 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 02 agosto 2012 - 09:44

@ Solaria, grazie per i complimenti. :)

Per spiegazione scientifica dell'astrologia si possono intendere cose diverse. Nel post precedente con spiegazione scientifica dell'astrologia,
intendevo la spiegazione del meccanismo che fa si che esistano queste correlazioni tra le posizioni dei pianeti alla nascita e le caratteristiche e comportamento delle persone. In altre parole, la spiegazione di come fanno i pianeti a "comunicare" con noi. Dipenderà dalla forza di gravità, dal magnetismo dei pianeti?
Non lo sappiamo, finora non c'è nessuno che abbia fornito una spiegazione valida in questi termini.

Non posso sapere se un giorno una spiegazione di questo tipo verrà trovata, però scommetterei che non sarà trovata.
La storia è piena di previsioni di questo tipo che poi sono state smentite, per cui potrei sbagliarmi anch'io, però la mia idea è che l'astrologia funziona in un modo molto "strano" e diverso da come funzionano tutte le altre cose, per cui sarà molto difficile riuscire a capire come realmente funzioni.

Credo che nel meccanismo dell'astrologia sia coinvolto il magnetismo terrestre, ossia che i pianeti riescano in qualche modo ad interagire con esso, e che il magnetismo terrestre a sua volta agisca su di noi.

Tu sai che le orbite dei pianeti giacciono più o meno sullo stesso piano, che viene chiamato piano dell'eclittica.
Questo è dovuto alla formazione del sistema solare mostrata nel video che avevo postato. La polvere che ha finito per formare il Sole ed i pianeti, ha prima formato un disco appiattito, e poi da questo disco, la materia si è concentrata in alcuni punti, formando i pianeti.

L'asse di rotazione terrestre è inclinato rispetto al piano dell'eclittica, per cui i pianeti che si muovono sull'eclittica, appaiono più o meno lontani dall'equatore celeste a secondo del segno in cui si trovano. Il Sole o un qualsiasi pianeta, entra nel segno del Cancro, quando si trova nella direzione in cui punta il nord dell'asse terreste, ed entra invece in Capricorno quando si trova nella direzione opposta.

Se il nostro punto di riferimento fosse l'equatore celeste, un Sole in Cancro dovrebbe essere equivalente ad un Sole in Capricorno, perché la loro distanza dall'equatore celeste è la stessa, però sappiamo che in astrologia non è cosi'. Quando il Sole è in Cancro, tra il 20 giugno e il 20 luglio, nascono bambini con le caratteristiche di questo segno, sia se nascono nell'emisfero nord sia se nascono nell'emisfero sud, anche se in un emisfero inizia l'estate e nell'altro inizia l'inverno.

Per cui il punto di riferimento non è l'equatore celeste, ma uno dei poli. Il Sole entra in Cancro, quando si trova alla distanza minima dal polo nord (celeste), ed entra in Capricorno quando si trova alla distanza massima dallo stesso polo.

Anche se geometricamente i due poli sarebbero intercambiabili, l'astrologia ci dice che non è cosi', perché i bambini nati tra il 20 giugno e il 20 luglio nell'emisfero sud, hanno le caratteristiche dei bambini Cancro e non quelle dei bambini Capricorno.

I poli anche se geometricamente sarebbero intercambiabili non lo sono dal punto di vista fisica, perché uno è il polo positivo e l'altro è il polo negativo.
Gli aghi delle bussole indicano sempre il polo nord magnetico, indipendentemente dal punto della Terra in cui ci si trova.

Il fatto che un polo sia positivo e l'altro negativo, è una differenza fondamentale, ed è per questo che credo che il magnetismo terrestre c'entri sicuramente qualcosa con il meccanismo che fa funzionare l'astrologia.

Ogni tanto i poli magnetici della Terra si invertono, e quando questo accade bisognerebbe riformare l'astrologia.
Dopo che sarà avvenuta la prossima inversione dei poli magnetici, i bambini nati tra il 20 giugno e il 20 luglio, non dovrebbero mostrare più le caratteristiche del Cancro ma quelle del Capricorno.

Una spiegazione scientifica del meccanismo dell'astrologia dovrebbe essere trovata dai fisici, mentre agli astrologi spetterebbe il compito di dimostrare che l'astrologia funziona.

Purtroppo la maggior parte degli astrologi non si preoccupa affatto di dimostrare che l'astrologia funzioni, ed è questo il motivo per cui esistono astrologie diverse e tecniche diverse. Non tutte le astrologie e le tecniche sono corrette, e bisognerebbe trovare il modo di separare ciò che lo è da ciò che non lo è.

L'astrologia è una materia di studio come un'altra, ciò che fa di lei una pseudo scienza è il modo con cui viene studiata, ad esempio non è corretto pensare che l'aspetto di semiquadrato e sesquiquadrato siano inesistenti, perché l'ha detto la Morpurgo, ma bisognerebbe trovare il modo di verificare se questo è vero con una statistica.

Credo però che sia inevitabile che alla vera astrologia si affianchino anche delle false astrologie.
L'esigenza di avere dei falsi oroscopi è altrettanto importante di quella di avere dei veri oroscopi.

L'astrologia si occupa di noi stessi. Vogliamo vederci come realmente siamo e sapere cosa ci accadrà,
oppure vogliamo vederci in un certo modo ed immaginare un certo futuro?

La cosa non è chiara, perché a volte le menzogne sono più utili della verità.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi