Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Astrologia? No Grazie...


  • Per cortesia connettiti per rispondere
407 risposte a questa discussione

#381 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 03 marzo 2011 - 07:35

Credo che bisogna distinguere l'astrologia vera, dagli oroscopi della televisione e giornali, sono due cose completamente diverse.


Infatti noi ci stiamo confrontando con un astrologo vero: Astro!:D

Secondo me avete ragione tutti e due, basta voler credere in qualcosa giusto?:)


Questa è una situazione di comodo.
Stare nel mezzo e dare torto e ragione allo stesso tempo, alla fine non si riesce ad esprime nulla di concreto.



#382 IcarusDream

IcarusDream

    Super Utente

  • Utenti
  • 6914 messaggi

Inviato 07 marzo 2011 - 09:27

La lavorazione industriale è un altra cosa Icarus......


E' fatta da uomini e non da macchine.
Il vino è sempre vino e qui mi si dice che se lo travasi nei giorni sbagliati fa cacare...
Abbi pazienza.

Noi esseri umani viviamo in un sistema, sotto degli influssi, che siano solari, lunari ecc..... essi sono scientificamente provati,allora perchè essi non potrebbero far parte della nostra vita???????:D


Fermo, che l'influsso della Luna su di noi sia scientificamente provato è un tua idea.

Immagine inserita
Compito della Scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza
(Galileo Galilei)


#383 La Notte

La Notte

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 616 messaggi

Inviato 07 marzo 2011 - 06:03

E' fatta da uomini e non da macchine.
Il vino è sempre vino e qui mi si dice che se lo travasi nei giorni sbagliati fa cacare...
Abbi pazienza.



Fermo, che l'influsso della Luna su di noi sia scientificamente provato è un tua idea.


Ok ti invito personalmente nel mese di novembre....
Pezzetti di cavallo e vino, Negroamaro la qualita della mia zona, lo travasiamo insieme......Hai mai visto la produzione industriale????????:rolleyes:

Messaggio modificato da cincin, 07 marzo 2011 - 07:10
eliminato quote a post cancellato


#384 Phantom Lord

Phantom Lord

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 151 messaggi

Inviato 07 marzo 2011 - 11:21

Hai capito male.

E Gheddafi? Mica è femmina Gheddafi.

Stavo dicendo che sei condizionato da una infinità di cose.

Queste cose che ti condizionano, in ultima analisi, dipendono sempre da fattori astronomici.

Tu riconosci ad un corpo celeste (la Luna) la capacità di influire su alcune cose(il comportamento dei granchi), ma tutto quello che non è il comportamento dei granchi, da che cosa è influenzato?

Non c'è nulla che sia incondizionato, in questo nostro universo non c'è nulla che accada senza essere la conseguenza di qualcos'altro che è accaduto prima.

Tu sei in grado di riconoscere il rapporto causa-effetto per alcune cose, mentre per altre non ci riesci, ma il rapporto causa.effetto c'è sempre.

Se tua moglie se la prende con te, tu puoi capire che dipende dal fatto che ha avuto una giornata difficile in ufficio, oppure se aumenta il prezzo della benzina, tu puoi capire che dipende da quello che sta accadendo in Libia, però magari non capisci perchè le azioni della fiat che hai comprato stanno perdendo valore, ma anche per quello ci sarà una ragione, perchè le cose non accadono per caso, ci sono sempre delle ragioni, e che tu le conosca oppure no, non fa differenza.

Tua moglie litiga con te perchè ha avuto una brutta giornata in ufficio, ma se ha avuto una brutta giornata in ufficio c'è una ragione, magari il suo boss l'ha rimproverata di qualcosa, ed anche questo rimprovero ha a sua volta una causa.

Se tu fossi in grado di risalire tutta questa concatenazioni di cause, finiresti sempre con l'arrivare alle cause prime.

Le cause prime potrebbero essere la temperatura e le altre condizioni fisiche al momento del big bang, ma io suggerisco di non andare cosi' indietro nel tempo, e di considerare come cause prime gli eventi che si sono verificati 5 miliardi di anni fa quando si è formato il sistema solare, perchè non viviamo in tutto l'universo, ma viviamo qui.

Tu fai troppo affidamento sulle tue capacità di comprensione, mentre non può essere la tua capacità di comprensione il criterio per stabilire se esiste una connessione tra due eventi oppure no.

Se il valore delle azioni che hai comprato sta diminuendo, sicuramente ci sono delle ragioni, anche se tu ignori quali siano.

Tu dici l'influsso della Luna sulle maree riesco a capirlo, ed allora in questo ci credo, mentre l'influsso della Luna sul mio umore non è dimostrato e allora in questo non ci credi.

Però le variazioni di umore ce l'hai, e da qualcosa dipendono.

Tu dirai che le variazioni del tuo umore dipendono dalle circostanze della tua vita, dalle cose che ti capitano giorno dopo giorno, e va bene, ma da che cosa dipendono queste circostanze della tua vita? Dipendono anch'esse da altre cose.

A ben guardare tutte le cose che ti capitano dipendono dal fatto che sei un essere vivente che vive grazie ad una stella.

Attualmente c'è una mentalità che considera vere solo le cose che sono dimostrate dalla scienza, mentre si tende a pensare che tutto ciò che non è dimostrato sia falso.

Che cos'è questo se non un delirio di onnipotenza?

Potrei adottare questo criterio per giudicare le cose vere o false, solo se fossi Dio, ma noi siamo soltanto degli scimmioni con pochi peli che hanno imparato ad usare qualche utensile, un conto è imparare ad usare qualcosa ed un altro è comprendere il mondo.

La comprensione del mondo c'è preclusa.

Qualche secolo fa, c'era una maggiore consapevolezza dei propri limiti, gli uomini del passato non pretendevano di capire l'universo, e si rendevano conto di essere sottomessi ai cicli della natura.

Il progredire della scienza ha fatto si che adesso viviamo nell'illusione di poter dominare la natura, perchè abbiamo effettivamente imparato qualcosa, e siamo meno soggetti ai cicli della natura di quanto lo eravamo una volta.

Che sia giorno o notte, estate o inverno per noi non fa molta differenza, perchè se vogliamo stare svegli di notte abbiamo la luce elettrica, e d'inverno accendiamo il riscaldamento.

Il rifiuto dell'astrologia nasce dall'illusione di non dipendere più dai cicli della natura.

M'era già capitato di quotare un tuo post senza l'intento di contribuire alla discussione, ma con l'unico scopo di complimentarmi con te.
Mi tocca farlo un'altra volta.

#385 cincin

cincin

    Moderatrice ad honorem

  • Moderatore
  • 65559 messaggi

Inviato 08 marzo 2011 - 06:40

Però le variazioni di umore ce l'hai, e da qualcosa dipendono.

Le variazioni di umore hanno, principalmente, due cause: ipoglicemia e pensieri negativi. Se stabilizzi la glicemia e eviti pensieri negativi non hai variazioni di umore; a questo punto dov'è l'influenza dell'astro?
A proposito dell'educazione dei figli, io sono dell'idea che la religione dovrebbe essere come la patente per l'automobile: vietata fino al compimento della maggiore età - Gunslinger.

#386 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 12 marzo 2011 - 06:37

Le variazioni di umore hanno, principalmente, due cause: ipoglicemia e pensieri negativi. Se stabilizzi la glicemia e eviti pensieri negativi non hai variazioni di umore; a questo punto dov'è l'influenza dell'astro?

Eh no, l'astrologo pensa tu abbia assunto qualcosa per riequilibrare picchi negativi di glicemia, grazie alla posizione dei pianeti, ed in base a questa configurazione, ecco che nasce l'influsso che ti ha fatto assumere carboidrati complessi, per fare un esempio :D
Adattano ma non dimostrano.

@Astro
Tu parli di cose determinate, ripeto sono tue congetture basate su una tua non conoscenza in materia di fisica e scienza in generale.
Esiste la casualità, il caso, eventi aleatori.
Amesso e concesso riuscissimo a tornare indietro nel passato, riavviando la macchina del tempo, gli eventi non si ripresenterebbero allo stesso modo proprio perchè vi una componente stocastica.
Sarebbe tutto diverso.
Tutto non si ripresenterebbe allo stesso modo.

Sarebbe violato il principio di indeterminazione di Heisenberg se così non fosse.

Difficile per te da accettare forse, ma sono cose dimostrate: il determinismo (in parte) è morto da tempo.

#387 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 13 marzo 2011 - 03:13

@Astro
Tu parli di cose determinate, ripeto sono tue congetture basate su una tua non conoscenza in materia di fisica e scienza in generale.
Esiste la casualità, il caso, eventi aleatori.
Amesso e concesso riuscissimo a tornare indietro nel passato, riavviando la macchina del tempo, gli eventi non si ripresenterebbero allo stesso modo proprio perchè vi una componente stocastica.
Sarebbe tutto diverso.
Tutto non si ripresenterebbe allo stesso modo.

Sarebbe violato il principio di indeterminazione di Heisenberg se così non fosse.

Difficile per te da accettare forse, ma sono cose dimostrate: il determinismo (in parte) è morto da tempo.


Tu sei un po' come il dottor Voas, ti immagini un esperimento, non lo fai, poi dici di averlo fatto, e che il risultato ottenuto ha confermato la tua ipotesi. ;)

Se potessimo tornare nel passato e riavviare la macchina del tempo, gli eventi si riprodurrebbero esattamente nella stessa maniera in cui si sono svolti la prima volta.
Bruto ucciderebbe nuovamente Giulio Cesare, e Silvio Berlusconi sarebbe nuovamente il presidente del consiglio.

Se questo "esperimento" non possiamo farlo, come fai a dire che produrrebbe un certo risultato? Il tuo è palesemente un punto di vista dogmatico non suffragato dai fatti.

Supponiamo che Heisenberg avesse fatto realmente il suo esperimento con il gatto, e che aprendo la scatola in cui l'aveva rinchiuso, avesse trovato il gatto morto, se potessimo tornare nel passato e riavviare la macchina del tempo, Heisenberg troverebbe ogni volta il gatto morto.

La fisica quantistica non ha mai dimostrato il contrario.

I fisici potrebbero fare una decina di esperimenti con 10 gatti, e trovare che 6 volte il gatto sopravvive e 4 volte no, ma questo non prova che la vita o la morte di ciascun gatto sia indeterminata.

Per quanto questi scienziati cerchino di mantenere sempre uguali le condizioni iniziali dell'esperimento non possono riuscirvi. Ad esempio, non si può riutilizzare ogni volta lo stesso pezzetto di sostanza radioattiva, perchè non è realmente lo stesso pezzetto di sostanza. Se nell'esperimento precedente il gatto è morto, vuol dire che un atomo di questo pezzetto ha perso almeno un elettrone, ma anche se nell'esperimento precedente il gatto non è morto, questo pezzetto di sostanza sarebbe comunque diverso da quello che era prima.

Supponiamo che il primo gatto sopravvissuto venga tolto dalla scatola e sostituito con un altro, senza toccare la sostanza radioattiva e che venga richiusa nuovamente la scatola.
Agendo in questo modo, non hai riprodotto esattamente le condizioni del primo esperimento, perchè la sostanza radioattiva non è veramente la stessa di prima.

Credo che gli scienziati mi risponderebbero che si tratta della stessa sostanza, perchè loro non l'hanno nemmeno toccata, e perchè nell'ora appena trascorsa non ha perso nemmeno un elettrone.

Però sbagliano.

Se gli scienziati non sono in grado di accorgersi che la sostanza non è più la stessa nei due casi, questo non significa che questa sostanza sia rimasta realmente inalterata.
Se io non riesco a distinguere un cinese da un altro, questo non significa che i cinesi sono tutti uguali.

Gli scienziati preferiscono dire che i cinesi sono tutti uguali, perchè non vogliono ammettere la propria ignoranza, la propria incapacità di distinguere un cinese da un altro.
Umanamente li capisco, facevo anch'io lo stesso quando leggevo gli oroscopi. Mi capitava a volte di non saper rispondere a delle domande del consultante, in questi casi però, è sconsigliabile ammettere apertamente che non sai che dire, altrimenti non ti pagano. :D

Gli scienziati non possono ammettere di non capirci una mazza e nello stesso tempo chiedere miliardi di euro per finanziare le loro ricerche.

E' per questa ragione che si sono inventati il principio di indeterminazione di Heisenberg, è solo un modo per evitare una brutta figura, non potevano chiamarlo il principio di ignoranza di Heisenberg, perchè anche loro devono pagare le bollette ed il mutuo per la casa.

Immagine inserita



#388 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 13 marzo 2011 - 03:19

Gli scienziati non possono ammettere di non capirci una mazza e nello stesso tempo chiedere miliardi di euro per finanziare le loro ricerche.

E' per questa ragione che si sono inventati il principio di indeterminazione di Heisenberg, è solo un modo per evitare una brutta figura, non potevano chiamarlo il principio di ignoranza di Heisenberg, perchè anche loro devono pagare le bollette ed il mutuo per la casa.


Tu invece ci hai illuminati! :D

Niente dogmi... ho parlato che esiste la casualità Astro, dimostrata!
Astro Astro, tu che parli di "invenzioni" ahi ahi ahi. :D
Sapevo che era difficile da digerire, ma sei in parte perdonato perchè sei in buona fede e non conosci la fisica quantistica ;)
Informati però e studia! :)

#389 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 13 marzo 2011 - 01:28

Per prima cosa ti ricordo che siamo OT.
Perchè per quanto concerne l'astrologia non è necessario che esista il determinismo assoluto, ma è sufficiente che esista un determinismo parziale. Lo stesso determinismo parziale su cui si basa la scienza. Gli esperti di meccanica celeste, ad esempio, riescono a prevedere la posizioni future dei pianeti, proprio perchè il loro movimento è regolato da leggi deterministiche. In generale tutta la scienza si basa sul determinismo. Gli ingegneri che hanno progettato il motore della tua automobile, l'hanno fatto basandosi sul determinismo.
La candela emette una scintilla che incendia la miscela che bruciando spinge il pistone che trasmette il suo movimento alle ruote. La cosa funziona sempre, almeno finchè non si rompe qualcosa o ti mancano i soldi per la benzina.

Comunque, a me gli OT non disturbano, e trovo interessante discutere sull'indeterminismo.

Secondo me non esiste, e si tratta di un misconception degli scienziati.

La cosa che me lo fa pensare è che molto spesso succede che non sia possibile riconoscere un evento deterministico come tale, anche per cose che esulano dalla fisica quantistica.

Ad esempio i nostri computer hanno della funzionalità che permettono di generare dei numeri casuali, ossia dei numeri random. Questi numeri generati dal computer, hanno tutte le caratteristiche per essere considerati dei numeri casuali, però in realtà non lo sono, perchè i metodi utilizzati per ottenerli si avvalgono di procedure deterministiche.

Non so spiegarlo al dettaglio, però è questo che succede. Se ad esempio voglio una serie di 100 numeri casuali compresi tra 1 ad un miliardo, posso scrivere un programma che me li fornisce, ma il computer me li fornisce utilizzando delle procedure deterministiche.
I numeri forniti dal computer sono in realtà dei numeri pseudo-random e non dei numeri veramente random.

I numeri random sono praticamente indistinguibili dai numeri pseudo-random.

Visto quindi che esiste una sostanziale incapacità di poter distinguere tra numeri realmente random o solo apparentemente random, nel mondo macroscopico, tantomeno sarà possibile avere questa capacità nel mondo delle particelle di cui si occupa la fisica quantistica.

I prossimi 5 estratti sulla ruota di Napoli, sono per me un mistero, eppure i numeri che verranno estratti, non dipendono dalla fisica quantistica, perchè in questo caso si parla di oggetti macroscopici (le palline che contengono i numeri) e che ubbidiscono alle leggi della fisica classica, ma nonostante ciò restano per me indeterminabili.

I prossimi 5 estratti sulla ruota di Napoli, non sono veramente indeterminati, lo sono soltanto per me. Io non conosco esattamente la posizione in cui verranno disposti le palline contenenti i numeri nel bussolotto, non conosco il numero dei giri e la forza con cui verrà girato il bussolotto, e non so dove infilerà la mano il bambino che estrae le palline dall'urna. Se sapessi tutte queste cose, potrei anche prevedere quali saranno i numeri che verranno estratti. Il fatto che io li considero indeterminati dipende solo da una mia scarsa conoscenza del fenomeno, da una mia ignoranza, ma non c'è nulla che mi autorizzi a pensare che i numeri che usciranno, siano un fenomeno casuale.

I fisici quantistici mi diranno che non è cosi', e che l'indeterminazione dei fenomeni quantistici è diversa dalla (apparente) indeterminazione delle palline nel bussolotto del lotto.

Ma perchè dovrei credere in ciò che dicono?

Se non c'è nemmeno un fisico che sia in grado di suggerirmi i prossimi 5 estratti sulla ruota di Napoli, perchè dovrei credere che esistono dei fenomeni che sono i-n-t-r-i-n-s-e-ca-m-e-n-t-e indeterminati?

Facciamo un altro esperimento, l'esperimento del ventilatore.
Se avviamo un ventilatore, vediamo le sue pale in tutte le posizioni possibili. Se vogliamo possiamo classificare il fenomeno come una illusione ottica, perchè in un determinato istante le pale si trovano in una specifica posizione, anche se noi non riusciamo a vedere quale. La situazione cambia se infili un dito tra le pale, nel momento in cui infili un TUO dito tra le pale, sai anche esattamente dove si trovano, si trovano sul tuo dito. Il fatto che tu interagisca con il ventilatore, infilando il TUO dito tra le pale, fa si che esse passino da una situazione indeterminata (le pale sono in tutte le posizioni in cui si possono trovare) ad una situazione determinata, la pala che ti trancia il dito si trova esattamente nella posizione in cui tu hai infilato il tuo dito.

Mah!

Dov'è la differenza tra il ventilatore ed i fenomeni quantistici?

l fatto che le particelle elementari siano in tutte le posizioni possibili, e si comportino come un onda invece che come delle particelle, non potrebbe essere un fenomeno illusorio analogo a quello che si verifica con il ventilatore?

Se osservando un ventilatore ci sembra proprio che le sue pale si trovino in tutte le posizioni possibili, anche se sappiamo che cosi' non è, che cosa ci autorizza a pensare che nel caso delle particelle elementari accada qualcosa di diverso?

L'esperimento della doppia fenditura?

#390 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 13 marzo 2011 - 02:53

In generale tutta la scienza si basa sul determinismo.

Si basa sul positivismo

Secondo me non esiste, e si tratta di un misconception degli scienziati.

Se riesci a dimostrarlo formalizzando il tutto, mi ricredo, per ora la tua non è una teoria scientifica ma metafisica


Ad esempio i nostri computer hanno della funzionalità che permettono di generare dei numeri casuali, ossia dei numeri random. Questi numeri generati dal computer, hanno tutte le caratteristiche per essere considerati dei numeri casuali,

Errato astro, i nostri computer non sono in grado di generare numeri casuali.

Esiste un seme (seed) di partenza e la sequenza dopo n generazioni si ripresenta.
Per generare numeri casuali esistono schede che sfruttano il contesto quantistico, conosciute anche come quantum generator ad esempio.

Se vuoi ulteriori chiarimenti

http://en.wikipedia....umber_generator

http://it.wikipedia...._numeri_casuali


Non so spiegarlo al dettaglio, però è questo che succede. Se ad esempio voglio una serie di 100 numeri casuali compresi tra 1 ad un miliardo, posso scrivere un programma che me li fornisce, ma il computer me li fornisce utilizzando delle procedure deterministiche.
I numeri forniti dal computer sono in realtà dei numeri pseudo-random e non dei numeri veramente random.

Ripeto non sono random e non vi è nessuna componente aleatoria

I numeri random sono praticamente indistinguibili dai numeri pseudo-random.

Solo per chi non è del mestiere

Se osservando un ventilatore ci sembra proprio che le sue pale si trovino in tutte le posizioni possibili, anche se sappiamo che cosi' non è, che cosa ci autorizza a pensare che nel caso delle particelle elementari accada qualcosa di diverso?

L'esperimento della doppia fenditura?

Errato di nuovo.
L'esperimento dello doppio slide (di young) serve per dimostrare la natura ondulatoria della luce vista la comparsa di righe di interferenza.

Come vedi ragioni per non conoscenza.
Studia dai ;)

#391 Mystic

Mystic

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 150 messaggi

Inviato 13 marzo 2011 - 02:58

Credo che occorre spiegare cosa si intende per astrologia, forse qualcuno sta ancora pensando agli oroscopi...

#392 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 13 marzo 2011 - 03:00

Credo che occorre spiegare cosa si intende per astrologia, forse qualcuno sta ancora pensando agli oroscopi...

No Mystic, abbiamo già chiarito da un pezzo cos'è la "vera"(?) :rolleyes: astrologia.

#393 Mystic

Mystic

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 150 messaggi

Inviato 13 marzo 2011 - 03:05

No Mystic, abbiamo già chiarito da un pezzo cos'è la "vera"(?) :rolleyes: astrologia.


Prima parlavi di psicologia ed indubbiamente essa è utile, ma come sei cosi scettica sull'astrologia, non ci credi o la trovi una scienza superata?

#394 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 13 marzo 2011 - 03:12

Prima parlavi di psicologia ed indubbiamente essa è utile, ma come sei cosi scettica sull'astrologia, non ci credi o la trovi una scienza superata?

Semplicemente non vi sono dimostrazioni.
Non è che sia scettica a prescindere.
Riescono a dimostrare che funziona? Mi ricredo.
Per ora l'astrologia è metafisica, e non una scienza.

#395 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 13 marzo 2011 - 04:16

Ripeto non sono random e non vi è nessuna componente aleatoria

Solo per chi non è del mestiere

Errato di nuovo.


Ma queste cose le ho dette io, tu le ripeti dicendomi che sbaglio? :mad:

Ho detto che i numeri random generati dal computer sono pseudo random,
proprio perchè vengono generati in modo deterministico.

Certo, un esperto, uno del mestiere, riconoscendo la chiave può riprodurre tutta la sequenza dei numeri pseudo random generati dal computer.

Ma nel caso della fisica quantistica chi sarebbero gli esperti?

E' possibile che esista una chiave anche in questo caso, solo che questa chiave non ce l'ha nessuno.

Il fatto di non avere la chiave non ci autorizza a dire che le particelle si comportano in modo aleatorio. Si può fare solo il contrario, se conosci le leggi che determinano certi fenomeni, puoi stabilire che essi sono di tipo deterministico, ma se non conosci le leggi che regolano certi fenomeni non puoi stabilire che essi sono di tipo indeterministico.

Si tratta di fenomeni che sono indeterminati per te, ma questo non ti autorizza a pensare che siano realmente aleatori. Come fai a stabilirlo?

Se un certo elettrone di un certo atomo decide di staccarsi dall'atomo in un certo istante,
tu puoi non conoscere le ragioni per cui è proprio questo elettrone che si stacca
e proprio in quell'istante, ma questo non ti permette di dire che l'elettrone non sta ubbidendo
a qualche legge deterministica che tu ignori.

C'è un certo Bohm che ha ipotizzato l'esistenza di variabili nascoste, e credo che abbia ragione lui. Il comportamento delle particelle ci sembra indeterminato perchè non conosciamo queste variabili nascoste.

#396 Mystic

Mystic

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 150 messaggi

Inviato 13 marzo 2011 - 04:25

Le domande che mettono in discussione l'astrologia sono:

1) Se bisogna calcolare il tema natale, due gemelli nati lo stesso giorno, alla stessa ora dovrebbero avere gli stessi influssi e quindi caratteri uguali, ma sappiamo che non è cosi.

2) Che fine fanno le interpretazioni con plutone ora che è stato declassato?

3) Ora che l'asse terrestre s'è spostato, come si calcolano i temi astrali

#397 Guest_Erica_*

Guest_Erica_*
  • Ospiti

Inviato 13 marzo 2011 - 04:31

Ma nel caso della fisica quantistica chi sarebbero gli esperti?

I fisici quantistici ;)
Studia la funzione d'onda ad esempio

Il fatto di non avere la chiave non ci autorizza a dire che le particelle si comportano in modo aleatorio.

Ma le dimostrazioni sì che ci autorizzano a pensarlo
Effetto tunnel, Casimir, radiazione di Hawking etc ... come già ti avevo accennato.

Si può fare solo il contrario, se conosci le leggi che determinano certi fenomeni, puoi stabilire che essi sono di tipo deterministico, ma se non conosci le leggi che regolano un fenomeno non puoi stabilire che esso è di tipo indeterministico.

Continui ad arenarti astro, il determinismo è passato, spazzato via dalle dimostrazioni e non dai pensieri

Se un certo elettrone di un certo atomo decide di staccarsi dall'atomo in un certo istante,
tu puoi non conoscere le ragioni percui è proprio questo elettrone che si stacca
e proprio in quell'istante, ma questo non ti permette di dire che l'elettrone non sta ubbidendo
a qualche legge deterministica che tu ignori.

Ubbidisce a leggi probabilistiche (funzione d'onda)

C'è un certo Bohm che ha ipotizzato l'esistenza di variabili nascoste, e credo che abbia ragione lui. Il comportamento delle particelle ci sembra indeterminato perchè non conosciamo queste variabili nascoste.

Sono ipotesi, attendiamo conferme

#398 IcarusDream

IcarusDream

    Super Utente

  • Utenti
  • 6914 messaggi

Inviato 14 marzo 2011 - 11:05

Le domande che mettono in discussione l'astrologia sono:

1) Se bisogna calcolare il tema natale, due gemelli nati lo stesso giorno, alla stessa ora dovrebbero avere gli stessi influssi e quindi caratteri uguali, ma sappiamo che non è cosi.


E come rispondono gli astrologi a questo?

2) Che fine fanno le interpretazioni con plutone ora che è stato declassato?


Lo puoi chiamare come vuoi, ma sempre li resta.
Piuttosto bisognerebbe capire come mai gli altri corpi celesti del sistema solare non vengono considerati.

3) Ora che l'asse terrestre s'è spostato, come si calcolano i temi astrali


Si sposta sempre.
Per questo motivo l'astrologia occidentale, nata duemila anni fa, dovrebbe essere riveduta e corretta, ma sembra che gli astrologi se ne freghino, tanto funziona sempre allo stesso modo, interpretando e adattando a posteriori, con una buona dose di effetto Foerer.

Immagine inserita
Compito della Scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza
(Galileo Galilei)


#399 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 14 marzo 2011 - 01:04

Si sposta sempre.
Per questo motivo l'astrologia occidentale, nata duemila anni fa, dovrebbe essere riveduta e corretta, ma sembra che gli astrologi se ne freghino, tanto funziona sempre allo stesso modo, interpretando e adattando a posteriori, con una buona dose di effetto Foerer.


Icarus, i segni zodiacali dipendono proprio dall'asse terrestre, è la direzione in cui punta a determinare i segni zodiacali.
Pensavo che almeno questo l'avessi capito. :D


:cwm: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . /. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . :)




Se la "/" rappresenta l'asse terrestre, allora il pianeta che sorride :) è in Cancro, mentre il pianeta che piange :cwm: è in Capricorno.

#400 IcarusDream

IcarusDream

    Super Utente

  • Utenti
  • 6914 messaggi

Inviato 14 marzo 2011 - 01:05

Icarus, i segni zodiacali dipendono proprio dall'asse terrestre, è la direzione in cui punta a determinare i segni zodiacali.
Pensavo che almeno questo l'avessi capito. :D


:cwm: I :)


Se la I inclinata rappresenta l'asse terrestre, allora il pianeta che sorride :) è in Cancro, mentre il pianeta che piange :cwm: è in Capricorno.


In 2000 anni quella I si è inclinata.
Il suo vertice superiore sta descrivendo una circonferenza.

Immagine inserita
Compito della Scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza
(Galileo Galilei)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi