Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Citazioni letterarie


  • Per cortesia connettiti per rispondere
792 risposte a questa discussione

#721 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 440 messaggi

Inviato 05 agosto 2019 - 01:42

„C'è abbastanza perfidia, odio, violenza, assurdità nell'essere umano medio per rifornire qualsiasi esercito in qualsiasi giorno E i migliori assassini sono quelli che predicano la vita E i migliori a odiare sono quelli che predicano l'amore E i migliori in guerra - in definitiva - sono quelli che predicano la pace Quelli che predicano Dio hanno bisogno di Dio Quelli che predicano la pace non hanno pace Quelli che predicano amore non hanno amore Attenti ai predicatori Attenti ai sapienti Attenti a quelli che leggono sempre libri Attenti a quelli che o detestano la povertà o ne sono orgogliosi Attenti a quelli che sono sempre pronti ad elogiare poiché hanno loro bisogno di elogi in cambio Attenti a quelli pronti a censurare: hanno paura di quello che non sanno Attenti a quelli che cercano continuamente la folla: da soli non sono nessuno Attenti agli uomini comuni alle donne comuni Attenti al loro amore Il loro è un amore comune che mira alla mediocrità Ma c'è il genio nel loro odio C'è abbastanza genio nel loro odio per ucciderti Per uccidere chiunque Non volendo la solitudine Non concependo la solitudine Cercheranno di distruggere tutto ciò che si differenzia da loro stessi Non essendo capaci di creare arte non capiranno l'arte Come creatori, considereranno il loro fallimento solo come un fallimento del mondo intero Non essendo in grado di amare pienamente considereranno il tuo amore incompleto E poi odieranno te E il loro odio sarà perfetto Come un diamante splendente Come un coltello Come una montagna Come una tigre Come cicuta La loro arte più raffinata“

Bukowski
  • TheButterflyEffect, Frèyja, Wish You Were Here e un altro piace questo

#722 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 05 agosto 2019 - 09:38

Sviluppare saggezza è un percorso.
Fai quello che in quel momento ritieni più giusto.
E se si rivela sbagliato, beh la domanda è:
riesci a far tesoro dell'errore per crescere?
O continui a ripetere lo stesso errore all'infinito?

 

(dal libro - "Il Budda, Geoff e io" - E.C. Dumas)


 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#723 GufoOscuro

GufoOscuro

    Utente cagacazzo

  • Utenti
  • 1379 messaggi

Inviato 06 agosto 2019 - 12:24

Ancora sedicenne, li osservavo con cupa meraviglia; già allora mi stupivano la grettezza del loro pensiero, la stupidità delle occupazioni, dei giochi, dei discorsi loro. Non capivano certe cose così indispensabili, non s'interessavano di argomenti così suggestivi e impressionanti che per forza presi a considerarli inferiori a me. Non era la vanità offesa che mi ci spingeva, e, per amor di Dio, non venitemi avanti con le obiezioni convenzionali, rancide fino alla nausea, che io non facevo che sognare, mentre essi già allora capivano la vita reale. Nulla essi capivano, nessuna vita reale, e vi giuro che questo, appunto, era ciò che più m'indignava in loro. Al contrario, la realtà più evidente, più abbagliante la percepivano in modo fantasticamente sciocco e già allora si abituavano ad inchinarsi nient'altro che al successo. Tutto ciò che era giusto, ma umile e avvilito, di quello ridevano crudelmente e vergognosamente. Il grado lo prendevano per intelletto; a sedici anni già parlavano di posticini al caldo.

Fëdor Michajlovič Dostoevskij - Memorie dal sottosuolo
  • Frèyja, Wish You Were Here e Tamayaf piace questo

#724 TheButterflyEffect

TheButterflyEffect

    INGUARIBILE OTTIMISTA

  • Utenti
  • 3666 messaggi

Inviato 08 agosto 2019 - 08:08

Tre cose tengono l’animo quieto e tranquillo:

 

lasciare alle spalle quel che non ci appartiene,

non profanarsi nelle cose inutili,

non prendersi travaglio delle cose che dovranno avvenire

e né tanto meno di quelle già passate

 

(Aristippo – citazioni I sentieri della filosofia)


diciottesima mascherina

"C'è chi ti illumina col proprio colore e chi nel panico pone l'ardore, quel che dice all'uno "Sepoltura"

all'altro suggerisce "Gioia imperitura!" In un battito d'ali la pelle sfiora, e assapora, le parole sgargianti

che sono miele per gli astanti, non ubriacatevi tutti quanti, o la sorte vi coglierà in guanti bianchi!"

 

 


#725 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 09 agosto 2019 - 12:39

“Al giorno d’oggi la gente conosce il prezzo di tutto e il valore di niente”

(Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde)

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#726 TheButterflyEffect

TheButterflyEffect

    INGUARIBILE OTTIMISTA

  • Utenti
  • 3666 messaggi

Inviato 12 agosto 2019 - 11:06

“Non c'è luce senza ombre e non c'è pienezza psichica senza imperfezioni.

La vita  richiede per la sua realizzazione non la perfezione ma la pienezza.

Senza l'imperfezione  non c'è né progresso né crescita.” 

 

(dal libro  Io e l'inconscio - Carl Gustav Jung) 


  • florinda piace questo

diciottesima mascherina

"C'è chi ti illumina col proprio colore e chi nel panico pone l'ardore, quel che dice all'uno "Sepoltura"

all'altro suggerisce "Gioia imperitura!" In un battito d'ali la pelle sfiora, e assapora, le parole sgargianti

che sono miele per gli astanti, non ubriacatevi tutti quanti, o la sorte vi coglierà in guanti bianchi!"

 

 


#727 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 14 agosto 2019 - 10:17

Il passato deve essere ricordato e poi dimenticato.
Lascialo andare.
Questo è valido per i traumi infantili e per i traumi subiti nelle vite passate.
Ma è valido anche per gli atteggiamenti, i fraintendimenti, i sistemi di credenze che si scontrano dentro di te e per tutti i vecchi pensieri.
Smetti di tornare sempre alle rimuginazioni, ai vecchi pensieri.
Non pensare più.
La meditazione e la visualizzazione ti insegnano ad abbandonare le elucubrazioni mentali,
ti aiuteranno a intraprendere il tuo viaggio a ritroso.
Avverrà la guarigione.
Comincerai così a sfruttare facoltà della tua mente in precedenza inutilizzate.
E riuscirai a vedere.
E capirai.
E crescerai in saggezza.
Allora sì che verrà la pace.

 

(dal libro - "Molte vite, un solo amore" - Brian Weiss)


  • florinda piace questo

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#728 TheButterflyEffect

TheButterflyEffect

    INGUARIBILE OTTIMISTA

  • Utenti
  • 3666 messaggi

Inviato 16 agosto 2019 - 09:11

La vita si fà reale quando la cogliamo nella sua irriducibile complessità,

con i giorni di calma e con i giorni di calamità.

Non si può aspettare che passino le tempeste per vivere, 

vivere non può aspettare....si và avanti ....a prescindere da tutto

e per la strada che ognuno sceglie

 

(da Il nascondiglio della gioia - R. Cheaib) 


  • florinda piace questo

diciottesima mascherina

"C'è chi ti illumina col proprio colore e chi nel panico pone l'ardore, quel che dice all'uno "Sepoltura"

all'altro suggerisce "Gioia imperitura!" In un battito d'ali la pelle sfiora, e assapora, le parole sgargianti

che sono miele per gli astanti, non ubriacatevi tutti quanti, o la sorte vi coglierà in guanti bianchi!"

 

 


#729 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 17 agosto 2019 - 08:20

Il tempo ti insegna a capire ciò che è stato davvero importante e ciò che non lo era.
Il tempo ti insegna un mucchio di cose.
 
(dal libro - "Vacanze in Villa" - M.Wickham)
 

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#730 TheButterflyEffect

TheButterflyEffect

    INGUARIBILE OTTIMISTA

  • Utenti
  • 3666 messaggi

Inviato 17 agosto 2019 - 03:51

A volte avere pace è meglio che avere ragione

 

(dal libro Massime zen) 


  • Notte piace questo

diciottesima mascherina

"C'è chi ti illumina col proprio colore e chi nel panico pone l'ardore, quel che dice all'uno "Sepoltura"

all'altro suggerisce "Gioia imperitura!" In un battito d'ali la pelle sfiora, e assapora, le parole sgargianti

che sono miele per gli astanti, non ubriacatevi tutti quanti, o la sorte vi coglierà in guanti bianchi!"

 

 


#731 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 18 agosto 2019 - 10:54

Eppure non era una donna in carne ed ossa ad attendermi, bensì un'ombra, fatta della stessa sostanza dei miei sogni.
Un ricordo.
Niente che si possa toccare o che dia calore: e di quale calore vuoi aver bisogno, vecchio essere dal cuore secco?

 

(Il Calore del sangue - Irene Nemirovsky)

 

 

 


 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#732 TheButterflyEffect

TheButterflyEffect

    INGUARIBILE OTTIMISTA

  • Utenti
  • 3666 messaggi

Inviato 24 agosto 2019 - 08:17

Non mi sono mai piaciuti gli uomini che si vantano numerando le proprie conquiste e le sbandierano ai quattro venti.

Sono proprio quegli uomini che fanno perdere quella viscerale importanza segreta.

Loro non ne possiedono la chiave.

Non possiedono la chiave dello scrigno che contiene il reale desiderio, quello che ti fa perdere la testa, che non ti lascia

pensare a nient'altro al mondo, che ti annienta le difese in ogni posto ti trovi, che vorresti spegnere con l'acqua fredda

se ti sorprende fuori luogo. Un numero non potrà mai sostituire l'unità irresistibile.

 

 

dal libro "La luna blu. Il percorso inverso dei sogni" di Massimo Bisotti


  • Notte piace questo

diciottesima mascherina

"C'è chi ti illumina col proprio colore e chi nel panico pone l'ardore, quel che dice all'uno "Sepoltura"

all'altro suggerisce "Gioia imperitura!" In un battito d'ali la pelle sfiora, e assapora, le parole sgargianti

che sono miele per gli astanti, non ubriacatevi tutti quanti, o la sorte vi coglierà in guanti bianchi!"

 

 


#733 Peter Pan

Peter Pan

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 8722 messaggi

Inviato 25 agosto 2019 - 11:48

Purtroppo sul web non sono riuscito a trovare la traduzione italiana, ma queste righe da "We, the drowned" di Carsten Jensen mi sono piaciute particolarmente:
---
We said goodbye to our mothers. They'd been around all our lives, but we'd never properly seen them. They'd been bent over washing tubs or cooking pots, their faces red and swollen from heat and steam, holding everything together while our fathers were away at sea, and nodding off every night on the kitchen chair, with a darning needle in hand. It was their endurance and exhaustion we knew, rather than them. And we never asked them for anything because we didn't want to bother them.
That was how we showed our love: with silence.
Their eyes were always red. In the morning, when they woke us up, it was from stove smoke. And in the evening, when they said good night to us, still dressed, it was from exhaustion. And sometimes it was from crying over someone who would never come home again. Ask us about the color of a mother's eyes, and we'd reply, "They're not brown. They aren't green. They're neither blue nor gray. They're red." That's what we'd say.
And now they've come down alongside the wharf to say goodbye. But between us, there's silence. Their eyes pierce us.
"Come back," their stare pleads. "Don't leave us."
But we won't be coming back. We want out. We want to get away. Our mother sticks a knife in our heart when we say goodbye on the wharf. And we stick a knife in hers when we go. And that's how we're connected: through the hurt we inflict on one another.


  • Notte piace questo

#734 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 26 agosto 2019 - 05:49

Divenire, crescere, indebolirsi, svanire.
Formazione, continuità, declino, disintegrazione.
La sola variabile è il lasso di tempo del ciclo che oscilla dai pochi millesimi di secondo della particella subatomica alla durata della vita di un essere umano, di un albero, di una montagna e così via, fino ai molti milioni di anni che formano il ciclo vitale di una stella dalla sua nascita fino al declino e alla morte.
Tutto nasce, cresce, invecchia e muore.

 

dal libro "Il buddista riluttante" di William Woollward

 

 

 


 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#735 GufoOscuro

GufoOscuro

    Utente cagacazzo

  • Utenti
  • 1379 messaggi

Inviato 29 agosto 2019 - 01:12


Ciao John,

Grazie per avermi scritto. Non credo faccia male, a volte, ricordare da dove si viene. Tu sai i posti da dove vengo io. Le persone che ne scrivono o ci fanno i film, non ne hanno idea. Chiamano quella vita “dalle 9 alle 5” ma quel tipo di lavoro non è mai dalle 9 di mattina alle 5 del pomeriggio.

Non hai la pausa pranzo in quei posti, perché gli altri dipendenti, temendo di perdere il lavoro, preferiscono non farla. E poi ci sono gli straordinari e i registri non sembrano mai dire davvero quanto tempo ti sei fermato in più. E se ti lamenti di tutto ciò, ci sarà un altro sfigato come te pronto a prendere il tuo posto.

Conosci il mio vecchio detto? “La schiavitù non è mai stata abolita, si è semplicemente estesa a tutti i colori della pelle”.

Ciò che mi fa male è vedere la decadenza costante di questa umanità che lotta per tenere lavori che non vuole ma ha troppa paura dell’alternativa. Le persone sono vuote. Sono semplicemente corpi pieni di paure, con menti obbedienti. Non hanno più colori negli occhi. Le loro voci diventano orrende. E così i loro corpi. I capelli, le unghie, le scarpe. Tutto diventa orrendo.

Da ragazzo non potevo credere che le persone scambiassero le loro vite per quelle condizioni. Da vecchio uomo che sono oggi, non riesco ancora a crederci.

In cambio di cosa accettano una vita del genere? Il sesso? La televisione? Un’automobile a rate? Avere dei figli? Figli che avranno la loro stessa misera vita?

Tanti anni fa, quando ero giovane e passavo da un lavoro all’altro, ero così ingenuo che a volte volevo conversare con i miei colleghi: “Hey, ma vi rendete conto che da un momento all’altro il capo può entrare qui dentro e mandarci tutti a casa?”

Loro mi guardavano. Per loro rappresentavo un pensiero che non volevano entrasse nella loro testa.

Ora nel mondo del lavoro ci sono licenziamenti di massa. Centinaia di migliaia di persone si ritrovano senza un lavoro e sono sconvolti.

“Ho dedicato a quel lavoro 35 anni della mia vita…”

“Non è giusto”

“Non so cosa fare”

La verità è che gli schiavi non vengono mai pagati abbastanza per potersi liberare. Vengono pagati il giusto per poter sopravvivere ed essere costretti ad andare a lavorare ogni giorno. Io vidi tutto questo. Perché gli altri non ci riescono? Immagino che per me la panchina del parco o il bancone del bar andassero già bene. Perché non finire subito lì? Perché aspettare che mi togliessero il lavoro?

È stato un sollievo enorme uscire da quel sistema di merda. E ora che sono qui, un cosiddetto scrittore professionista, dopo aver ceduto i primi cinquant’anni della mia vita, mi rendo conto con ancora più lucidità di quanto sia disgustoso.

Ricordo una volta, lavoravo in un’azienda di imballaggi. A un certo punto uno degli altri operai ebbe una crisi e disse ad alta voce: “Io non sarò mai libero!” Passò uno dei capi lì vicino (si chiamava Morrie) e fece una risata orribile, godendo del fatto che quell’uomo era intrappolato per tutta la sua vita.

Ho avuto la fortuna di scappare da quei posti e non importa quanto ci ho messo: mi ha donato una forma di gioia che ha il sapore del miracolo. Ora scrivo con una mente vecchia dentro un corpo vecchio, ben oltre quell’età in cui gli uomini pensano di poter ancora scrivere. Ma visto che ho iniziato così tardi, lo devo a me stesso: devo continuare.

E quando le parole diventeranno indistinguibili e avrò bisogno di qualcuno che mi aiuti per fare le scale e non riuscirò più a distinguere un uccellino da una clip in metallo, sono sicuro che comunque ricorderò bene come sono uscito dal massacro della vita in fabbrica per riuscire almeno a morire in modo generoso.

Non aver sprecato interamente la mia vita mi sembra un gran bel successo".


Charles Bukowski, 1988
  • TheButterflyEffect piace questo

#736 TheButterflyEffect

TheButterflyEffect

    INGUARIBILE OTTIMISTA

  • Utenti
  • 3666 messaggi

Inviato 30 agosto 2019 - 09:37

Io poi sono un maestro del parlar tacendo, tutta la mia vita l'ho trascorsa parlando in silenzio e sempre in silenzio sono passato, solo con me stesso, attraverso autentiche tragedie

(dal libro La mite di F. Dostoevskij)

diciottesima mascherina

"C'è chi ti illumina col proprio colore e chi nel panico pone l'ardore, quel che dice all'uno "Sepoltura"

all'altro suggerisce "Gioia imperitura!" In un battito d'ali la pelle sfiora, e assapora, le parole sgargianti

che sono miele per gli astanti, non ubriacatevi tutti quanti, o la sorte vi coglierà in guanti bianchi!"

 

 


#737 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 30 agosto 2019 - 06:34

Nella vita c'è un punto in cui non si può tornare indietro.
E poi c'è un punto, ma i casi sono molto più rari, in cui non è più possibile andare avanti.
Quando questo accade, che sia un bene o un male, l'unica cosa che possiamo fare è accettarlo in silenzio.
E' così che viviamo.

 

dal libro "Kafka sulla spiaggia" di Haruki Murakami

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#738 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5437 messaggi

Inviato 30 agosto 2019 - 08:30

Il bene, o Asclepio, non è in nessun'altra parte fuorché in Dio o, piuttosto, il Bene è sempre lo stesso Dio. Se è così, deve essere un'essenza immutabile, increata, presente dapertutto, avente in sé un'attività stabile perfetta, compiuta e inesauribile. L'unità è il principio di tutto il bene, è la sorgente di tutto. Quando dico << bene >> intendo ciò che è interamente e sempre buono. Ora questo bene perfetto non si trova che in Dio poiché non v'è nulla che a lui manchi e il desiderio non può renderlo cattivo; non v'è nulla che egli possa perdere e non può quindi affliggerlo la perdita; il dolore è una parte del male. Non v'è cosa più forte di lui e che possa vincerlo; non v'è cosa eguale a lui che possa nuocergli o inspirargli un desiderio. Nulla c'è che possa, disobbedendogli, eccitare la sua collera, e nulla di più saggio che egli possa invidiare. Essendo tutto ciò estraneo alla sua essenza, che colpa resterà a lui se non il solo bene? E siccome in questa essenza non c'è nulla di cattivo, il bene non può trovarsi in nessun altro. La diversità esiste in tutti gli esseri particolari, piccoli o grandi , ed anche tra il più grande e il più forte di tutti gli esseri viventi. Gli esseri generati sono pieni di passioni e la nascita stessa è una passione. Ora dove c'è passione non esiste il bene e là dove è il bene non c'è passione, allo stesso modo che il giorno non è la notte e la notte non è il giorno. Il bene non può dunque esistere nella creazione, ma soltanto nell'increato. E come tutte le cose partecipano della materia, così pure partecipano del bene: in questo senso il mondo è buono perché produce degli esseri possibili. Nell'uomo, quando si tratta del bene, si fa per comparazione col male; quaggiù tutto quello che non è cattivo, è buono, e il bene è una particella del male. Ma il bene non può essere interamente privo del male quaggiù; si altera per la mescolanza con esso, e allora cessa di essere il bene e diventa il male. Il bene esiste dunque in Dio soltanto, ossia Dio è il bene. Tra gli uomini, o Asclepio, il bene non esiste che di nome, ma non di fatto perché sarebbe impossibile. Il bene è incompatibile con un corpo materiale circondato d'ogni parte dal male, dal dolore, dai desideri , dagli errori, dalle false opinioni. Ma il peggio di tutto, o Asclepio, è che si ritenga quaggiù come bene ciascuno dei mali che bisognerebbe evitare..




Tat : Io ho dunque delle vendette in me?

Erm.: E non in piccolo numero , figlio mio ; esse sono terribili e numerose.

Tat : Ed io non le conosco?

Erm.: La prima è l'ignoranza, la seconda la tristezza, la terza l'intemperanza, la quarta la concupiscenza, la quinta l'ingiustizia, la sesta l'avarizia, la settima l'errore, l'ottava l'invidia, la nona la malizia, la decima la collera, l'undicesima la temerità, la dodicesima la malvagità. Sono dodici e ne hanno sotto di sé un gran numero ancora. Mediante la prigione dei sensi, esse sottomettono l'uomo interiore alla passione dei sensi. Essi s'allontanano a poco a poco da colui che Dio ha preso a pietà, ed ecco in che cosa consistono il modo e la ragione della rinascita. Ed ora, figlio mio , silenzio, e lode a Dio: la sua misericordia non ci abbandonerà. Rallègrati ora, figlio mio , purificato dalla potenza di Dio nell'articolazione della parola. La Gnosi è entrata in noi, e subito l'ignoranza è fuggita. La conoscenza della gioia ci giunge e, davanti a essa, figlio mio, la tristezza fuggirà verso quelli che possono ancora provarla. La potenza che io invoco, dopo la gioia, è la temperanza; o bella virtù! Sforziamoci di riceverla, figlio; il suo arrivo scaccia l'intemperanza. In quarto luogo invoco la continenza, la forza opposta alla concupiscenza. Questo grado, figlio mio , è il seggio della giustizia: vedi come essa ha cacciato , senza lotta, l'ingiustizia. Noi siamo fatti giusti, figlio mio ; l'ingiustizia è fuggita. Evoco la sesta potenza: la comunità che viene in noi per lottare contro l'avarizia. Quando questa è andata via, invoco la verità; l'errore fugge e la realtà appare. Vedi, figlio, la pienezza dei beni che segue l'apparizione della verità, poiché l'invidia s'allontana da noi, e, per mezzo della verità, il bene ci giunge con la vita e con la luce, e non resta più in noi alcuna vendetta delle tenebre, ma, vinte dall'impeto, si ritirano. Tu conosci, figlio mio, la via della rigenerazione. Quando la decade è completa, la nascita ideale è compiuta, la dodicesima vendetta è cacciata, e noi nasciamo alla contemplazione. Colui che ottiene dalla misericordia divina la nascita in Dio, è liberato dalle sensazioni corporee, riconosce gli elementi divini che lo compongono e gode d'una perfetta felicità.



Pimandro, Corpus Hermeticum
(Ermete Trismegisto)
  • purple piace questo

#739 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10239 messaggi

Inviato 30 agosto 2019 - 10:20

Tutto ciò che puoi immaginare
è reale

Picasso

anf puff pant


#740 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9107 messaggi

Inviato 31 agosto 2019 - 07:41

E' chiaro che anche io ho le mie paure.
Ma non accetto di lasciarmene condizionare.
Le cose che posso realizzare con le mie capacità voglio realizzarle tutte, al cento per cento.
Prendere quello che mi va e lasciare quello che non mi va: è così che voglio vivere.
E se qualcosa non funziona, ci penso al momento e non prima.
Io non sono uno che sta a guardare il cielo in attesa che caschino i frutti.
Io, per quello che mi è possibile, mi do da fare.

 

dal libro "Norwegian Wood" di Haruki Murakami

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi