Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Un Dio può morire?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
209 risposte a questa discussione

#181 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 06 luglio 2019 - 11:24

Ma secondo voi possono morire gli Dei?
Quando una religione viene abbandonata...che succede al Dio che veniva venerato? :angel:
Per farla "forse" più semplice..se l'uomo abbandonasse le tre principali religioni monoteistiche per aderire ad altri culti..cosa accadrebbe al Dio di Abramo..Mosè..ecc...starebbe zitto e lascerebbe fare..ci punirebbe..morirebbe lentamente...qualcun'altro prenderebbe il suo posto...o più semplicemente non esistendo un Dio tutto rimarrebbe come prima?? :confused: :confused:

YouTube - l'Attesa degli Dei

Rael dice che Dio non esiste e dice che noi quando lasciamo il corpo siamo morti per sempre, ma Rael è qui a dare informazioni errate. Dio (come lo chiamiamo noi non può morire), e noi quando lasciamo il corpo è il corpo che poi non è più in vita ma noi tutti abbiamo un’anima la quale è eterna, una volta che lasciamo il corpo il nostro IO vive in altre dimensioni e in quelle dimensioni si rimane per un certo tempo che non è uguale per tutti, ma poi rinasciamo con un altro corpo ma è lo stesso nostro IO, a volte prendiamo un corpo come maschio a volte come femmina e tutte queste reincarnazioni servono per far si che facciamo delle esperienze ed in base da come ci comportiamo alla fine ci prendiamo un karma.





#182 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1262 messaggi

Inviato 06 luglio 2019 - 03:07

Rael dice che Dio non esiste e dice che noi quando lasciamo il corpo siamo morti per sempre, ma Rael è qui a dare informazioni errate. Dio (come lo chiamiamo noi non può morire), e noi quando lasciamo il corpo è il corpo che poi non è più in vita ma noi tutti abbiamo un’anima la quale è eterna, una volta che lasciamo il corpo il nostro IO vive in altre dimensioni e in quelle dimensioni si rimane per un certo tempo che non è uguale per tutti, ma poi rinasciamo con un altro corpo ma è lo stesso nostro IO, a volte prendiamo un corpo come maschio a volte come femmina e tutte queste reincarnazioni servono per far si che facciamo delle esperienze ed in base da come ci comportiamo alla fine ci prendiamo un karma.


Se uno ha compreso che noi uomini della Terra (bianchi, neri, gialli, rossi, etc) siamo stati creati da Esseri extraterrestri e che la parola "dio" nella Bibbia originale non c'è, da quel momento in poi non ha bisogno di dio. Perché dovrebbe continuare a credere in un'entità (inventata dal clero delle varie religioni) la quale non ha più nessun ruolo nell'universo infinito? O siamo stati creati da Esseri extraterrestri oppure da dio non c'è una via di mezzo. Se siamo stati creati da Esseri extraterrestri, allora un dio creatore non c'è. Se siamo stati creati da dio allora Esseri extraterrestri creatori non ci sono. Il mio ragionamento è semplice, o l'uno o l'altro. Siccome gli Antichi hanno testimoniato di aver incontrato Esseri extraterrestri cioè descritti come tali, che a volte chiamarono 'Dèi' e 'Divinità', io escludo categoricamente l'esistenza del dio teologico monoteista, frutto della fantasticheria di certi "filosofi" non informati dei fatti. Le 'Divinità' possono morire quando rinunciano all'Amore, lo stabilisce la Legge di Causa e di Effetto. L'anima o DNA può essere attivata o disattivata a seconda di cosa hai seminato nei Mondi, ergo l'anima della maggioranza è tutto fuorché Vivente, anzi sono Anime Morte.



#183 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 06 luglio 2019 - 03:41

Se uno ha compreso che noi uomini della Terra (bianchi, neri, gialli, rossi, etc) siamo stati creati da Esseri extraterrestri e che la parola "dio" nella Bibbia originale non c'è, da quel momento in poi non ha bisogno di dio. Perché dovrebbe continuare a credere in un'entità (inventata dal clero delle varie religioni) la quale non ha più nessun ruolo nell'universo infinito? O siamo stati creati da Esseri extraterrestri oppure da dio non c'è una via di mezzo. Se siamo stati creati da Esseri extraterrestri, allora un dio creatore non c'è. Se siamo stati creati da dio allora Esseri extraterrestri creatori non ci sono. Il mio ragionamento è semplice, o l'uno o l'altro. Siccome gli Antichi hanno testimoniato di aver incontrato Esseri extraterrestri cioè descritti come tali, che a volte chiamarono 'Dèi' e 'Divinità', io escludo categoricamente l'esistenza del dio teologico monoteista, frutto della fantasticheria di certi "filosofi" non informati dei fatti. Le 'Divinità' possono morire quando rinunciano all'Amore, lo stabilisce la Legge di Causa e di Effetto. L'anima o DNA può essere attivata o disattivata a seconda di cosa hai seminato nei Mondi, ergo l'anima della maggioranza è tutto fuorché Vivente, anzi sono Anime Morte.

La Bibbia non è tutta verità, tanto vale la pena che la si tralascia proprio per il fatto che non ne veniamo mai a capo se prendiamo come esempio dalla Bibbia è stata scritta dall’uomo e l’uomo non è perfetto, poi col tempo ci sono state manipolazioni.

 

Gli Angeli non li hanno creato gli extraterrestri.

 

Anche l’uomo può creare, infatti l’uomo può creare l’automobile.

 

Gli Elohim hanno creato l’uomo, ma l’anima non l’hanno creata loro, l’anima dell’uomo è stata creata da esseri superiori agli Elohim.

 

Ognuno ha un proprio compito che può fare in base alle proprie mansioni, è tutta una catena, senza la coscienza di Dio non ci sarebbe perfezione, solo coloro che fanno tutto quello che deriva dalla coscienza di Dio è fatto giusto, mentre tutti coloro che fanno della propria coscienza ma non rispettano le leggi di Dio il risultato poi è che ciò che è fatto col tempo crea disarmonia e poi si distrugge.

 

Dio è una coscienza che non può essere paragonata alla nostra ne da nessun essere superiore a noi, è tutta una scala di coscienze ed ognuno opera in base a quello che riesce a fare ma chiunque che non rispettano una delle leggi di Dio quella loro creazione creerà poi dei problemi.

 

La chiesa non conosce Dio ma insegna secondo il volere del loro potere, un sacerdote per rimanere nella sua professione non deve dire cose diverse da come gli hanno insegnato al seminario altrimenti viene espulso.



#184 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1262 messaggi

Inviato 06 luglio 2019 - 05:44

La Bibbia non è tutta verità, tanto vale la pena che la si tralascia proprio per il fatto che non ne veniamo mai a capo se prendiamo come esempio dalla Bibbia è stata scritta dall’uomo e l’uomo non è perfetto, poi col tempo ci sono state manipolazioni.


Io la Bibbia la comprendo benissimo tra le righe, ma volendo possiamo anche tralasciare le rivelazioni. In questo caso il concetto di dio perde ogni significato perché si trova soltanto nelle scritture (rivelazioni) e solamente quelle tradotte in modo errato.
 

Gli Angeli non li hanno creato gli extraterrestri.


Da sempre uomini creano altri uomini in varie zone dell'infinito. Uomini che creano vengono definiti creatori e quelli creati vengono definiti creature. Gli angeli della teologia non esistono. La Bibbia chiama uomini giusti: "angeli" ovvero "messaggeri" della verità in generale o più nello specifico distingue tra "angeli di YHWH" e "angeli di Satana" ovvero parla di messaggeri dei creatori e di messaggeri degli oppositori ognuno con un compito diverso. Questi "angeli" non sono altri che Esseri umani della Terra e di altri Mondi con una missione temporanea o permanente di portare un messaggio dal mittente ad uno o più destinatari. A volte possono avere altri compiti, molto più complessi. Invece di chiederti chi ha creato gli Angeli dovresti chiederti chi ha creato gli Uomini perché gli Angeli sono Uomini. Se la mia tesi è corretta cioè se uomini creano altri uomini allora la risposta ce l'hai.
 

Anche l’uomo può creare, infatti l’uomo può creare l’automobile.


L'uomo può creare un altro uomo, questo accade quando l'uomo si ri-Conosce l'Essere originario, in tal caso simbolicamente gli uomini diventano 'Divinità' che creano altre 'Divinità'.
 

Gli Elohim hanno creato l’uomo, ma l’anima non l’hanno creata loro, l’anima dell’uomo è stata creata da esseri superiori agli Elohim.


Il discorso non ha nessun senso. Se io creo un robot biologico autocosciente ma privo di "anima" o di quello che tu intendi per anima, quella creatura successivamente non si trasformerà in anima, impossibile. Se l'essenza non c'è in origine, mai ci sarà in futuro. Un Vivente può solo cadere, non può aggiungere a se stesso nuove funzionalità spirituali (quando uno ha il DNA o anima della bestia, rimane per sempre bestia, non diviene mai un Umano). Se noi siamo Anime umane individuali (coscienza e DNA), è perché i nostri creatori ci hanno fabbricati in laboratorio esattamente così come siamo oggi, fin dal Principio, nessuna modifica nel corso della storia - né in meglio né in peggio. Bibbia non parla di codesti esseri superiori ai nostri creatori, né del loro intervento genetico/ magico, è un'invenzione tua. Poi cosa cambia, se siamo stati creati da una civiltà extraterrestre "X" o "Y"?
 

Ognuno ha un proprio compito che può fare in base alle proprie mansioni, è tutta una catena, senza la coscienza di Dio non ci sarebbe perfezione, solo coloro che fanno tutto quello che deriva dalla coscienza di Dio è fatto giusto, mentre tutti coloro che fanno della propria coscienza ma non rispettano le leggi di Dio il risultato poi è che ciò che è fatto col tempo crea disarmonia e poi si distrugge.


Non ho capito, chi rispetta le leggi di Dio, viene guidato dalla coscienza di un dio esterno? Cos'è l'uomo allora, una marionetta, burattino? Schiavo delle Entità? Quando un uomo libero è giusto, è perché la sua vera natura che ha riconosciuto è Amore, dal quale scaturisce ogni giustizia. La nostra vera natura non te la regala un dio esterno giorno dopo giorno, istante dopo istante, ma è insita nell'Essere umano dalla sua creazione. Non esiste una "propria coscienza" e "coscienza di dio" ma esiste una sola coscienza e l'assenza di coscienza.
 

Dio è una coscienza che non può essere paragonata alla nostra ne da nessun essere superiore a noi, è tutta una scala di coscienze ed ognuno opera in base a quello che riesce a fare ma chiunque che non rispettano una delle leggi di Dio quella loro creazione creerà poi dei problemi.


No, le creature umane sono fatte a immagine e somiglianza dei creatori (quel "Dio" di cui parli), la coscienza è medesima. La "coscienza di Dio" che tu aspetti che discenda dall'Alto è già in te ma non lo sai. Quello che devi fare è semplicemente attivarla. E sapere di averla. Poiché finché non sai di averla nemmeno cercherai di attivarla. Ma quando viene attivata, non sei tu ad AVERE quella coscienza 'superiore', ma SEI quella coscienza 'superiore'. E' differente.



#185 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 06 luglio 2019 - 06:20

Risposta a G.a.b.r.i.e.l

 

Ogni persona ha le proprie doti un compositore di musica è difficile che ha la dote della pittura, potrebbe anche averla ma non può avere tutte le doti che esistono in natura.

 

Una persona che sa dirigere bene una nazione non è detto che tutta la popolazione possa fare quello che riesce a fare quella persona, c’è sempre il migliore su una determinata mansione da svolgere.

 

Dio è una coscienza che solo lui può cambiare le cose, per il fatto che ha una mansione che solo lui e nessun’altra entità può prendere il suo posto.

 

Noi tutti abbiamo una coscienza e noi tutti abbiamo una nostra mansione, un programmatore informatico fa modo di dare la funzione di lavoro ad un computer ma se il computer si guasta elettronicamente questo compito di ripararlo aspetta al tecnico non al programmatore del computer.

 

Noi tutti abbiamo un’anima e noi tutti siamo diversi anche se a volte svolgiamo le stesse mansioni, c’è chi è più in grado di svolgere una determinata mansione rispetto all’altra persona.

 

Purtroppo molte persone credono che l’uomo sia Dio ma non è così, l’uomo potrà divenire Dei ma mai Dio ognuno ha un suo posto. Tu G.a.b.ri.e.l non potrai mai essere al mio posto, e nemmeno io posso essere al tuo posto, siamo due anime diverse anche se certe mansioni le svolgiamo nello stesso modo ma c’è sempre il migliore fra noi due in quella determinata mansione.

 

Dio ha una sua mansione e nessun altro può prendersi il suo posto.



#186 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1262 messaggi

Inviato 06 luglio 2019 - 09:43

Dio è una coscienza che solo lui può cambiare le cose, per il fatto che ha una mansione che solo lui e nessun’altra entità può prendere il suo posto.


E' ovvio che una civiltà extraterrestre che è 25000 anni avanti a noi saprebbe risolvere un determinato problema meglio di tutti noi. Non perché è dio, ma perché ha più esperienza e saggezza. E' ovvio che i creatori, siano più avanti delle loro creature. E' ovvio che solo i creatori possono conoscere a perfezione le loro creature quindi aiutarli in modo efficace come nessun altro. Da qui la credenza -in parte giusta- che solo "Dio" (Elohim) può risolvere alcuni nostri problemi. E' ovvio che solo nostri creatori sono nostri creatori, nessun altro può prendere il loro posto.
 

Purtroppo molte persone credono che l’uomo sia Dio


Un criminale è un ex dio, un dio fallito. Un uomo giusto è un potenziale dio, si conferma tale quando diventa creatore della Vita nell'universo. Nessuno crea da solo ma in gruppi, perciò tanti dèi creatori diventano Dio di quella civiltà che ha creato (notare le "d" minuscole e la "D" maiuscola). La differenza tra "dèi" e "Dio" non c'è perché Dio è semplicemente l'insieme di tutti gli dèi che hanno partecipato nella creazione. Non ci sono Divinità superiori e inferiori, buone e cattive, tutte stanno allo stesso livello, ma c'è un "capo" ovvero il rappresentante ufficiale. Essendo io un ateo, questi per me sono solo simboli, non credo in nessuna forma di divinità. Ecco spiegato come sono nati monoteismi partendo dai culti originari politeisti. Da non confondere le vere Divinità con falsi dèi e idoli. Da non confondere il Paganesimo originario con quello successivo decaduto e le finte derivazioni commerciali.



#187 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 07 luglio 2019 - 08:02

E' ovvio che una civiltà extraterrestre che è 25000 anni avanti a noi saprebbe risolvere un determinato problema meglio di tutti noi. Non perché è dio, ma perché ha più esperienza e saggezza. E' ovvio che i creatori, siano più avanti delle loro creature. E' ovvio che solo i creatori possono conoscere a perfezione le loro creature quindi aiutarli in modo efficace come nessun altro. Da qui la credenza -in parte giusta- che solo "Dio" (Elohim) può risolvere alcuni nostri problemi. E' ovvio che solo nostri creatori sono nostri creatori, nessun altro può prendere il loro posto.
 


Un criminale è un ex dio, un dio fallito. Un uomo giusto è un potenziale dio, si conferma tale quando diventa creatore della Vita nell'universo. Nessuno crea da solo ma in gruppi, perciò tanti dèi creatori diventano Dio di quella civiltà che ha creato (notare le "d" minuscole e la "D" maiuscola). La differenza tra "dèi" e "Dio" non c'è perché Dio è semplicemente l'insieme di tutti gli dèi che hanno partecipato nella creazione. Non ci sono Divinità superiori e inferiori, buone e cattive, tutte stanno allo stesso livello, ma c'è un "capo" ovvero il rappresentante ufficiale. Essendo io un ateo, questi per me sono solo simboli, non credo in nessuna forma di divinità. Ecco spiegato come sono nati monoteismi partendo dai culti originari politeisti. Da non confondere le vere Divinità con falsi dèi e idoli. Da non confondere il Paganesimo originario con quello successivo decaduto e le finte derivazioni commerciali.

Dio è una coscienza individuale e solo Lui ha il potere di far funzionare le cose come Egli vuole e dato che è puro Amore, pura Giustizia, pura Pace alla fine tutte le altre Entità che operano in base alle Leggi di Dio allora tutto funziona alla perfezione. Io non sono ateo e credo ad un Dio unico che nessun altro essere qualsiasi può prendere il suo posto, come ho già detto tu G.a.b.r.i.e.l non puoi diventare me, io sono io e tu sei tu. il tutt'uno non esiste semmai esiste la perfezione, perché se dovesse esistere il tutt'uno io sarei anche tu, mentre la mia coscienza è individuale e sempre sarà così, come la tua coscienza è individuale e così la coscienza di Dio è individuale. Poi pensala come vuoi ma non mi puoi convincere.



#188 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1262 messaggi

Inviato 07 luglio 2019 - 09:30

Dio è una coscienza individuale e solo Lui ha il potere di far funzionare le cose come Egli vuole e dato che è puro Amore, pura Giustizia, pura Pace alla fine tutte le altre Entità che operano in base alle Leggi di Dio allora tutto funziona alla perfezione. Io non sono ateo e credo ad un Dio unico che nessun altro essere qualsiasi può prendere il suo posto, come ho già detto tu G.a.b.r.i.e.l non puoi diventare me, io sono io e tu sei tu. il tutt'uno non esiste semmai esiste la perfezione, perché se dovesse esistere il tutt'uno io sarei anche tu, mentre la mia coscienza è individuale e sempre sarà così, come la tua coscienza è individuale e così la coscienza di Dio è individuale. Poi pensala come vuoi ma non mi puoi convincere.


Queste cose te l'hanno detto al catechismo e si trovano pure nei libri di Astar Sheran, ma sono favole che qualcuno ha voluto raccontare all'umanità-bambina immatura, allora ancora incapace di comprendere la vera realtà. Sempre più persone si accorgono che dio è solo una invenzione filosofica e teologica utile all'uomo primitivo per colmare tante lacune dovute alla mancanza di scienza e coscienza. L'uomo primitivo credeva in dio per restare in contatto con la sua Sorgente che non è dio. Questo dio immaginario simboleggiava i nostri creatori e alcune loro (e nostre) caratteristiche spirituali. Non è necessario credere nelle forze esterne all'uomo, per poterle utilizzare - visto che le stesse forze (potenzialità) l'uomo ha già dentro essendo stato creato uguale alla sua Sorgente celeste o cosmica. Puro Amore, pura Giustizia e pura Pace sono dentro di te nel senso che tu sei Puro Amore, pura Giustizia e pura Pace ma non sapendolo credi siano in un dio, in un essere esterno, anche per deresponsabilizzare te stesso e gli altri. Non c'è un Ente o entità che ingloba tutto e tutti, il quale normalizza ogni cosa quindi è ovvio che tu non sei me ed io non sono te. L'infinito non è un essere cosciente "tutt'uno", ma l'infinito è lo spaziotempo che ci ospita tutti quanti. L'infinito non è il nostro creatore, non ci osserva, non ci conosce ergo non è il nostro dio. Quando le Dottrine antiche parlano dell'Uno, si intende non che io divento te e te diventi me ma significa la connessione tra tutte le cose, soprattutto quelle Viventi e coscienti. Se io comunico con te non vuol dire che dopo sono diventato te, non perdo la mia individualità. La connessione spirituale tra tutte le coscienze dell'infinito (amore universale) fa parte della nostra vera natura di Esseri non è un annullamento dell'individualità ma un arricchimento dell'individualità ovvero la nostra individualità o Essenza ne esce rafforzata. L'incontro e il dialogo non la fa scomparire anzi. La separazione tra di noi, e tra noi e la Sorgente, è una condizione malata dell'esistenza e contro natura, è una malattia, un limite che alcuni umani hanno imposto a se stessi a causa della paura. La paura è l'assenza di Amore.



#189 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 07 luglio 2019 - 09:51

Queste cose te l'hanno detto al catechismo e si trovano pure nei libri di Astar Sheran, ma sono favole che qualcuno ha voluto raccontare all'umanità-bambina immatura, allora ancora incapace di comprendere la vera realtà. Sempre più persone si accorgono che dio è solo una invenzione filosofica e teologica utile all'uomo primitivo per colmare tante lacune dovute alla mancanza di scienza e coscienza. L'uomo primitivo credeva in dio per restare in contatto con la sua Sorgente che non è dio. Questo dio immaginario simboleggiava i nostri creatori e alcune loro (e nostre) caratteristiche spirituali. Non è necessario credere nelle forze esterne all'uomo, per poterle utilizzare - visto che le stesse forze (potenzialità) l'uomo ha già dentro essendo stato creato uguale alla sua Sorgente celeste o cosmica. Puro Amore, pura Giustizia e pura Pace sono dentro di te nel senso che tu sei Puro Amore, pura Giustizia e pura Pace ma non sapendolo credi siano in un dio, in un essere esterno, anche per deresponsabilizzare te stesso e gli altri. Non c'è un Ente o entità che ingloba tutto e tutti, il quale normalizza ogni cosa quindi è ovvio che tu non sei me ed io non sono te. L'infinito non è un essere cosciente "tutt'uno", ma l'infinito è lo spaziotempo che ci ospita tutti quanti. L'infinito non è il nostro creatore, non ci osserva, non ci conosce ergo non è il nostro dio. Quando le Dottrine antiche parlano dell'Uno, si intende non che io divento te e te diventi me ma significa la connessione tra tutte le cose, soprattutto quelle Viventi e coscienti. Se io comunico con te non vuol dire che dopo sono diventato te, non perdo la mia individualità. La connessione spirituale tra tutte le coscienze dell'infinito (amore universale) fa parte della nostra vera natura di Esseri non è un annullamento dell'individualità ma un arricchimento dell'individualità ovvero la nostra individualità o Essenza ne esce rafforzata. L'incontro e il dialogo non la fa scomparire anzi. La separazione tra di noi, e tra noi e la Sorgente, è una condizione malata dell'esistenza e contro natura, è una malattia, un limite che alcuni umani hanno imposto a se stessi a causa della paura. La paura è l'assenza di Amore.

Asthar Sheran non gradisce il catechismo è contro l’insegnamento della chiesa, dunque l’insegnamento dalla chiesa rispetto a Dio non è lo stesso insegnamento che ci insegna Asthar Sheran. A me non mi interessa se molti di voi credono che Dio è una invenzione filosofica e teologica possono essere anche sette miliardi di persone che dicono questo ma sappi che la verità non è detto che debba essere in base alla maggioranza della popolazione, può benissimo essere nella minoranza, perché la pura verità su ogni cosa è una sola.

 

Io non credo a tutto ciò che dice la nostra scienza, per il fatto che certe verità vengono occultate.

 

Una scienza che nega l’esistenza di Dio significa che coloro che ci stanno dentro a lavorare sono atei, l’ateismo non lo accetto perché questi non vogliono rispettare tutte le leggi di Dio, Rael è uno di questi e se dovesse prendere il contatto con la terra significa che avremo a che fare con un anticristo, ma sicuramente Dio interverrà dando un suo comando a chi lavora per Lui e questo inganno verrà svelato, in modo che tutti gli eletti non vengano ingannati anche se miliardi di persone lo saranno, ma gli eletti alla fine otterranno la terra promessa e tutti gli altri dovranno sottostare alle leggi di Dio.



#190 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9275 messaggi

Inviato 07 luglio 2019 - 11:28

A parte il fatto che ormai la discussione è in pieno OT.... faccio un ultimo intervento e poi mi fermo.

 

 

.... l’ateismo non lo accetto perché questi non vogliono rispettare tutte le leggi di Dio, Rael è uno di questi e se dovesse prendere il contatto con la terra significa che avremo a che fare con un anticristo, ma sicuramente Dio interverrà dando un suo comando a chi lavora per Lui e questo inganno verrà svelato, in modo che tutti gli eletti non vengano ingannati anche se miliardi di persone lo saranno, ma gli eletti alla fine otterranno la terra promessa e tutti gli altri dovranno sottostare alle leggi di Dio.

Pensiero tuo certo, ma la libertà di espressione dell'essere umano? "Non vogliono rispettare tutte le leggi di Dio"? ognuno fa ciò che si sente di fare. Io credo che la propria spiritualità va vissuta "in silenzio" ed attivamente. Qua non si cerca di convertire nessuno, limitiamoci a condividere una nostra esperienza o semplicemente il nostro modo di vedere personale, non di un qualcosa di studiato ed assimilato. Senza parlare che qua è vietato fare proselitismo.

 

Il titolo del 3D è "Un Dio può morire?" era un argomento interessante, rientriamo in tema?


  • Lunanerina piace questo

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#191 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 07 luglio 2019 - 01:15

A parte il fatto che ormai la discussione è in pieno OT.... faccio un ultimo intervento e poi mi fermo.

 

Pensiero tuo certo, ma la libertà di espressione dell'essere umano? "Non vogliono rispettare tutte le leggi di Dio"? ognuno fa ciò che si sente di fare. Io credo che la propria spiritualità va vissuta "in silenzio" ed attivamente. Qua non si cerca di convertire nessuno, limitiamoci a condividere una nostra esperienza o semplicemente il nostro modo di vedere personale, non di un qualcosa di studiato ed assimilato. Senza parlare che qua è vietato fare proselitismo.

 

Il titolo del 3D è "Un Dio può morire?" era un argomento interessante, rientriamo in tema?

Dio non può morire e nemmeno nessuno di noi può morire, tutti siamo eterni. Muore il corpo ma l’anima è eterna.

 

Certamente che ognuno è libero di fare ciò che vuole fa parte di una legge di Dio, ma ci sarà sempre un alt quando Dio nota che si va oltre. Tutti coloro che non vogliono rispettare le leggi di certo non potranno mai entrare a far parte della terra promessa.



#192 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 07 luglio 2019 - 01:41

Dire che Dio può morire significa sconoscere che nemmeno un solo uomo può morire nemmeno se lo desidera; Dio è L'Eternità, il Divenire continuo di ogni cosa che è, che sarà sempre. Dio è nel tempo e nello Spazio, fuori del tempo e dello Spazio. Dio è tutto e tutto è Dio. Se noi siamo è perché Dio è.



#193 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10542 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 07:52

Dire che Dio può morire significa sconoscere che nemmeno un solo uomo può morire nemmeno se lo desidera; Dio è L'Eternità, il Divenire continuo di ogni cosa che è, che sarà sempre. Dio è nel tempo e nello Spazio, fuori del tempo e dello Spazio. Dio è tutto e tutto è Dio. Se noi siamo è perché Dio è.


Questo concetto scusa ma non va in contraddizione con quel che dicesti che starebbe in un punto esatto dell'Universo?

Se è al di sopra del tempo e dello spazio, è un limite tutto nostro il fatto di immaginarlo confinato in uno spazio preciso.
:asdsi:
  • Lunanerina piace questo

anf puff pant


#194 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 08:28

Questo concetto scusa ma non va in contraddizione con quel che dicesti che starebbe in un punto esatto dell'Universo?

Se è al di sopra del tempo e dello spazio, è un limite tutto nostro il fatto di immaginarlo confinato in uno spazio preciso.
:asdsi:

Tutto ciò che esiste viene da Dio, noi veniamo da Dio sia le persone buone sia le persone cattive, il bene viene da Dio, il male viene da Dio.

 

È così perché esistono sempre le due parti BENE e MALE/BUONO e CATTIVO/GUERRA e PACE/AMORE e VENDETTA ecc.

 

Per far modo che la luce si accende servono due poli uno è il positivo e l’altro è negativo, la calamita ha due poli polo nord e polo sud, Dio come avversario ha il diavolo, tutto funzione in questo modo non può esistere solo una parte ma esiste anche la parte opposta, ma Dio nelle sue creazioni ha dato delle leggi ed in ogni cosa esiste la legge di Dio e se si rispettano tutte queste leggi possiamo vivere di Amore di Giustizia e di Pace, alla fine dipende da noi se vogliamo fare del bene o del male dato che Dio ci ha donato il dono di avere il libero arbitrio, senza questo libero arbitrio saremmo stati solo dei robot, mentre una coscienza con libero arbitrio possiamo decidere noi stessi da che parte vogliamo stare.



#195 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9275 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 08:47

 

Dio ci ha donato il dono di avere il libero arbitrio, senza questo libero arbitrio saremmo stati solo dei robot, mentre una coscienza con libero arbitrio possiamo decidere noi stessi da che parte vogliamo stare.

Non mi torna questo passaggio. La libertà di scelta è a prescindere in ognuno di noi, lo possiamo sperimentare nella vita di tutti i giorni. Ognuno di noi può scegliere come viversi la propria vita. Tutto il resto è solo teoria, io punterei più sulla pratica che inizia con la nostra vita interiore ed il successivo confrontarsi/interagire con il prossimo nel migliore dei modi.

 

Per tornare in tema, io credo che la morte riguardi solo gli esseri viventi che popolano la Terra. Il concetto di Dio, la sua collocazione, la sua conformazione non penso sia comprensibile per l'Uomo.

 

Un Dio può certamente morire, in senso figurato, nell'animo delle persone.

 

 


  • Lunanerina piace questo

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#196 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10542 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 09:10

Tutto ciò che esiste viene da Dio, noi veniamo da Dio sia le persone buone sia le persone cattive, il bene viene da Dio, il male viene da Dio.

È così perché esistono sempre le due parti BENE e MALE/BUONO e CATTIVO/GUERRA e PACE/AMORE e VENDETTA ecc.

Per far modo che la luce si accende servono due poli uno è il positivo e l’altro è negativo, la calamita ha due poli polo nord e polo sud, Dio come avversario ha il diavolo, tutto funzione in questo modo non può esistere solo una parte ma esiste anche la parte opposta, ma Dio nelle sue creazioni ha dato delle leggi ed in ogni cosa esiste la legge di Dio e se si rispettano tutte queste leggi possiamo vivere di Amore di Giustizia e di Pace, alla fine dipende da noi se vogliamo fare del bene o del male dato che Dio ci ha donato il dono di avere il libero arbitrio, senza questo libero arbitrio saremmo stati solo dei robot, mentre una coscienza con libero arbitrio possiamo decidere noi stessi da che parte vogliamo stare.

Scusa ma tutta sta pappardella che presumo copiaincollata, anche perché quando scrivi di testa tua il tuo stile grammaticale è completamente diverso, NON ha niente a che fare con la domanda che ti ho fatto.

Ripeto: prima hai affermato che Dio è in un punto preciso dell'Universo.
Poi hai affermato che Dio è immanente e al di fuori del tempo e dello spazio.

Spiega questa contraddizione.
Evitando prediche da proselitismo.
  • Lunanerina piace questo

anf puff pant


#197 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 10:10

Scusa ma tutta sta pappardella che presumo copiaincollata, anche perché quando scrivi di testa tua il tuo stile grammaticale è completamente diverso, NON ha niente a che fare con la domanda che ti ho fatto.

Ripeto: prima hai affermato che Dio è in un punto preciso dell'Universo.
Poi hai affermato che Dio è immanente e al di fuori del tempo e dello spazio.

Spiega questa contraddizione.
Evitando prediche da proselitismo.

 

 

Tutto ciò che esiste viene da Dio, noi veniamo da Dio sia le persone buone sia le persone cattive, il bene viene da Dio, il male viene da Dio. È così perché esistono sempre le due parti BENE e MALE/BUONO e CATTIVO/GUERRA e PACE/AMORE e VENDETTA ecc.

Per far modo che la luce si accende servono due poli uno è il positivo e l’altro è negativo, la calamita ha due poli polo nord e polo sud, Dio come avversario ha il diavolo, tutto funziona in questo modo non può esistere solo una parte ma esiste anche la parte opposta, ma Dio nelle sue creazioni ha dato delle leggi ed in ogni cosa esiste la legge di Dio e se si rispettano tutte queste leggi possiamo vivere di Amore di Giustizia e di Pace, alla fine dipende da noi se vogliamo fare del bene o del male dato che Dio ci ha donato il dono di avere il libero arbitrio, senza questo libero arbitrio saremmo stati solo dei robot, mentre una coscienza con libero arbitrio possiamo decidere noi stessi da che parte vogliamo stare.

…………………………

Tieni come buono questo, il resto dimenticalo tanto non serve sapere dove sta per il fatto che Dio non è una persona ma è una coscienza.



#198 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 10:28

Non mi torna questo passaggio. La libertà di scelta è a prescindere in ognuno di noi, lo possiamo sperimentare nella vita di tutti i giorni. Ognuno di noi può scegliere come viversi la propria vita. Tutto il resto è solo teoria, io punterei più sulla pratica che inizia con la nostra vita interiore ed il successivo confrontarsi/interagire con il prossimo nel migliore dei modi.

 

Per tornare in tema, io credo che la morte riguardi solo gli esseri viventi che popolano la Terra. Il concetto di Dio, la sua collocazione, la sua conformazione non penso sia comprensibile per l'Uomo.

 

Un Dio può certamente morire, in senso figurato, nell'animo delle persone.

Tutto il resto non è teoria per il fatto che esiste una realtà e chi non cerca le verità alla fine fa altro che prolungare le proprie sofferenze, e succede questo per il fatto che non si crede alle reincarnazioni, e non si crede che ad ogni CAUSA esiste poi EFFETTO.

 

Riguardo alla morte è uno sbaglio a non credere che siamo eterni.

 

Dio non muore per il fatto che ci sono persone che non credono alla sua esistenza semmai sono queste persone che per loro non esiste.



#199 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9275 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 10:42

Tutto il resto non è teoria per il fatto che esiste una realtà e chi non cerca le verità alla fine fa altro che prolungare le proprie sofferenze, e succede questo per il fatto che non si crede alle reincarnazioni, e non si crede che ad ogni CAUSA esiste poi EFFETTO.

 

Riguardo alla morte è uno sbaglio a non credere che siamo eterni.

 

Dio non muore per il fatto che ci sono persone che non credono alla sua esistenza semmai sono queste persone che per loro non esiste.

Per me resta sempre teoria ciò che dici, perchè non dimostrabile. Meglio fare esperienza interiore, piuttosto che cercare una pseudo verità nella giungla dei falsi Profeti....

 

Più che chiamarlo "sbaglio" lo possiamo chiamare "libera scelta"?  E poi come lo chiami tu il momento in cui lasciamo la nostra esistenza terrena? Fino a prova contraria si chiama "morte", difficile da accettare nella nostra attuale condizione. Poi se ci sarà qualcosa dopo, lo sperimenteremo.

 

Forse non sai che c'è un altra categoria di persone, quelle che un tempo credevano e successivamente non lo fanno più: a loro mi riferivo. Per loro Dio è morto.....


 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#200 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 08 luglio 2019 - 11:02

Per me resta sempre teoria ciò che dici, perchè non dimostrabile. Meglio fare esperienza interiore, piuttosto che cercare una pseudo verità nella giungla dei falsi Profeti....

 

Più che chiamarlo "sbaglio" lo possiamo chiamare "libera scelta"?  E poi come lo chiami tu il momento in cui lasciamo la nostra esistenza terrena? Fino a prova contraria si chiama "morte", difficile da accettare nella nostra attuale condizione. Poi se ci sarà qualcosa dopo, lo sperimenteremo.

 

Forse non sai che c'è un altra categoria di persone, quelle che un tempo credevano e successivamente non lo fanno più: a loro mi riferivo. Per loro Dio è morto.....

È anche necessario distinguere i falsi profeti e i veri profeti. Dio fino hai tempi di Mosè fece modo di dare alla popolazione della terra dei messaggi, lo fece a quei tempi e lo sta facendo ancora oggi, poi sta ad ognuno di noi a riconoscere ciò che è vero e ciò che è falso. Si sa benissimo che messaggi avuti millenni fa non possono essere perfettamente autentici dopo tutto questo tempo, per questo Dio manda uomini a riportare le verità, ma c’è da stare attenti perché anche l’avversario di Dio fa portare messaggi ma questi sono quelli che ingannano le persone dato che il diavolo è astuto e sa come fare per ingannare molte persone.

 

La libera scelta la facciamo in base alla nostra volontà ma se manca la preparazione spirituale quella scelta può portarci poi a sorprese poco piacevoli.

 

Non per tutti è difficile accettare la morte, dipende sempre dalla preparazione spirituale che abbiamo, se manca la parte spirituale la morte è sofferenza appunto perché si crede che poi non esistiamo più o per alcuni chissà cosa sarà poi ma per le persone preparate sanno più o meno cosa gli aspetta.

 

Se per quelle persone Dio è morto lo sarà per loro ma non lo è per me.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi