Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Citazioni letterarie


  • Per cortesia connettiti per rispondere
650 risposte a questa discussione

#1 Guest_Eve_*

Guest_Eve_*
  • Ospiti

Inviato 06 dicembre 2011 - 02:41

Non ho trovato 3d simili con il tasto "cerca", nel caso esistessero prego la moderazione di spostare lì il topic. Grazie :)




A tutti sarà capitato, leggendo un libro, di rimanere colpiti da una frase in particolare, di averla percepita con un'intensità maggiore, come fosse un riflesso del nostro vissuto o di uno stato d'animo del momento; di averne tratto ispirazione, consolazione, forza, o di averne ancora in mente le parole dopo tanto tempo ... oppure che vi ha semplicemente chiarito le idee.

Se vi va di condividerla, e magari anche di commentarne il significato che ha o ha avuto per voi, questo è il posto ideale.
Potete anche dedicarla a qualcuno, se volete.



Inizio io (e si capisce che la dedico a Genobee Immagine inserita):

Non lo amo perché è bello, ma perché è ancora di più uguale a me stessa di quanto possa esserlo io.
Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la sua e la mia sono identiche.

Emily Bronte - Cime Tempestose




#2 Guest_Percy_*

Guest_Percy_*
  • Ospiti

Inviato 06 dicembre 2011 - 08:47

Su questa stessa scia proprio l'altro giorno mi aveva colpita :

"Si conobbero. Lui conobbe lei e sè stesso, perchè in verità non s'era mai saputo. E lei conobbe lui e sè stessa, perchè pur essendosi saputa sempre, mai s'era saputa riconoscere così."
( Italo Calvino - Il barone rampante)

Anch'io la dedico alla persona del mio cuore, l'unica verso la quale abbia mai provato questo tipo di sensazione, che va oltre l'amore stesso.

#3 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7412 messaggi

Inviato 06 dicembre 2011 - 09:11

Rischio di essere ripetitiva, ma devo citare anche io "Cime tempestose" (citerei tutto il romanzo):
[h=4](Catherine parla di Heathcliff alla sua governante)
"Nelly, Io sono Heathcliff! Lui è sempre, sempre nella mia mente - non come un piacere, non più di quanto io sia sempre un piacere per me, ma come il mio stesso essere."
[/h] :cwm:



Poi questa (Twilight):
«Così il leone si innamorò dell'agnello...» [...]
«Che agnello stupido»[...]
«Che leone pazzo e masochista».

  • KamorkasEa, Xewrtyuoipye, Lesterlof e 8 altri piace questo

#4 Jon_Snow

Jon_Snow

    Utente Full

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 06 dicembre 2011 - 10:43

Morte: gli esseri umani hanno bisogno della fantasia per essere umani.
Susan: con le fatine dei denti? Con babbo cinghiale?
Morte: esatto. Per fare pratica dovete cominciare a credere le bugie più piccole.
Susan: così poi possiamo credere a quelle più grandi?
Morte: esatto. Giustizia, pietà, quel genere di cose.
Susan:ma non è la stessa cosa!
Morte: lo credi davvero? Allora prendi l'universo, riducilo in polvere e passalo al setaccio, poi mostrami un atomo di giustizia, una molecola di pietà. Nonostante questo voi continuate ad agire come se ci fosse una sorta di "rettitudine" nell'universo dalla quale si possa essere giudicati.
Susan: ma la gente ha bisogno di crederci! Qual'è il punto?
Morte: avete bisogno di credere in cose che non sono vere. Altrimenti come fanno diventarlo?

Da "Hogfather" di Terry Prachett, tradotta al volo :D
Immagine inserita

#5 Guest_Wolfairy_*

Guest_Wolfairy_*
  • Ospiti

Inviato 06 dicembre 2011 - 01:33

L'occhio vede sempre di più di quanto la mente comprenda e noi andiamo per la vita accecati da noi stessi. Vogliamo un mondo semplice, ma viviamo in un mondo magnificamente complesso, e, piuttosto che aprirci ad esso, lo percepiamo attraverso filtri che lo rendano meno scoraggiante.
La complessità implica significato. Abbiamo paura del significato.

Tratto da "Senza Tregua" di Dean Koontz.

#6 Orizzonte degli eventi

Orizzonte degli eventi

    Utente Full

  • Utenti
  • 1313 messaggi

Inviato 08 dicembre 2011 - 08:24

"Nella mia fine è il mio principio".

Non è un passaggio, ma il titolo di un romanzo di Agatha Christie.

Mi ha colpito particolarmente perché è un concetto a me molto caro. Ora sarebbe troppo lungo spiegare perché e poi andrei fuori tema.

Per andare sul puramente descrittivo invece posso anche citare un passaggio tratto da "L'amante cadavere" di Théophile Gautiere:

"Le scintille, che gli zoccoli dei nostri cavalli strappavano ai sassi, lasciavano dietro di noi una scia di fuoco, e, se qualcuno avesse potuto scorgere me e la mia guida a quell'ora della notte, ci avrebbe senz'altro presi per spettri a cavallo di un incubo."

P.S. Il messaggio originale che avevo postato non era questo. L'opzione "Modifica messaggio" mi ha negato la sua disponibilità così ho dovuto cancellarlo e riscriverlo da capo.
Il gatto, con i suoi occhi fosforescenti che brillano come lanterne, e scintille sfavillanti sul suo manto, si muove senza paura attraverso le tenebre, dove incontra fantasmi errabondi, streghe, alchimisti, negromanti, tombaroli, innamorati...(Théophile Gautier)

#7 Genobee

Genobee

    Dillo con un Raudo.

  • Utenti
  • 1923 messaggi

Inviato 09 dicembre 2011 - 11:57

Ci fu un terribile, mortale silenzio.
Ci fu un terribile, mortale silenzio.
Ci fu un terribile, mortale silenzio.


Non fosse per il libro da cui è tratta, questa frase, ripetuta tre volte, mi farebbe cagare in mano dall'ansia.

A caval tonante non si salta in groppa


#8 Guest_Eve_*

Guest_Eve_*
  • Ospiti

Inviato 09 dicembre 2011 - 12:32

Ti sei dimenticato di citare titolo e autore, distrattone :D

#9 Guest_ovunque_*

Guest_ovunque_*
  • Ospiti

Inviato 11 dicembre 2011 - 11:51

da Il piccolo principe - Antoine de Saint-Exupéry
sui grandi:

Quando voi gli parlate di un nuovo amico, mai si interessano alle cose essenziali.
Non si domandano mai:
Qual è il tono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?

Ma vi domandano:
Che età ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?

Allora soltanto credono di conoscerlo.


per non dimenticare l'essenziale che ci avvicina davvero :)
la dedico ad ognuno di noi.

#10 George Hale

George Hale

    Super Utente

  • Utenti
  • 5161 messaggi

Inviato 11 dicembre 2011 - 07:27

Faccio una citazione al contrario, voglio sfatare una frase attribuita al più famoso personaggio di Conan Doyle: Sherlock Holmes non pronuncia mai, in nessuno dei romanzi e in nessuno dei racconti, la celebre frase "Elementare Watson!".

Ciao a tutti


#11 Guest_Rainbow_*

Guest_Rainbow_*
  • Ospiti

Inviato 12 dicembre 2011 - 12:46

complimenti eve, splendido 3d!!!:) però non posso nominare tutti i libri che lo meriterebbero, sono troppi.... citerò i primi che mi vengono in mente.:)



Ciascuno di noi è colpevole di tutto e per tutti sulla Terra, questo è indubbio, non solo a causa della colpa comune originaria, ma ciascuno individualmente per tutti gli uomini e per ogni uomo sulla Terra-i fratelli Karamazov-Dostoevskij



Tralasciando il riferimento di matrice religiosa al peccato originale, ho sempre trovato molto bella e vera questa frase, che sottintende una grande idea di fratellanza, che fa di tutti gli uomini un unico uomo, sicchè il male compiuto da uno è il male di tutti e non è possibile cancellarlo, ingorarlo, alleggerendosi la coscienza.
Siamo tutti respondabili di fronte alle ingiustizie commesse nel mondo.
Romanzo di grande civiltà, come tutti quelli di Dosto, del resto.:asdsi:


il cuore di ciascuno di noi rimane misterioso in eterno, in quanto dotato di volontà propria.
Si mise a scrivere e facendolo, capiì un altra cosa: che la casualità governa ogni angolo dell' universo, tranne i recessi del cuore umano
-la neve cade sui cedri -Guterson


Questa invece mi piace perchè esprime esattamente l' idea che io ho dell' animo, del cuore umano:un luogo segreto, spesso inaccessibile e inconoscibile , retto da misteriose leggi proprie.



Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi.
Mio peccato, anima mia .
Lo-li-ta :la punta della lingua compie un percorso di tre passio sul palato per battere, al terzo, contro i denti .Lo. Li. Ta.
-lolita-Nabokov

tralasciando il fatto che il protagonista era un maniaco pedofiloXD, quest' incipit è indimenticabile....poche parole per esprimere magistralmente una grande passione.

Un grande libro.:approved:

A chi dedicare questa citazione? all' ipotetico uomo che in futuro mi farà impazzire con dolorosa e artistica delizia, ovviamente.;) :D





e poi vorrei citare una frase di un libro di asciutta, lucida, poetica e dolorosa bellezza, uno tra i miei prediletti in assoluto , se questo è un uomo di Levi.
Vorrei riscriverla esattamente, parola per parola, ma in questo momento non trovo il libro, accidenti!:D

#12 yaya

yaya

    Utente Junior

  • Utenti
  • 85 messaggi

Inviato 12 dicembre 2011 - 01:48

Non è il caso che scaraventa a Parigi persone come noi. Parigi è soltanto un palcoscenico artificiale, un palcoscenico rotante che permette allo spettatore di cogliere ogni fase del conflitto. Da sola Parigi non avvia alcun dramma. Cominciano altrove. Parigi è solamente il forcipe ostetrico che strappa dall’utero l’embrione vivo e lo mette nell’incubatrice. Parigi è la culla delle nascite artificiali. Ninnato dalla culla ognuno riscivola indietro al proprio humus.

Henry Miller - Tropico del cancro


To those who understand, I extend my hand. To the doubtful I demand, take me as I am.

#13 Guest_Eve_*

Guest_Eve_*
  • Ospiti

Inviato 14 dicembre 2011 - 01:52

La vita è fatta di piccole felicità insignificanti, simili a minuscoli fiori.
Non è fatta solo di grandi cose, come lo studio, l'amore, i matrimoni, i funerali.
Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l'anima respira e grazie alla quale vive.


Banana Yoshimoto - Un viaggio chiamato vita

#14 Guest_Percy_*

Guest_Percy_*
  • Ospiti

Inviato 14 dicembre 2011 - 01:55

La vita è fatta di piccole felicità insignificanti, simili a minuscoli fiori.
Non è fatta solo di grandi cose, come lo studio, l'amore, i matrimoni, i funerali.
Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l'anima respira e grazie alla quale vive.


Banana Yoshimoto - Un viaggio chiamato vita

La Yoshimoto è una grande, mi piace molto il suo modo di scrivere che con delicatezza sa arrivare al profondo delle cose :)

#15 Guest_Rainbow_*

Guest_Rainbow_*
  • Ospiti

Inviato 14 dicembre 2011 - 06:01

La Yoshimoto è una grande, mi piace molto il suo modo di scrivere che con delicatezza sa arrivare al profondo delle cose :)


La vita è fatta di piccole felicità insignificanti, simili a minuscoli fiori.
Non è fatta solo di grandi cose, come lo studio, l'amore, i matrimoni, i funerali.
Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l'anima respira e grazie alla quale vive.


Banana Yoshimoto - Un viaggio chiamato vita

concordo con percy ....in realtà spesso confondo gli intrecci dei suoi romanzi, perchè non capitano mai veri e propri eventi, le trame sono molto esili e c' è sempre un narratore in prima persona ,quindi si assomigliano un pò tutti, ma lo stile è bellissimo...una freschezza, una semplicità, una trasparenza uniche .... toccanti ! per me il più bello è amrita, se non l' avete letto fatelo, volevo mettere anche una citazione l' altra volta, ripensandoci.:)

#16 Dalailama81

Dalailama81

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 4450 messaggi

Inviato 14 dicembre 2011 - 08:04

Non è perché ti ficchi penne nel culo che diventi una gallina


Non c'è niente di statico. Tutto va a pezzi

Questo è il mio pesciolino numero 641 in una vita costellata di pesciolini rossi. I miei genitori mi comprarono il primo per insegnarmi cosa significasse amare e prendersi cura di una creatura vivente del Signore. 640 pesci dopo, l'unica cosa che ho imparato è che tutto quello che ami morirà.

La gente non vuole rimettere in sesto la propria vita. Nessuno vuole che i suoi problemi vengano risolti. I suoi drammi. Le sue distrazioni. Le sue storie risolte. I suoi casini ripuliti. Perché, che cosa mai le rimarrebbe? Solamente il grande spaventoso inconoscibile.

Chuck Palahinuk
Fight club e survivor

Per me ci sarebbero da postare tutti i suoi libri

Messaggio modificato da Dalailama81, 14 dicembre 2011 - 08:09
Aggiunto commento

Stavo facendo una cazzo di surplex ad uno squalo in cravatta. Vi chiederete chi indossava la cravatta, se io o lo squalo. La risposta è: sì!!!!!!!!!!!!

#17 StefanoC

StefanoC

    Super Utente

  • Utenti
  • 6393 messaggi

Inviato 15 dicembre 2011 - 08:30

Aforismi di Georg C. Lichtenberg :

Quest' uomo aveva tanta intelligenza che nel mondo non lo si poteva quasi utilizzare in niente.:rotfl:


Darei volentieri qualcosa per sapere esattamente per chi sono state effettivamente compiute le azioni di cui pubblicamente si dice siano state compiute per la patria.


Quest' uomo lavorava a un sistema di storia naturale nel quale aveva classificato gli animali a seconda della forma degli escrementi.Distingueva tre categorie : i cilindrici , gli sferici e quelli a forma di torta.:D
Ogni persona nel mondo è responsabile per tutti. Se qualcuno si corregge in qualcosa, porta il mondo intero più vicino alla correzione generale. Al contrario, usando il suo egoismo individuale, peggiora lo stato del mondo intero.
Baal Hasulam.

#18 Dalailama81

Dalailama81

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 4450 messaggi

Inviato 15 dicembre 2011 - 08:40

«Allora, cara» dice Brandy. «Cosa è successo al tuo viso?»
Gli uccelli.
Scrivo:
uccelli. Gli uccelli hanno mangiato il mio viso.
E comincio a ridere.
Brandy non ride. Brandy dice: «Cosa significa?».
E sto ancora ridendo.
ero in macchina sull' autostrada, scrivo.
E sto ancora ridendo.
qualcuno ha sparato una pallottola calibro 30 con un fucile.
Il proiettile mi ha strappato l'intera mascella dalla faccia.
Ancora ridendo.
Sono venuta all' ospedale, scrivo.
Non sono morta.
Ridendo.
Non hanno potuto riattaccarmi la mascella perché i gabbiani l'avevano mangiata.
E smetto di ridere.
«Cara, la tua calligrafia è terribile» dice Brandy.

Sempre lui
Stavo facendo una cazzo di surplex ad uno squalo in cravatta. Vi chiederete chi indossava la cravatta, se io o lo squalo. La risposta è: sì!!!!!!!!!!!!

#19 Guest_Rainbow_*

Guest_Rainbow_*
  • Ospiti

Inviato 16 dicembre 2011 - 09:27

Era l' aspetto più profondo del suo essere che si voleva cogliere e tradurre in parole, quello che per la mente è come il respiro per il corpo, quello che si chiama felicità o infelicità.
Virginia Woolf-la signora nello specchio.





Aveva un timbro di voce non propriamente gradevole, ma lui era pronto ad accettare per esso la sordità a tutte le voci dell' umanità e della natura.
Beppe fenoglio-una questione privata.


bellissima, questa .:asdsi:

#20 Guest_Eve_*

Guest_Eve_*
  • Ospiti

Inviato 18 dicembre 2011 - 02:25

"Accadono cose che sono come domande.
Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita
risponde."

Alessandro Baricco - Castelli di rabbia




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi